AFFARI DI CUORE O CUORE DEGLI AFFARI? IL SODALIZIO AMOROSO FRA DOMENICO ARCURI (INVITALIA) E ANTONELLA MANSI (CONFINDUSTRIA) TIENE BANCO NEI SALOTTI E FUORI – VOGLIONO FARE CARRIERA: LUI PUNTA ALLA POLTRONA DI AD DI CASSA DEPOSITI E PREESTITI, LEI A DIVENTARE PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA

DAGOREPORT

merlino arcuriMERLINO ARCURI

 

Affari di cuore o cuore degli affari? Un nuovo sodalizio (amoroso, pare) sta tenendo banco nelle serate dei salotti romani. Ed è quello fra Antonella Mansi e Domenico Arcuri. La coppia è in gran spolvero. Con un obiettivo di fondo: fare carriera.

 

COSTAMAGNA GALLIACOSTAMAGNA GALLIA

L’ex di Myrta Merlino ha un sogno nel cassetto (e rischia di restarci, a sentire i boatos): diventare amministratore delegato di Cassa depositi e prestiti al posto di Fabio Gallia. L’attuale ad farà le valigie in primavera insieme a Claudio Costamagna. E l’uomo di Invitalia ha messo gli occhi su quella poltrona.

arcuri lettaARCURI LETTA

 

Molto dipenderà dalla nuova maggioranza di governo (e dal prossimo ministro dell’Economia). Così, Arcuri è pronto ad abiurare l’amicizia con Massimo D’Alema e sta cercando sponde con l’ala forzista della futura maggioranza. In modo particolare, con Gianni Letta. Resta da capire chi, nella futura Cassa depositi e prestiti, diventerà presidente su indicazione delle Fondazioni.

 

mansi renziMANSI RENZI

Anche la sua fiancee cerca upgrade professionali. Antonella Mansi ha inquadrato il bersaglio grosso: punta alla promozione da vice presidente a presidente. Di Confindustria. Fino a poco tempo fa, poteva vantare un ottimo rapporto con Matteo Renzi. Ma a quel che dicono le malelingue salottiere questo rapporto si sarebbe incrinato.

 

antonella mansiANTONELLA MANSI

A rovinarlo sarebbe stato il tentativo (a lei accreditato) di far candidare Vincenzo Boccia con il centrodestra. Avrebbe preso due piccioni con una fava: si sarebbe tolta di mezzo il presidente della Confindustria e vantato un’apertura di credito da chi senz’altro farà parte della nuova maggioranza.

 

VINCENZO BOCCIA CONFINDUSTRIAVINCENZO BOCCIA CONFINDUSTRIA

Peccato (per lei) che Boccia non si candiderà con Forza Italia. Sarebbe stato un salto triplo e nel vuoto, soprattutto dopo aver sponsorizzato senza riserve il referendum istituzionale perso dal Ducetto. E soprattutto il sostegno che a Boccia da sempre gli garantisce il conterraneo ed omonimo, Vincenzo De Luca. (dagospia.com)