Bce ora ha fretta di chiudere rubinetti QE, mercato già scommette su primo rialzo tassi Bce entro un anno

Crescono le possibilità di vedere Mario Draghi svestire i panni da colomba e annunciare l’imminente fine del QE. Dopo i primi spifferi della vigilia, oggi sul mercato prende sempre più corpo l’ipotesi che il meeting Bce di settimana prossima dettagli tempi e modalità di uscita dal quantitative easing (QE).

Crisi Italia non frena piani Bce

Alle indiscrezioni circolate ieri sera circa l’intenzione dell’istituto di Francoforte di dettagliare settimana prossima le modalità di chiusura del QE, si sono aggiunte oggi le parole del capo economista della BCE, Peter Praet, circa la presenza di tutti i presupposti per centrare il target di inflazione e quindi valutare già da prossima settimana le modalità di uscita dalle politiche ultra-espansive che attualmente prevedono acquisti di asset al ritmo di 30 miliardi di euro al mese fino a settembre 2018. Partito a marzo 2015, il QE ha portato in oltre tre anni ad acquisti per oltre 2.500 miliardi di euro. 

Nelle ultime settimane invece tra gli investitori si era diffusa la convinzione che la Bce avrebbe temporeggiato ancora alla luce delle difficoltà dell’Italia.

Di pari passo oggi sono aumentate le probabilità di un rialzo dei tassi della Banca centrale europea da qui a un anno. I mercati monetari oggi quotano la probabilità di un rialzo dei tassi di interesse da parte della BCE entro luglio 2019 al 70%, in rialzo dal 50% circa di inizio settimana.

Praet scatena vendite su Bund e acquisti sull’euro

Le parole di Praet hanno quindi scaldato l’euro (a un passo da 1,18 contro il dollaro)e soprattutto hanno fatto scattare le vendite sui bond governativi. Il rendimento Bund decennale è schizzato fino 0,46%, con un balzo del 23% rispetto ad area 0,37% della vigilia. Vendite ancora più cospicue sui Btp con il decennale non lontano dalla soglia critica del 3% e che potrebbe trovarsi senza più il sostegno degli acquisti Bce nel bel mezzo di una situazione di incertezza con il mercato scettico circa le intenzioni in termini di politica fiscale del nuovo governo M5S-Lega.

I falchi in seno alla Bce tornano a farsi sentire. “È ragionevole annunciare la fine degli acquisti di beni netti a breve”, ha dichiarato oggi Klaas Knot, numero uno della banca centrale olandese e membro del Consiglio direttivo della BCE. “L’acquisto di titoli di Stato non ha più un effetto positivo sull’inflazione”, afferma Knot che nel suo discorso al Parlamento olandese ha sollecitato una fine del QE il prima possibile, entro la fine dell’anno. Secondo Knot gli effetti collaterali negativi iniziano a diventare più grandi degli effetti positivi. “Al momento è discutibile se ci sia qualche effetto positivo”, ha tagliato corto il banchiere olandese a poco più di una settimana dal meeting Bce in agenda in Lettonia il 14 giugno. Se non si materializzerà settiman prossima, l’annuncio potrebbe essere rimandato al meeting di fine luglio a Francoforte.