Credem, Cet1 ratio sale a 13,69% dopo autorizzazione Bce

Credem, Cet1 ratio sale a 13,69% dopo autorizzazione Bce

La Banca centrale europea ha autorizzato il gruppo Credem a non dedurre dal calcolo dei propri coefficienti patrimoniali la partecipazione al 100% in Credemvita. Tale decisione di BCE, effettiva a partire dalla data del 31 Dicembre 2017, comporta una revisione incrementale dei coefficienti patrimoniali di vigilanza comunicati in sede di approvazione dei risultati preliminari. In particolare il Cet1 ratio aumenta da 13,32% a 13,69% (+37 bps), dato oltre 6 punti percentuali al di sopra del livello minimo assegnato da Bce per il 2018 pari a 7,375%. Lo rende noto lo stesso istituto di credito.

“L’autorizzazione ricevuta rappresenta un ulteriore elemento di conferma della bontà del percorso intrapreso dal Gruppo che ha raggiunto a fine dicembre 2017 oltre i 40 miliardi di totale attivo, con una crescita particolarmente significativa, pari ad oltre il 30%, da fine 2013”, commenta il direttore generale di Credem, Nazzareno Gregori. “Lo sviluppo ha riguardato tutte le attività del gruppo, dai servizi di investimento e bancari alla consulenza nell’ambito assicurativo, con le riserve più che raddoppiate tra la fine del 2013 e dicembre 2017 raggiungendo quota 6,8 miliardi di euro”, prosegue, “sono convinto che un ruolo chiave di questa crescita è riconducibile alla nostra tradizionale attenzione alla relazione con la clientela, ad una gamma completa di servizi di wealth management e alla qualità delle persone che operano nel gruppo”. affariitaliani.it