Save the Children: in Italia 300mila adolescenti in povertà economica ed educativa

globalist.it 12 maggio 2018

Una condizione non solo economica, ma anche culturale. Ai primi posti, molte regioni del sud Italia

Non è un paese per giovani

 

Un rapporto di Sav the Children sull’Italia dipinge una situazione drammatica per il nostro paese: secondo i dati raccolti, infatti, un milione e 300mila adolescenti vivono in condizioni di povertà assoluta, per un rapporto di più di uno su dieci.

 

Ma non è finita: la povertà dei minori italiani non è solo economica, ma anche culturale. Secondo i dati Istat, più della metà della popolazione degli under 18 non legge un libro, 1 su 3 non ha accesso a internet e più del 40% non pratica sport.

 

L’Italia è un paese dovei minori non riescono ad emanciparsi dalle condizioni di disagio delle loro famiglie, dove non hanno opportunità educative, spazi per svolgere attività sportive, artistiche e culturali. Per cambiare il futuro di queste generazioni, secondo Save the Children, questi luoghi devono essere restituiti ai bambini, attivando così dei percorsi di recupero e di miglioramento.
Sicilia, Campania,Calabria, Puglia e Molise occupano i primi 5 posti della classifica della povertà educativa, mentre alcune regioni del nord, tra cui la Lombardia, offrono maggiori opportunità ai minori. Per il rapporto di Save the Children i contesti segnati da criminalità minorile e dispersione scolastica, impediscono a queste generazioni un inserimento nella società.