Fiorani: «Porteremo in Borsa le attività del gruppo Volpi»

http://www.themeditelegraph.com/ 13 DICEMBRE 2017

PAOLO ARDITO E MASSIMO GUERRA

foto

La Spezia – Gianpiero Fiorani torna alla ribalta e parla di Borsa. E lo fa nell’esclusivo ristorante “La Rada”, a porto Lotti, a margine della cena di gala organizzata dallo Spezia calcio per lo scambio di auguri di calciatori, tecnici e dirigenti. Il patron del club aquilotto Gabriele Volpi lo ha rilanciato nel mondo della finanza, affidandogli un ruolo centrale nelle sue molteplici attività economiche e investendolo del ruolo di managing director. Sembra rigenerato, Fiorani. Elegante, sorridente e soprattutto molto loquace, esibisce un eloquio asciutto e concreto. Snocciola numeri e obiettivi come quando era il numero uno della Banca Popolare di Lodi, prima del terremoto giudiziario che lo travolse. Oggi ha trovato nuova energia e rinnovate motivazioni da quando Volpi gli ha affidato le chiavi per ristrutturare la sua holding, la Orlean Invest con 42 società collegate, settemila dipendenti e un vorticoso business tra l’Africa e l’Europa. Il fatto nuovo è la dichiarata volontà di quotare a medio termine la “ristrutturata” holding di Volpi, obiettivo raggiungibile soltanto attraverso un’operazione di trasparenza non da poco, perché per convincere e attrarre gli investitori internazionali si deve uscire allo scoperto con tanto di strategia chiara, piano industriale e struttura finanziaria equilibrata. Requisiti, per ammissione dello stesso Fiorani, oggi lontani.

«Tutti voi conoscete Gabriele Volpi, ma in pochi conoscono il suo gruppo – ha detto Fiorani -, adesso dobbiamo cercare di colmare questa carenza di informazione. Perché sono coinvolte nel progetto oltre duemila famiglie in Africa e in Europa, e vogliamo continuare a crescere, non solo in Africa dove contiamo di risolvere a breve un contenzioso con le autorità portuali nigeriane. In Europa partiremo con grandi investimenti, da Porto Marghera (dove la Orlean Invest, holding si è aggiudicata i 240 mila metri quadri del l’interporto veneto per una cifra attorno ai 60 milioni di euro ndr) a Santa Margherita, con il totale rifacimento del porticciolo, a Recco con la creazione della piscina dei sogni e un centro residenziale da oltre 100 appartamenti. Ecco perché è importante farci conoscere, a partire dalla nostra sede legale che è nella piazza più bella di Lugano. Il gruppo vivrà a breve una riorganizzazione necessaria a dare stabilità. La nostra idea è di arrivare alla quotazione non tanto per incrementare valore aggiunto dagli azionisti, ma per consentire di aprirci verso i mercati internazionali».

La holding, quindi, comprenderebbe tutte le attività economiche italiane di Volpi. Fiorani nel suo lungo discorso non ha specificato chi dovrà presentarsi e convincere la Borsa sulla bontà dell’investimento una volta completata l’operazione visibilità e trasparenza. Difficile si possa puntare su di lui, non soltanto per le sue vicissitudini giudiziarie. Nel frattempo Volpi ha annunciato l’intenzione di aumentare il suo peso in Carige, passando dal 6 al 9,9% all’indomani della ricapitalizzazione.

Un segno di immense disponibilità finanziare, generate per anni dal monopolio di fatto, al largo delle coste africane, dell’attività di supporto alle multinazionali del petrolio impegnate nelle attività di trivellazione dell’Oceano sulle piattaforme off-shore targato Intels (ex Nicotes) società di riferimento della holding, in grado di fatturare anche oltre un miliardo di dollari l’anno, con annessi rapporti economico politici in chiaroscuro con i rissosi governi dell’area e rami di attività europei nei settori del turismo, delle costruzioni oltre che nello sport, con il cuore e il sentimento del patron Volpi più in piscina con la Pro Recco, che sul sintetico del Picco, ma con forti investimenti su entrambi i fronti. Della ristrutturazione già avviata l’ultimo taglio, in ordine di tempo, è stato l’uscita dal pacchetto azionario del Rjieka, malgrado la vittoria dello scudetto nel campionato di calcio croato e la partecipazione ai preliminari di Champions League e la recente vittoria sul Milan in Europa League.