MILANO BRINDA (+2,4%) CON TIM (+5,2%), SPINTA DALL’INGRESSO DI CASSA DEPOSITI E PRESTITI: “UN INVESTIMENTO DI LUNGO PERIODO, NON SUPERIORE AL 5%” – VIVENDI ANNUNCIA LA SUA LISTA, CON GENISH AD E DE PUYFONTAINE PRESIDENTE. BERNABÉ VICEPRESIDENTE CON DELEGA ALLA SICUREZZA, RUOLO CHE PER IL GOLDEN POWER DEVE ESSERE RICOPERTO DA UN ITALIANO

DAGOSPIA.COM 5 MARZO 2018

  1. TELECOM: VIVENDI ANNUNCIA LISTA, GENISH AD E DE PUYFONTAINE PRESIDENTE

AMOS GENISHAMOS GENISH

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Vivendi ha annunciato oggi la propria lista di candidati per il rinnovo del cda di Telecom Italia. La lista sara’ sottoposta al voto degli azionisti di Telecom Italia nel corso dell’assemblea dei soci del prossimo 4 maggio. La lista di dieci candidati sara’ guidata da Amos Genish, Ceo di TIM. Amos Genish – riferisce una nota – ‘ha il pieno supporto di Vivendi sull’implementazione del piano industriale 2018-2020 presentato e votato all’unanimita’ dal cda’. Arnaud de Puyfontaine, secondo componente della lista, sara’ proposto per il ruolo di presidente non esecutivo. Franco Bernabe’ sara’ proposto per il ruolo di vice presidente con delega sulla sicurezza.

 

  1. TIM: CDP, INGRESSO CON PROSPETTIVA LUNGO PERIODO

 (ANSA) – Cdp ha “deliberato l’ingresso” in Tim “con una prospettiva di lungo periodo nel capitale”. Lo scrive il gruppo partecipato dal Mef nella nota con cui annuncia l’acquisto di quote nel capitale della società telefonica.

 

  1. TIM: OK CDP AD INGRESSO, QUOTA MASSIMA 5%

AMOS GENISHAMOS GENISH

 (ANSA) – Il Cda di Cassa depositi e prestiti ha deliberato l’ingresso di CDP nel capitale di Tim. “Tale ingresso – comunica Cdp in una nota – condurrà alla progressiva acquisizione di una partecipazione finanziaria di minoranza, non superiore al 5% delle azioni ordinarie”.

 

“Tale investimento – si legge in un comunicato diffuso da Cassa al termine del cda – rientra nella missione istituzionale di CDP a supporto delle infrastrutture strategiche nazionali e vuole rappresentare un sostegno al percorso di sviluppo e di creazione di valore, avviato dalla società in un settore di primario interesse per il Paese. L’operazione – si precisa ancora – è coerente con i criteri di sostenibilità economico-finanziaria che caratterizzano tutte le iniziative di CDP”.

 

 

  1. FTSE MIB IN RIALZO, BRILLA TELECOM

Ottavia Zanetta per Alliance News – https://alliancenews.it/

 

Piazza Affari chiude in verde la penultima seduta della settimana, così come i principali indici europei, grazie anche all’allentamento delle tensioni commerciali fra Stati Uniti e Cina in merito ai dazi doganali. Le tariffe sulle merci proposte da Trump per punire gli abusi commerciali potrebbero non essere attuate, secondo quanto dichiarato mercoledì dal nuovo consigliere economico del presidente.

 

DE PUYFONTAINE BOLLOREDE PUYFONTAINE BOLLORE

Il calo dell’indice PMI composito dell’Eurozona definitivo di marzo, pubblicato giovedì da IHS Markit, attestatosi a 55,2, in calo rispetto ai 57,1 di febbraio, non sembra spaventare gli investitori.

 

Il principale indice meneghino ha chiuso gli scambi di giovedì in rialzo del 2,4% a 22.969,5, dopo aver terminato la seduta di mercoledì in rosso dello 0,3%.

 

L’indice Mid-Cap chiude su dell’1,3% a 42.144,88, dopo aver chiuso la seduta precedente giù dello 0,5%. Lo Small-Cap termina su dello 0,9% a 22.814,24, contro la perdita dello 0,7% registrata mercoledì in chiusura. Infine l’AIM termina inpoco sopra la parità a 9.383,11, dopo aver chiuso in rosso dello 0,6% la seduta di mercoledì.

 

Telecom Italia si posiziona come miglior performer di seduta, raccogliendo il 5,2%, dopo che è trapelata la notizia secondo cui lo Stato italiano ha deciso di rientrare in Telecom Italia, attraverso la Cassa depositi e prestiti, pronta ad acquistare una quota fino al 5,0%. Inoltre la società ha annunciato in giornata che mercoledì l’assemblea della controllata TI Sparkle ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione per gli esercizi finanziari 2018-2020, nominando Stefano Siragusa presidente e Riccardo Delleani amministratore delegato.

 

VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINEVINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE

Segue FCA, su del 4,9%, dopo aver annunciato in mattinata l’intenzione di sviluppare e implementare un piano per separare le attività di Magneti Marelli da FCA e distribuire agli azionisti di FCA le azioni di una nuova holding company Magneti Marelli.

