De Benedetti, le cene eleganti e “la Repubblica”

Al giornale fondato da Scalfari non hanno gradito le esternazioni dell’editore: ha violato la regola del “si fa ma non si dice”

carlo-de-benedetti
Dalle parti di Repubblica hanno un’idea di sé molto prossima a una chiesa. Pontificano su tutto e su tutti: distribuiscono patenti di moralità a destra e manca, segnano a dito i reprobi, si elevano a castigatori dell’umanità politica e giornalistica. Si prendono sul serio: hanno i loro riti, rivendicano di essere una comunità pregna di valori (ah, i valori…), hanno un gran sacerdote in Eugenio Scalfari che santifica ogni domenica con un sermone spesso autocelebrativo e un editore che non è transeunte ma al contrario è eterno e assoluto.

Il nome di quest’ultimo è Carlo De Benedetti. Quella di Repubblica è in realtà una chiesa sconsacrata perché è popolata di peccatori e finti moralisti. Tanto per capirci: a quella chiesa è capitato di azzannare gli “infedeli” sulle furberie salvo poi scoprire che il suo direttore aveva acquistato un attico ai Parioli dichiarando nell’atto un prezzo inferiore di 850 milioni di lire versati in nero con assegni da 20 milioni ciascuno; a quella chiesa è successo di imbastire una campagna feroce contro i giornalisti puzzoni di destra (per loro essere di destra è già un’offesa grave) sulla “macchina del fango” attivata con gli articoli sulla casa di Montecarlo della premiata ditta Fini-Tulliani salvo poi scoprire che era tutto vero e non avvertendo se non il pudore almeno la necessità di chiedere scusa.

Mi fermo qui per non rubare spazio al protagonista di questo articolo e dunque torno a De Benedetti. 
Nella chiesa sconsacrata lui è il Deus ex machina, l’elemento che nel teatro greco risolveva le tragedie.

L’Ingegnere è persona astutissima incappato spesso nelle maglie della giustizia. Tanto per dire, tra qualche giorno dovrà affrontare un processo d’Appello al quale arriva con una condanna a cinque anni e due mesi di carcere per omicidio colposo plurimo per le morti causate dall’amianto alla Olivetti.

Pochi giorni fa, poi, sono stati rivelati un’intercettazione telefonica e un verbale del medesimo sulla vicenda delle banche popolari. Lettura interessantissima negata in massima parte ai lettori di Repubblica, abituati a ingurgitare in questi anni paginate e paginate di intercettazioni telefoniche di ogni genere farcite da immancabili pistolotti moralisteggianti destinati a rimanere invenduti persino ai saldi delle indulgenze.

Ma tant’è. De Benedetti, al telefono con la persona che ne cura gli investimenti, sa per certo che arriverà un decreto sulle banche popolari e assicura: “Passa, ho parlato con Renzi, passa…”. 

De Benedetti fa investire 5 milioni di euro acquistando titoli delle popolari e quattro giorni dopo il Consiglio dei ministri approva il decreto che impone alle banche di trasformarsi in società per azioni. I titoli salgono e l’Ingegnere porta a casa, cotto e mangiato, un guadagno di 600 mila euro

Chiamato dalla Consob a spiegare il tutto (la Procura di Roma poi archivierà), De Benedetti ricostruisce il suo rapporto con Renzi e rivela i rapporti con altri ministri. Dalla lettura ricaviamo che “normalmente” De Benedetti e Renzi “fanno breakfast” (sarebbe la prima colazione della plebe) insieme a palazzo Chigi. 
Succede perché Renzi è stato folgorato quando era ancora sindaco di Firenze dalla levatura di Don Carlo e gli disse quando si davano del lei: “Senta, io avrei il piacere di poter ricorrere a lei per chiederle pareri, consigli quando sento il bisogno”. 

Accolta la richiesta del discepolo, l’Ing. diventò “l’advisor gratuito, saltuario e senza impegni” del segretario Pd ma puntualizzò: “Guardi, va benissimo. Non faccio… non stacco parcelle però sia chiara una roba: che se lei fa una cazzata io le dico: caro amico è una cazzata”. In sintesi si riservò “il diritto di dirgli che era un cazzone quando mi sembrava fosse il caso”. 
A giudicare dai risultati ottenuti da Renzi, il “cazzometro” non deve aver mai registrato importanti oscillazioni. 
Di sicuro bisogna dare credito all’Ingegnere quando racconta di aver cercato di trasferire più o meno inutilmente a Renzi, tra un caffè e un cornetto, elementi di economia in quanto l’ex premier, come milioni di italiani sanno, “di economia capisce onestamente poco“. 

Il discepolo un po’ somarello in economia si fidò del Maestro sul Jobs act con i risultati che conosciamo (la creazione di una valanga di precari). E infatti l’Ingegnere ricorda: “Io gli dicevo che lui doveva toccare, per primo, il problema lavoro e il Jobs act è stato – qui lo dico senza, senza vanto, anche perché non mi date una medaglia – ma il il Jobs act gliel’ho… gliel’ho suggerito io all’epoca come una cosa che poteva secondo me essere utile e che, di fatto, lui poi è stato sempre molto grato perché è l’unica cosa che gli è stata poi riconosciuta”. 

Colui che si definisce “l’ultimo grande vecchio che è rimasto in Italia… non per merito ma per decorrenza dei termini” entra ed esce dalle stanze del potere. 
In realtà preferisce ricevere in casa. Siccome il breakfast è riservato a Renzi c’è spazio per i dinner
Insomma, dà vita e vere e proprie cene eleganti con esponenti del governo che si abbeverano alla sua saggezza: “Sono molto amico di Elena Boschi, ma non la incontro mai a Palazzo Chigi. Lei viene sovente a cena a casa nostra ma non.. diciamo io, del Governo vedo sovente la Boschi, Padoan. Anche lui viene a cena a casa mia e basta. Perché poi sa, quello lì si chiama Governo, ma non è un Governo, sono quattro persone, ecco”.

Dopo questo inno alla collegialità e lette queste confessioni, a Repubblica si sono resi conto che l’Ingegnere l’ha fatta fuori dal vaso. Perché ha contravvenuto alla prima regola della casa, pardon! della chiesa sconsacrata: si fa ma non si dice.

—————–

Panorama La Stanza del Direttore