Furto di identità, banche e Poste pagano i danni

di Debora Alberici* *cassazione.net

italiaoggi.it 13 aprile 2018
La banca o le Poste sono responsabili e devono quindi risarcire il cliente per il phishing e cioè per la frode informatica mediante il furto delle credenziali di accesso al conto

banca

La banca o le Poste sono responsabili e devono quindi risarcire il cliente per il phishing e cioè per la frode informatica mediante il furto delle credenziali di accesso al conto. Ciò a meno che l’istituto non riesca a dimostrare l’incauta trasmissione delle password da parte del titolare a mail sospetta e sconosciuta e cioè la riconducibilità dell’operazione al cliente stesso.

Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con l’ordinanza n. 9158 del 12 aprile 2018, ha accordato il ristoro al titolare di un conto presso le Poste dal quale era partito un bonifico indesiderato.

I Supremi giudici hanno quindi ribaltato il verdetto di merito con il quale Tribunale e Corte d’appello di Palermo avevano negato il risarcimento per un bonifico di oltre 5 mila euro partito da un conto alle Poste senza autorizzazione del titolare del conto.

 

I magistrati palermitani hanno motivato la decisione sostenendo che vi era il sospetto di una trasmissione incauta delle password a una mail sospetta.

Ribaltando tale decisione gli Ermellini hanno invece affermato la responsabilità dell’istituto al di là del carteggio incriminato.

Sul punto nell’ordinanza si legge infatti che in tema di responsabilità della banca in caso di operazioni effettuate a mezzo di strumenti elettronici, anche al fine di garantire la fiducia degli utenti nella sicurezza del sistema (il che rappresenta interesse degli stessi operatori), è del tutto ragionevole ricondurre nell’area del rischio professionale del prestatore dei servizi di pagamento, prevedibile ed evitabile con appropriate misure destinate a verificare la riconducibilità delle operazioni alla volontà del cliente, la possibilità di una utilizzazione dei codici di accesso al sistema da parte dei terzi, non attribuibile al dolo del titolare o a comportamenti talmente incauti da non poter essere fronteggiati in anticipo. Ne consegue che, anche prima dell`entrata in vigore del dlgs n. 11 del 2010, la banca, cui è richiesta una diligenza di natura tecnica, da valutarsi con il parametro dell’accorto banchiere, e tenuta a fornire la prova della riconducibilità dell’operazione al cliente.

Ora gli atti torneranno in Sicilia dove i giudici dovranno valutare se veramente la frode è dipesa dal phishing o dalla negligenza del cliente.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...