Intesa San Paolo non mette in vendita la sede centrale dell’ex Banca d’Intra

CRISTINA PASTORE LASTAMPA.IT 9 MARZO 2018

«Non viene messa in vendita, anzi Intesa San Paolo ha già iniziato la ristrutturazione dei tre piani della sede centrale della ex Banca d’Intra in piazza Aldo Moro a Verbania. Quel palazzo verrà trasformato in un luogo di incontro per la clientela, soprattutto per gli imprenditori, e alcune sale saranno messe a disposizione di iniziative per la città». La notizia arriva dal sindaco Silvia Marchionini: lo ha appreso in un incontro nei giorni scorsi a Torino con Cristina Balbo, direttore regionale Piemonte Valle d’Aosta Liguria di Intesa San Paolo, e Stefano Barrese, direttore per le relazioni con questi territori.  

I tre si erano parlati in autunno, ma con una lettera della scorsa settimana il sindaco di Verbania è tornato a chiedere informazioni sulla sorte del palazzo nella piazza «delle banche» a Intra e delle filiali di Veneto Banca, che in città – oramai sotto un’unica insegna – rappresentano doppioni per Intesa San Paolo.  

«Tutto sommato le risposte ottenute sono positive» commenta il sindaco Marchionini. L’idea della nuova proprietà di Veneto Banca, (istituto che nel 2007 aveva acquisito la Popolare di Intra) è realizzare nella ex sede centrale di piazza Aldo Moro anche spazi di co-working per la collaborazione tra professionisti e giovani imprenditori.  

 

LEGGI ANCHE – Fallimento Palese, drammatico scenario per le 23 famiglie del condominio Intra Alta  

 

«Se fosse stata chiusa e venduta il rischio sarebbe stato la desertificazione commerciale di questa parte di Intra, pericolo fugato» spiega Marchionini, che ha avuto conferma del mantenimento della filiale di Trobaso. «Non fa grandi numeri – ammette – ma è importante per tutto l’entroterra verbanese» .  

Le agenzie che invece chiuderanno sono quelle di piazza don Minzoni a Intra e corso Europa a Pallanza.  

 

Il problema di Suna  

In via di smantellamento anche lo sportello Bancomat di piazza Città Gemellate a Sant’Anna. «Quello di Suna resta attivo fino a giugno, abbiamo qualche mese per trovare una soluzione» dice il sindaco, secondo cui un Bancomat dovrebbe tornare attivo a Fondotoce. Molto probabile che venga aperto, visti i tanti turisti, al camping Isolino.