Borsa, passaggi generazionali in crisi. Se il capitalismo non trova l’erede

Nelle aziende familiari il passaggio generazionale si è bloccato, così gli ultra 75enni Ferragamo, Colaninno, Bombassei, Benetton e Del Vecchio restano in sella

Borsa, passaggi generazionali in crisi. Se il capitalismo non trova l'erede

 
Foto LaPresse 

Che cosa hanno in comune Ferruccio Ferragamo, Roberto Colaninno, Alberto Bombassei, Luciano Benetton e Leonardo Del Vecchio, nomi molto noti in Borsa? Che pur avendo da tempo superato l’età per andare in pensione, sono saldamente al comando delle rispettive aziende. Ferragamo, il più giovane compiendo quest’anno “solo” 73 anni (è nato il 9 settembre 1945), attuale presidente dell’omonimo gruppo di moda, ha preso il posto non del padre Salvatore morto nel 1960 a soli 62 anni (quando Ferruccio ne aveva 14), ma dalla madre Wanda, cui si deve la trasformazione del gruppo da azienda di sole calzature a casa di moda completa, con linee di abbigliamento per uomo e donna.

benetton

 

 

Colaninno, di un paio d’anni più giovane (è nato il 16 agosto 1943), è presidente di Immsi e Piaggio e vede non nel primogenito Matteo (dal 208 deputato del Pd), quanto piuttosto nel secondogenito Michele, già direttore generale e amministratore delegato di Immsi, il suo erede naturale, ma la successione è ancora in là dal venire. Bombassei di anni ne compierà 78 il prossimo 5 ottobre ed oltre ad essere presidente di Brembo, fondata dal padre Emilio, è anche consigliere d’amministrazione di Italcementi, Atlantia, Pirelli, Ciccolella e Ntv-Italo.

Per non annoiarsi ha trovato anche il tempo di ideare il parco tecnologico Kilometro Rosso a Stezzano (Bergamo), oltre che di ricoprire nel recente passato la carica di vice presidente di Confindustria per le relazioni industriali, affari sociali e previdenza (e di farsi eleggere con Scelta Civica alle elezioni politiche del 2013). Luciano Benetton, che il prossimo 13 maggio compierà 83 anni, alla politica si è dedicato un paio d’anni (tra il 1992 e il 1994, per il Partito Repubblicano Italiano), ma la sua vera passione è sempre stato il gruppo che porta il nome della sua famiglia, da lui stesso fondato nel 1965 insieme alla sorella Giuliana e ai fratelli Gilberto e Carlo.

leonardo del vecchio
 

Tanto che qualche giorno fa ha ripreso il timone del gruppo, tornando ad esserne il presidente esecutivo a seguito delle dimissioni di Francesco Gori, presidente dal maggio 2016. Anche il fratello Gilberto, pur di sei anni più giovane (è nato il 19 giugno 1941) non si è mai tirato indietro e resta presidente di Autogrill e della finanziaria di famiglia, la Edizione Srl, oltre a sedere nei Cda di Atlantia, Mediobanca, Pirelli e Allianz. In compenso il figlio di Luciano, Alessandro, classe 1964, secondo molti “l’erede designato”, nel novembre del 2016 ha preferito fare un passo indietro, uscendo dal Cda di Benetton Group pare a seguito di divergenze sull’opportunità di procedere a una ristrutturazione basata sullo scorporo delle attività del marchio Sisley e su 1.300 esuberi.

Ad Alessandro restano peraltro la presidenza di 21 Investimenti da lui stesso fondata nel 1992 per operare nel settore del private equity, oltre alle poltrone di consigliere nei Cda di Autogrill ed Edizione. Di pochi giorni più giovane di Luciano Benetton, essendo nato il 22 maggio 1935, Leonardo Del Vecchio, fondatore e presidente di Luxottica, oltre che vice presidente di Fonciere Des Regions (immobiliare francese che controlla col 28% dopo aver conferito la quota di maggioranza relativa di Beni Stabili nel 2007), il passo indietro aveva provato a farlo nel 2004 nominando Andrea Guerra amministratore delegato di Luxottica. Sembrava la mossa azzeccata per passare da una dimensione familiare ad una vera e propria multinazionale, ma qualcosa non è andato per il verso giusto, così nel settembre 2014 Guerra ha lasciato il gruppo e Del Vecchio è tornato in sella come presidente esecutivo.

bombassei ape
 

Da quel momento Del Vecchio ha accompagnato all’uscita due possibili successori di Guerra (prima Adil Mehboob-Khan, arrivato meno di un anno e mezzo prima, poi Massimo Vian, che ha preferito lasciare lo scorso dicembre, pochi mesi prima della scadenza naturale del suo mandato), gestendo in prima persona, assieme al vice-presidente e fresco Ceo Francesco Milleri, la lunga e delicata fase di integrazione con Essilor. Anche in questo caso tanto di cappello alla forza di volontà e capacità dimostrate dall’imprenditore, ma come in tutti gli altri casi il problema di gestire la successione generazionale è evidente.

Tra figli non interessati ad avere un ruolo operativo nelle aziende di famiglia, contrasti di mentalità e di visioni imprenditoriali e qualche fatalità, la “maledizione” dei grandi gruppi italiani, creati e gestiti da imprenditori con una personalità molto, forse persino troppo, forte, continua implacabile. Col rischio che anche per questi gruppi come già capitato prima dai Gucci ai Galbani, dai Bulgari ai Gancia, dai Ferretti ai Pesenti, il futuro sia solo quello di finire preda di qualche colosso straniero. Chi sarà il prossimo? 

Luca Spoldi affariitaliani.it