B.Carige: c’è Sga su portfolio Npl da 200 mln in via di cessione

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

La macchina dello smaltimento dei crediti deteriorati di Banca Carige non si può fermare e non si arresta. Dopo la cessione di Npl per 1,2 mld (valore nominale lordo) a Credito Fondiario, il prossimo passo potrebbe essere – secondo quanto appreso da MF-Dowjones – la cessione di un altro portafoglio di crediti non performanti da 200 mln di euro (valore lordo) alla società per la gestione di attività (Sga), realtà acquisita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze nel 2016 e conosciuta principalmente per aver partecipato al salvataggio del Banco di Napoli a fine anni Novanta.

Una prima intesa è stata raggiunta nei primi giorni di dicembre quando Banca Carige “ha riconosciuto a uno dei sub garanti di prima allocazione un diritto di prima offerta su un portafoglio di Npl eventualmente oggetto di cessione per un valore lordo di circa 200 milioni di euro”. Il sub-garante in questione sarebbe proprio Sga, società che ha già partecipato anche all’aumento di capitale dell’istituto della Lanterna come investitore di primo accollo insieme a Chenavari, Fondiario, Sga e Gabriele Volpi (che complessivamente hanno sottoscritto azioni per un controvalore di 119,25 milioni).

Il portafoglio è di ammontare ridotto, ma la cessione rappresenterebbe comunque un ulteriore passo in avanti verso il raggiungimento dei target posti nel piano industriale. Come ricordato da MF-Milano Finanza l’impegno dell’istituto guidato dall’a.d. Paolo Fiorentino su questo fronte è a 360 gradi. Il piano industriale presentato a settembre prevede una riduzione dello stock per arrivare a 1,6 miliardi a fine 2018 e a 1,1 miliardi nel 2020. L’ipotesi operativa è alternare gestioni e cessioni single name, approfittando della composizione del portafoglio che risulta concentrato su posizioni large corporate. Solo quest’anno la banca dovrebbe mettere sul mercato portafogli per un valore lordo complessivo di mezzo miliardo di euro. Il Cda che si terrà a metà mese farà il punto anche su questo fronte (lo smaltimento dello stock di Npl), oltre che sull’alleanza industriale con Ibm bell’ambito dell’It e delle business operation.