Il decalogo del buon investitore

vanityfair.it 17 aprile 2018

Il decalogo del buon investitoreSFOGLIA GALLERY

Come conviene comportarsi con i propri soldi? Dove conviene metterli? A chi è bene affidarsi se le banche traballano? Risponde una consulente esperta, che, per spiegare tutte queste cose, ha aperto un Salotto finanziario

Purtroppo è un dato di fatto: ci si fida sempre meno delle banche. Colossi indiscussi per decenni, hanno comnciato a traballare, a mostrare qualche falla. E allora ognuno ha cominciato a fare da sé: c’è chi ha deciso di investire in start-up, chi si è affidato alle app, chi ha comprato una casa all’estero. Insomma, rispetto a una volta, le opzioni si sono moltiplicate e trovare una persona di riferimento può essere importante per orientarsi.

Antonella Lambri (nella foto), consulente e promotore finanziario, ha fatto di questa situazione un po’ confusa la sua fortuna professionale, ora raccontata in «Passione Finanza», il suo nuovo libro scritto con Vins Gallico: «Ci sono persone che hanno deciso di venire da me e affidarmi il loro presente, il loro passato e il loro futuro.

E io devo fare in modo di proteggere quello che hanno guadagnato in una vita. Soldi che hanno spesso messo da parte centesimo su centesimo. E io li aiuto perché i loro risparmi fruttino, e le loro aspettative siano preservate. Li aiuto perché il denaro non sono solo banconote. Il denaro è fatto di desideri e di ambizioni. Ha la forma di futuro, e la consistenza dei sogni».

All’immobilismo che si rischia in tempi di crisi come questo, lei spinge verso un atteggiamento di fiducia: «La nostra situazione non è per niente compromessa come qualcuno vuol farci intendere. Muovendomi spesso per lavoro, mi rendo conto del livello di eccellenza dei nostri imprenditori. È sulla base di questa constatazione che me la sento di dire che torneremo a essere forti. Ovviamente bisogna puntare molto sui giovani, infondere loro dei principi etici e caricarli psicologicamente».

LEGGI ANCHE

Come insegnare il risparmio a tuo figlio

Convinta che di soldi sia necessario parlare («Il denaro non è il diavolo, non è il male»), Antonella Lambri ha inaugurato a Fidenza, la sua città, Il Salotto Finanziario, una struttura pensata per ospitare incontri a tema sociale ed economico, sugli scenari presenti e futuri.

Ed è lei che, per noi, ha stilato il decalogo del buon investitore (nella gallery). La prima regola? «Investire sempre in qualcosa che sia chiaro e comprensibile». Si comincia da qui.

LEGGI ANCHE

Qual è l’investimento migliore per i propri figli?

LEGGI ANCHE

Cinque borsellini per imparare a risparmiare

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...