Quei favori di Equitalia a imprenditori e politici

Dopo il rinvio a giudizio dell’ex vicepresidente delle Entrate emergono contatti con Claudio Lotito e Cirino Pomicino

Non c’è solo Gabriella Alemanno, ex vice direttrice dell’Agenzia delle Entrate e sorella di Gianni, l’ex sindaco di Roma, rinviata a giudizio tre giorni fa con l’accusa di abuso d’ufficio. Tra le persone coinvolte nell’inchiesta sull’ex direttore Regionale di Equitalia Sud, Alessandro Migliaccio, condannato tre giorni fa a due anni di carcere con rito abbreviato, secondo quanto emerge dalle carte dell’inchiesta, ci sono anche il presidente della Lazio, Claudio Lotito; il senatore Roberto Della Seta; il giudice del Consiglio di Stato Oberdan Forlenza; e l’ex ministro Dc Paolo Cirino Pomicino. Nessuna di queste persone è iscritta sul registro degli indagati, ma tutti hanno avuto contatti ripetuti con Migliaccio. Ad esempio – annotano i finanzieri – Lotito e Migliaccio «intrattengono numerosi contatti aventi a oggetto posizioni con Equitalia per 100 milioni di euro». 

 

In particolare – si legge nelle carte dell’indagine – «nel febbraio 2014 Lotito chiede a Migliaccio informazioni per alcuni suoi amici». Lotito: «il 28 è il termine ultimo, per capire questo, ma voi cosa togliereste?» e Migliaccio risponde: «Gli interessi di mora, e poi gli interessi di ritardata iscrizione al ruolo». Migliaccio evidenzia: «E’ una valutazione, dipende da ciò che si ha in cassa». E Lotito: «senza garanzie no?» Migliaccio risponde: «sempre senza garanzie da noi… Non vi preoccupate, se poi è persona sua ci mancherebbe altro… Ce l’abbiamo la garanzia». 

 

Il senatore Roberto Della Seta, invece, dopo aver sanato la propria posizione debitoria con Equitalia con l’assistenza di Migliaccio ed in virtù della disponibilità ricevuta chiede allo stesso Migliaccio di ricevere il proprio cugino, titolare della società «Taikner», per esaminare la propria situazione, trovandosi nei panni di chi «vuole risolvere e non ci riesce».  

 

Secondo gli inquirenti, in sostanza, all’interno di Equitalia tra il 2013 e il 2014 sarebbe stato organizzato un vero e proprio «sistema» per favorire politici e imprenditori di alto livello nella gestione delle pratiche con l’Agenzia. Figura centrale nell’inchiesta è ovviamente Gabriella Alemanno, rinviata a giudizio per aver aiutato una sua conoscente a «risolvere», almeno temporaneamente, i suoi problemi con Equitalia. A processo anche la donna che avrebbe usufruito del suo aiuto, ed altre 4 persone a seguito delle indagini, condotte dalla Guardia di Finanza e coordinate dal pm Stefano Rocco Fava. La dirigente avrebbe contatto telefonicamente, in due circostanze, Migliaccio chiedendo di intervenire sulla posizione esattoriale della sua amica.  

 

Quest’ultima avrebbe poi incontrato di persona il direttore, chiedendogli di sospendere il debito pendente. In una seconda occasione, la stessa imputata avrebbe insistito anche per evitare che alcuni stipendi che le erano dovuti finissero direttamente nelle casse dell’Agenzia. Entrambe le richieste, secondo la procura, sarebbero state accolte dall’ex direttore, che avrebbe sospeso le due cartelle esattoriali pendenti per circa 67 mila euro complessivi. Successivamente, lo stesso imputato avrebbe parzialmente chiuso la procedura di recupero presso «terzi», consentendo alla debitrice di regolarizzare la sua posizione anche attraverso una dilazione.  

 

Dall’inchiesta emerge anche una curiosità: per qualche misteriosa ragione sono finite nelle cartelle esattoriali che Equitalia attribuisce anche a se stessa alcune multe per accesso senza permesso in via dei Serpenti, dove abita l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, all’epoca in carica. E le multe le ha prese proprio l’auto presidenziale.  (Edoardo Izzo La Stampa)