De Agostini prende il controllo delle cucine Snaidero

la stampa.it 12 maggio 2018

A guidare il rilancio del gruppo sarà un manager indipendente, Massimo Manelli
Dea Capital, la società quotata in Borsa del gruppo De Agostini, investe nel rilancio di Snaidero il marchio italiano di cucine. Idea Corporate Credit Recovery II, fondo gestito da Dea Capital Alternative Funds SGR, ha depositato presso il Tribunale di Udine l’accordo ex articolo 182 bis con i creditori e la famiglia Snaidero per l’acquisizione della maggioranza del capitale azionario della Snaidero Rino, società italiana leader in Europa nella produzione e distribuzione di cucine componibili. L’operazione sarà al vaglio del Tribunale nel corso delle prossime settimane.

A guidare il rilancio del gruppo, in linea con le strategie del fondo e di comune accordo con la famiglia Snaidero, sarà un manager indipendente, Massimo Manelli, mentre la rappresentanza della famiglia socia sarà assicurata da Edi Snaidero come presidente.

 

«Desideriamo rilanciare un marchio del Made in Italy che riteniamo abbia un grande potenziale, nel rispetto della sua storia e dei valori che rappresenta. L’operazione, al vaglio del Tribunale, prevede l’immissione di 13 milioni per il consolidamento del mercato italiano ed il rafforzamento sui mercati esteri, una struttura finanziaria più snella e patrimonialmente più solida, grazie alla conversione in capitale di parte dell’indebitamento esistente», afferma Vincenzo Manganelli, managing director del Fondo Idea CCR II.

 

«Con l’ipotesi di nuovo assetto societario si apre una nuova era per la nostra storica azienda che può ora contare su una maggiore solidità patrimoniale e sulla disponibilità di nuove risorse che ci consentiranno di guardare al futuro con maggiore tranquillità. Vorrei ringraziare chi ha creduto nella nostra azienda, lavoratori, sindacati, istituzioni, clienti e fornitori e sono certo che possiamo lavorare congiuntamente per raggiungere ambiziosi piani di sviluppo in mercati sicuramente molto dinamici, ma anche molto competitivi», dichiara Edi Snaidero, presidente di Snaidero.

 

La storia della Snaidero Rino si identifica con la storia del suo fondatore, il Cavaliere Rino Snaidero, che nel 1946 inaugurò il primo laboratorio per la produzione di mobili, e del figlio Edi che ha preso le redini del gruppo e oggi ne è il presidente. L’azienda è cresciuta negli anni e ha avviato un importante processo di internazionalizzazione, attraverso l’apertura di sedi e società commerciali all’estero. Snaidero è attualmente il primo gruppo italiano, per dimensioni, attivo sul panorama internazionale. La strategia di crescita si è sviluppata attorno ai marchi Snaidero in Italia, Arthur Bonnet e Comera in Francia, Rational in Germania e Regina in Austria, un portafoglio di brand orientati all’innovazione, al design e alla valorizzazione dell’identità di prodotto.

 

Per quanto riguarda il manager che prenderà le redini del gruppo, Massimo Manelli ha gestito già gestito situazioni di turnaround aziendale. Dopo una esperienza nel gruppo francese Shlumberger, in Versace e Kraft, è approdato in Motorola fino al 2003 quando ha assunto la carica di amministratore delegato di Artemide. Nel 2007 viene nominato Ad di Roncadin e successivamente di GM American Enterprise Food. Nel 2010 è direttore generale di Confindustria Monza e Brianza e poi vice direttore generale di Assolombarda fino al 2017. È stato anche presidente di Targetti Sankey

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...