Banco Bpm studia cessione di 3,5 mld di Npl. Forse anche della piattaforma di gestione

bebeez.it 15 maggio 2018

Giuseppe Castagna Bpm

Banco Bpm sta lavorando al cosiddetto Project Ace, cioé alla cessione di un portafoglio da 3,5 miliardi di crediti deteriorati in modo da raggiungere i target concordati con la Bce. Lo scrive oggi MF Milano Finanza, precisando che in questi giorni è partita la selezione dei consulenti che, probabilmente a cavallo dell’estate, sottoporranno al top management le diverse strategie possibili.

Al momento tutte le ipotesi sono aperte, dalla cessione di portafogli alla vendita della piattaforma di gestione . “Dopo l’importante operazione realizzata da Intesa abbiamo ricevuto diverse proposte per vendere la nostra piattaforma di gestione insieme ad altri Npl oltre a quelli la cui cessione è già prevista nel piano”, ha ricordato non a caso l’amministratore delegato Giuseppe Castagna nel corso della recente conference call sui risultati trimestrali. 

In ogni caso difficilmente la strategia vedrà la luce prima dell’estate. Nelle prossime settimane infatti Banco Bpm sarà impegnata nella cartolarizzazione con garanzia pubblica (Gacs) da 5 miliardi, inizialmente prevista per 3 miliardi, messa in cantiere con MediobancaDeutsche Bank e Banca Akros, con Prelios nel ruolo di servicer (si veda altro articolo di BeBeez).

La cartolarizzazione chiude una sequenza di grandi cessioni condotte in porto negli ultimi mesi sotto la regia di Edoardo Lombella (responsabile portfolio disposal). A giugno 2017 per esempio il gruppo guidato da Giuseppe Castagna ha venduto ad Algebris il portafoglio project Rainbow da 693 milioni, composto da posizioni con sottostanti immobili a uso commerciale, turistico alberghiero e residenziale (si veda altro articolo di BeBeez).

Nella seconda metà dell’anno ha invece avuto luogo la cessione del portafoglio Sun da 1,8 miliardi, aggiudicato a dicembre a J Invest e Hoist Finance (si veda altro articolo di BeBeez).