Perquisizioni Sparkasse: si cercano i soldi della Lega

lettera43.it 13.6.18

Blitz della guardia di finanza nella Sparkasse di Bolzano, a Milano e  in altre città. Gli inquirenti sono alla ricerca di prove per il presunto riciclaggio di parte dei rimborsi illegali che il partito ha incassato dal Parlamento fino al 2013.

L’indagine della Procura di Genova sul riciclaggio dei fondi della Lega si riapre all’improvviso all’alba del 13 giugno. Nel mirino il presunto riciclaggio di parte dei rimborsi fuorilegge che il partito ha incassato dal Parlamento fino al 2013. Due operazioni sospette (un investimento di 3 milioni in Lussemburgo e il rientro d’una somma analoga dallo stesso paese) sono avvenute proprio tramite l’istituto altoatesino Sparkasse e agli occhi di chi indaga potrebbero essere collegate a esponenti leghisti. Blitz della guardia di finanza nella sede della Sparkasse di Bolzano, la cassa di risparmio dell’Alto Adige. Le fiamme gialle stanno acquisendo tutta la documentazione sul flusso di denaro in entrata e in uscita di questi anni e riconducibili a conti del Carroccio.

SOSPETTI PARTITI DAL LUSSEMBURGO. Perquisizioni in corso anche a Milano, Collecchio (Parma), dove si trova un importante centro informatico e, secondo il Fatto Quotidiano, a Roma e in altre città. Si cercano tre milioni di euro che dal Lussemburgo sarebbero tornati in Italia, nel capoluogo del Trentino. Un movimento sospetto che una fiduciaria lussemburghese ha segnalato a Bankitalia che, a sua volta, l’ha segnalato ai magistrati genovesi.

IL TESORO DELLA LEGA. I pm Francesco Pinto e Paola Calleri vogliono capire se si tratti di una parte del tesoretto della Lega che i magistrati non sono riusciti finora a trovare. Tutto parte dalla condanna in primo grado, nel luglio scorso, di Umberto Bossi e Francesco Belsito per la sospetta truffa di fondi elettorali. I finanzieri stanno cercando 48 milioni di euro ma finora ne hanno trovato solo 2.

TRANSAZIONE ANOMALA. Una fiduciaria lussemburghese ha inoltre segnalato nei mesi scorsi alle autorità antiriciclaggio italiane come “anomala” la transazione di ritorno, che ha avuto per terminale sempre la Sparkasse. Ecco perché le Fiamme Gialle, su delega della Procura di Genova che indaga per riciclaggio al momento contro ignoti, si sono concentrati su Bolzano e con una rogatoria internazionale hanno già chiesto di acquisire vari incartamenti pure in Lussemburgo.

SPARKASSE NEGA. «Non c’è nessun legame della Sparkasse con la Lega Nord», afferma il presidente dell’Istituto bancario altoatesino Gerhard Brandstaetter. «Anni fa è stato chiuso un conto corrente attivo presso la filiale di Milano e da allora non ci sono più stati rapporti», sottolinea Brandstaetter. «Per quanto riguarda invece il Lussemburgo si tratta di normali obbligazioni e attività di tesoreria», prosegue il presidente della Sparkasse. «I controlli della Guardia di Finanza sono legittimi e non riguardano solo la Sparkasse ma anche altri istituti e non potranno appurare altro», conclude Brandstaetter.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...