Netflix entra nel pacchetto Sky: la grande alleanza delle tv a pagamento in Europa

 

L’intero servizio dei film in streaming sarà compreso nell’abbonamento Sky TV. In Italia non partirà prima della fine del 2019. Ancora da definire i nuovi pacchetti e il prezzo degli abbonamenti

Sky e Netlix, i grandi nemici hanno deciso di fare la pace. Di più: invece di continuare a farsi concorrenza e di provare a strapparsi abbonati, hanno annunciato una alleanza destinata – con tutta probabilità – a mutare lo scenario della televisione. Di sicuro in Europa, poi si vedrà. In pratica, a partire dal 2019 gli abbonati Sky in Europa potranno sottoscrivere pacchetto con i quali potranno anche accedere a tutti i contenuto degli abbonati Netflix. Tutto questo mentre Sky è contesa sia da Comcast, il più grande operatore televsivo via cavo degli Stati Uniti (proprietario di Nbc e Universal Pictures), sia da Disney, la quale ha lanciato una offerta sulle attività di Fox e quindi sulla stessa Sky Europe. Ma andiamo con ordine.

Abbonamento in comune? Partiamo dai termini dell’accordo appena annunciato. Sky e Netflix hanno annunciato una partnership per raggruppare l’intero servizio Netflix all’interno di un nuovo pacchetto di abbonamento Sky TV. Questa alleanza, la prima al mondo nel suo genere, offrirà a milioni di clienti Sky accesso diretto a Netflix attraverso la piattaforma Sky Q. “Sky – spiega una nota – renderà disponibile la vastità dell’offerta Netflix ai clienti nuovi ed esistenti creando un pacchetto TV di intrattenimento ad hoc, che per la prima volta raggrupperà sotto lo stesso tetto i contenuti Sky e Netflix.

 

Il servizio di Netflix include centinaia di ore di contenuti Ultra HD che andranno ad aggiungersi alla ricca programmazione Ultra HD di Sky. Grazie all’App Netflix integrata in Sky Q e alla programmazione di Netflix promossa insieme ai contenuti Sky – continua – i clienti potranno vedere la migliore offerta di intrattenimento, oltre alla TV in chiaro, il tutto sulla piattaforma Sky”.

Come funziona? L’accordo prevede che gli abbonati Sky possano avere accesso diretto ai contenuti Netflix all’interno del menu Sky Q, e trovare i propri programmi Netflix preferiti avvalendosi delle funzioni di ricerca e comando vocale di Sky Q. Ai clienti Netflix, viceversa, verrà offerta la possibilità di migrare il proprio account nel nuovo pacchetto Sky TV, o accedere all’app Netflix utilizzando i dettagli dell’account esistente. “Questo accordo offrirà ai clienti una gamma di contenuti ancora più ampia e migliore, aggiungendo quindi più valore all’abbonamento Sky”.

Ma in Italia? L’accordo prevede che i primi paesi in cui partirà il nuovo abbonamento congiunto saranno Gran Bretagna e Irlanda. A seguire Italia, Germania e Austria. Seguendo la tempistica di tutte le novità Sky in Europa: in quei pasi, per esempio, l’ultra-hd è già disponibile da tempo, in Italia arriverà solo con la prossima Formula Uno. La piattaforma Sky Q, con abbonamento annesso, in Italia è stata appena lanciata (dal dicembre scorso), mentre oltre Manica lo è da due anni e in Germania, per esempio, non c’è ancora. Per cui è inutile affannarsi: l’abbonamento Sky-Netflix in Italia non sarà disponibile prima dell’anno prossimo, anche se una data precisa non è ancora stata resa nota. Del resto, non si sa nemmeno quando partita in Gran Bretagna e Irlanda.

Prezzi ridotti? E’ stata annunciata l’alleanza, ma non si è parlato di cifre. Lo si farà più avanti. Di sicuro, la somma dell’abbonamento “comulativo” sarà inferiore all’attuale somma dei due. Ci saranno pacchetti dedicati e strutturati a seconda dei contenuti. Ma chi ha entrambe le piattaforme porterà sicuramente a casa un risparmio.

Perché l’alleanza? Sky e Netflix proveranno a collaborare per ragioni che convengono a entrambe. Sky evita così di logorarsi con una guerra di prezzi e abbonamenti con un temibile concorrente che offre intrattenimento a prezzi più contenuti. Netflix si allea con un operatore di peso che gli garantirà ricavi sicuri, nel momento in cui da Amazon a Facebook arrivano serie minacce per il suo tipo di offerta di film e serie Tv. Una battaglia “parallela” che costringe Netflix a investire su nuove serie originali ogni anno per sostenere la crescita degli abbonamenti. Inoltre, Sky arricchisce il suo “palinsesto” offrendo un ulteriore servizio.

L’amministratore delegato di Sky Italia, Andrea Zappia, ha parlato di una “tappa rivoluzionaria nel nostro percorso di innovazione tecnologica e culturale”. Jeremy Darroch, ceo di Sky, ha aggiunto: “Riunendo i contenuti Sky e Netflix sotto lo stesso tetto, al fianco dei programmi targati HBO, Showtime, Fox e Disney, stiamo rendendo l’esperienza di intrattenimento ancora più semplice e immediata per i nostri clienti”. Non è mancato il commento dell’omologo di Netflix, Reed Hastings: “Siamo lieti di collaborare con Sky per riunire sotto lo stesso tetto il meglio delle ultime tecnologie”.

LUCA PAGNI repubblica.it