Gli svizzeri all’estero non avranno informazioni migliori sulle banche

Katy Romy swissinfo.ch 5 giugno 2018

Hans-Peter Portmann
La mozione avrebbe comportato un’ingerenza dello Stato nella libertà di commercio, secondo il deputato del Partito liberale-radicale Hans-Peter Portmann.

(Keystone)

La Quinta Svizzera non disporrà di informazioni sulle prestazioni all’estero delle banche svizzere di rilevanza sistemica. Martedì il Consiglio nazionale ha respinto una mozione in tal senso. L’Organizzazione degli svizzeri all’estero deplora questa decisione.

Nessuna riconciliazione in vista tra gli svizzeri all’estero e le loro banche. Con 96 voti contro 80 e 9 astensioni, il Consiglio nazionale (camera del popolo) ha respinto un testo che chiedeva al governo di garantire alla Quinta Svizzera informazioni precise e specifiche sulle condizioni di accesso ai servizi finanziari dei grandi istituti bancari. I dati sarebbero stati pubblicati sul sito internet del Dipartimento federale degli affari esteri e dei consolati. La Commissione della politica estera, che ha elaborato la mozione, intendeva agevolare il mantenimento di relazioni bancarie tra la diaspora svizzera e il suo paese d’origine.

Claude Béglé, deputato del Partito democratico cristiano (PPD), ha sottolineato che gli svizzeri vanno all’estero principalmente per motivi professionali e sempre più spesso hanno l’intenzione di tornare in patria dopo qualche tempo. “Non tagliano il cordone ombelicale. Pertanto, hanno bisogno di mantenere legami stretti e duraturi con il nostro paese”, ha sostenuto. Béglé ha inoltre ricordato l’importanza per gli espatriati di mantenere un conto bancario in Svizzera, in particolare per “stipulare un’assicurazione malattia, versare i contributi all’AVS, coprire le spese dei soggiorni in Svizzera o gestire un immobile in Svizzera”.

«Gli sizzeri all’estero non tagliano il cordone ombelicale»
Claude Béglé

Fine della citazione

“Questa proposta è uno scherzo. È contraria alla legge”, ha dichiarato da parte sua il deputato del Partito liberale-radicale (PLR) Hans-Peter Portmann, che ritiene che si tratti di un’ingerenza dello Stato nella libertà di commercio.

Il ministro degli esteri Ignazio Cassis ha detto che “dare informazioni sulle offerte e le condizioni di aziende private non è compito dello Stato”.  Ha inoltre sottolineato che alcune organizzazioni private forniscono già informazioni sulle condizioni richieste dalle banche per consentire agli svizzeri all’estero di tenere un conto nel loro Paese, come ad esempio l’Organizzazione degli svizzeri all’estero.

10 anni di problemi ma nessuna soluzione

Il testo respinto era già il risultato di un compromesso. Lo scorso febbraio il Consiglio degli Stati (camera dei cantoni) aveva respinto una mozione del senatore ticinese Filippo Lombardi che voleva imporre alle grandi banche di garantire la possibilità per gli svizzeri all’estero di mantenere un conto nel loro paese. Dopo tre sessioni, tuttavia, le banche interessate e l’autore del testo si erano tuttavia accordate su un testo meno vincolante.

Le relazioni della Quinta Svizzera con le banche svizzere sono già da diversi anni al centro dell’attenzione del Parlamento. Dal 2014 sono stati presentati quattro interventi su questo tema, ma tutti sono stati respinti. Dalla crisi finanziaria del 2008, gli svizzeri espatriati incontrano sempre maggiori difficoltà ad aprire o mantenere un conto nel loro paese d’origine. Le pressioni internazionali contro l’evasione fiscale hanno indotto le banche svizzere a limitare l’accesso ai loro servizi all’estero, anche per i clienti di nazionalità svizzera.

L’anno scorso, l’Organizzazione degli svizzeri all’estero (OSE), ritenendo che i 775’000 emigrati svizzeri erano trattati dalle banche come cittadini di seconda classe, aveva richiesto una modifica legislativa.

Nell’agosto 2017 i membri del Consiglio degli Svizzeri all’estero, riuniti a Basilea, ci avevano parlato a lungo dei problemi incontrati con la loro banca.

Le speranze sono riposte su PostFinance

L’Organizzazione degli svizzeri all’esteroLink esterno (OSE) deplora la decisione del Consiglio nazionale. “Non stavamo chiedendo un grande sforzo. Il Dipartimento federale degli affari esteri avrebbe potuto semplicemente aggiungere un link alla pagina di informazioni bancarie del nostro sito webLink esterno che riassume le informazioni sulle banche”, afferma Ariane Rustichelli, direttrice dell’OSE.

La lobby della Quinta Svizzera ripone ora le sue speranze su un’altra mozione della commissione della politica estera. Il testo, che sarà discusso dal Parlamento la prossima settimana, invita il governo a garantire l’accesso ai servizi di PostFinance alle stesse condizioni vigenti in Svizzera. “Questa soluzione è giustificata dal fatto che PostFinance è in parte di proprietà pubblica. Il rischio, tuttavia, è che i parlamentari possano ritenere che vi sia una distorsione della concorrenza rispetto ad altre banche di rilevanza sistemica. Tuttavia, un giorno sarà necessario trovare una soluzione al problema dei conti in banca per gli Svizzeri all’estero”, ritiene Ariane Rustichelli.

La direttrice dell’OSE precisa inoltre che l’OSE ha potuto concludere un accordo con la Banca Cantonale di Ginevra, che si impegna ad offrire i propri servizi agli svizzeri all’estero a condizioni analoghe a quelle offerte agli svizzeri all’estero. “Questa è la prova che è possibile fare uno sforzo”, dice Ariane Rustichelli.