Creval: vince la scommessa dell’aumento (Mi.Fi.)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Trovare 700 milioni di euro nelle delicate settimane della correzione di Wall Street e delle elezioni politiche italiane non era un’impresa semplice. Ma il Credito Valtellinese è riuscito a convincere vecchi e nuovi investitori a scommettere sul progetto di derisking e, più in generale, sul piano industriale presentato ai mercati con il titolo programmatico di Restart under new-normality. La nuova normalità promessa dal direttore generale Mauro Selvetti sarà quella di una banca ripulita dal credito deteriorato, con costi sotto controllo e una redditività organica sostenibile nel medio termine.

L’aumento di capitale, scrive Milano Finanza, è stata la prima tappa di questo percorso di ristrutturazione, indispensabile per consentire al Creval di coprire la svalutazione dei bad loans e completare il processo di derisking. Giovedì 8 alla chiusura dell’operazione le adesioni si sono attestate a 581,6 milioni di euro, pari all’83,1% dell’offerta. L’inoptato sarà coperto da una pattuglia di investitori istituzionali che nelle scorse settimane avrebbero dato commitment per un importo complessivo di circa 150 milioni. Se i nomi di Algebris, Credito Fondiario e Dorotheum sono già stati annunciati al mercato (con un impegno di sub-underwriting per 55 milioni), è possibile che altri soggetti escano allo scoperto nei prossimi giorni. Il tutto esaurito del resto non sarà un obiettivo particolarmente impegnativo per il mercato. L’inoptato è infatti circa 15 volte il controvalore negoziato giovedì 8 in borsa, mentre negli accelerated bookbuilding solitamente viene collocato un importo pari a 20 o 30 volte i volumi giornalieri. Il boccone è insomma alla portata degli investitori. Quel che è certo è che l’aumento di capitale ridisegnerà in profondità l’assetto proprietario della banca valtellinese: a bocce ferme Creval assumerà ancor di più l’assetto di una public company con una fortissima presenza di fondi internazionali. Un assetto che incentiverà il top management a perseguire gli obiettivi del piano.

red/lab

(END) Dow Jones Newswires

March 12, 2018 04:16 ET (08:16 GMT)