Bper torna in corsa per il 40% di Arca Sgr

La partecipazione messa in vednita dai commissari delle banche venete. Interessati anche alcuni fondi esteri

 
 

Bper torna a vedere all’orizzonte la possibile acquisizione del 40% di Arca Sgr attualmente in capo alle banche venete in liquidazione coatta amministrativa (Lca). Un’operazione che gli analisti hanno più volte indicato come sensata per la banca modenese, che controlla già il 32,75 della sgr. 

In partcilare Bper è primo azionista di Arca nonché il maggiore distributore dei suoi prodotti. La Banca Popolare di Sondrio è il secondo azionista x con una quota del 21,1% del capitale. La Popolare di Vicenza (Bpvi) e Veneto Banca detenevano invece invece il 20% a testa della Sgr, rimasta esclusa dal perimetro dell’acquisizione di Intesa Sanpaolo (a 1 euro) e rimasta appunto ai commissari che si stanno occupando di vendere gli ultimi cespiti delle ex venete. 

Ora, secondo fonti di stampa, i commissari avrebbero affidato alla banca giapponese Nomura il mandato di gestire la vendita della quota di Arca tramite un’asta competitiva. Il prezzo di cessione sarebbe stimato tra 350/400 milioni. Fra i soggetti potenzialmente interessati all’acquisto della partecipazione figurerebbero anche i fondi internazionali Atlas, Cerberus e Centerbridge.

Nel giugno scorso Bper e la stessa Popolare di Sondrio sarebbero state a un passo dall’acquisizione. Nel frattempo, proprio in quelle settimane, la Popolare di Vicenza e Veneto Banca sono finite in liquidazione coatta amministrativa. Ma tra i commissari e i vertici di Bper, per lo meno, non ci sono stati più contatti. 

Bper, che ha riportato conti migliori delle attese nel 2017, raddoppiando il dividendo, ha incassato oggi la conferma della raccomandazione da parte di Société Générale, con target price di 6,2 euro. Stesso giudizio confermato da Kepler Cheuvreux, che ha alzato leggermente il prezzo obiettivo da 5,6 euro a 5,9 euro. In Borsa il titolo Bper segna alle ore 12,20 +1,5% a 4,61 euro contro il +0,17% del Ftse Mib. (StefanoNeri Finanza Report)