 

Secondo quanto previsto, la separazione sarà completata per fine 2018 o inizio 2019 e le azioni di Magneti Marelli saranno quotate a Piazza Affari

 

Altro titolo della famiglia Agnelli che chiude in terriorio positivo è Exor, su del 4,2%.

 

Guadagni anche per Tenaris, su del 4,6%, che inverte il trend registrato nella seduta precedente, Banco BPM e Buzzi Unicem, in rialzo del 4,5% rispettivamente.

 

Termina in territorio positivo anche Atlantia, in verde del 3,1%, dopo che Telepass, società del gruppo Atlantia e leader mondiale nei sistemi di pagamento del pedaggio autostradale, ha lanciato il Telepass Europeo per le auto. Grazie all’accordo tra Telepass, il gruppo francese APRR/AREA e la spagnola Pagatelia, i clienti italiani potranno viaggiare liberamente sulla rete autostradale italiana, francese, spagnola e portoghese.

 

Sull’altro lato del listino si trova invece solo un titolo, quello di Terna, in calo dello 0,2%, estendendo le perdite già registrate nella seduta precedente.

 

lilli gruber franco bernabe otto e mezzo 1LILLI GRUBER FRANCO BERNABE OTTO E MEZZO 1

Passando alle notizie macroeconomiche, gli ultimi dati pubblicati giovedì mattina da IHS Markit hanno mostrato che a marzo è rallentata la crescita dell’attività nel settore dei servizi in Italia, oltre le stime degli economisti, mentre si è indebolita la pressione dei costi e si segnalano ulteriori sconti. Il PMI dei servizi dell’Italia a marzo è calato a quota 52,6 dal 55,0 registrato a febbraio, oltre le stime degli economisti che avevano previsto un rallentamento della crescita meno marcato, col PMI a quota 53,9.

 

L’indice della produzione composito e quello dei servizi dell’Eurozona per marzo sono stati rivisti leggermente al ribasso. In flessione rispetto al punteggio di 57,1 di febbraio, la lettura finale dell’indice della produzione composito ha indicato un valore pari a 55,2 rispetto a quello di 55,3 precedentemente indicato. Anche la lettura finale del PMI delle attività terziarie nella zona euro è stata corretta al ribasso a 54,9 contro i 55 della stima flash e i 56,2 di febbraio, registrando il valore minimo in cinque mesi.

 

Per quanto riguarda l’Eurozona, le vendite al dettaglio sono aumentate a febbraio 2018 rispetto al mese precedente, secondo quanto mostrato giovedì mattina da un report pubblicato dall’Eurostat. A febbraio, le vendite al dettaglio su base mensile hanno registrato un aumento dello 0,1% nell’area dell’euro e dello 0,2% nell’Ue a 28. Nel mese di gennaio 2018, le vendite retail erano calate dello 0,3% nell’area dell’euro e rimaste invariate nell’Ue a 28. Anche su base annua le vendite al dettaglio hanno registrato degli aumenti, rispettivamente pari all’1,8% nell’area dell’euro e del 2,0% nell’Ue a 28.

 

Tornando ai mercati, i principali indici europei hanno chiuso la seduta di giovedì in territorio positivo, con il CAC 40 di Parigi in rialzo del 2,6%, il DAX 30 di Francoforte su del 2,9% e Il FTSE 100 in verde del 2,4%.

 

franco bernabeFRANCO BERNABE

A Londra, WPP ha chiuso fra i migliori performer, su del 4,0%, dopo che il gigante della pubblicità ha messo fine ad una causa intentata da un dipendente che ha accusato un alto dirigente di una delle principali agenzie societarie di comportamento razzista e sessista, come ha riportato il Wall Street Journal.

 

A metà seduta di giovedì a New York, il Dow Jones si trova su dell’1,4%, il Nasdaq sta guadagnando l’1,0% e l’S&P 500 sale dello 0,8%.

 

Nel mercato del Forex, l’euro è scambiato col dollaro a USD1,2224 rispetto a USD1,2300 registrato al termine della seduta di mercoledì, mentre la sterlina vale USD1,3985 contro USD1,4080 della sera prima.

 

Nelle commercio di materie prime, il brent vale USD68,42 al barile, in rialzo rispetto a USD67,75 di mercoledì sera, mentre un’oncia d’oro ha un valore di USD1.328,00 rispetto a USD1.335,37 di mercoledì.

 

gallia costamagna padoanGALLIA COSTAMAGNA PADOAN

Nel calendario economico di venerdì, alle 0800 CET dalla Germania si attendono i dati della produzione industriale mensile, seguiti alle 0845 CET dalle importazioni ed esportazioni della Francia. Alle 0900 CET sarà il turno della Spagna, con la produzione industriale, seguita alle 0945 CET dal discorso di Coeuré della BCE e dal PMI al dettaglio dell’Eurozona alle 1010 CET.

 

Nel pomeriggio, alle 1430 CET dagli Stati Uniti arriveranno il tasso di disoccupazione e alle 1900 CET il conteggio degli impianti di trivellazione Baker Hughes.

 

Nel calendario societario di venerdì sono attesi i risultati annuali di Acs-Agam.

 

 

paul singerPAUL SINGER