Intesa Sanpaolo: punta sulla Francia per transizione energetica

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Intesa Sanpaolo e Irefi hanno tenuto oggi a Parigi il primo ‘Forum dell’Energia Francia-Italia’, sotto l’alto patronato dell’Ambasciata d’Italia.

L’iniziativa, spiega una nota, è stata voluta nei mesi scorsi da Ca’ de Sass per rafforzare la cooperazione tra i due Paesi, valorizzando le opportunità offerte dalla transizione energetica.

Francia e Italia hanno profili energetici differenti, ma i parametri definiti dall’Ue su de-carbonizzazione, utilizzo di fonti rinnovabili e crescita economica sostenibile – assieme agli impegni fissati dalla Cop 21 – hanno spinto i due Governi a varare piani di sviluppo energetico convergenti nel lungo termine: ‘Plan Climat’ e ‘Sen 2017’.

L’obiettivo comune è far fronte alle nuove sfide di competitività economica, sicurezza energetica e sostenibilità ambientale in un contesto in forte cambiamento: un’evoluzione destinata a proseguire nei prossimi decenni e a premiare le imprese che sapranno cogliere e valorizzare i vantaggi derivanti dall’utilizzo di nuove risorse e tecnologie e dai nuovi modelli di business.

La prima edizione dell’evento ha riunito all’Hotel Westin Paris – Vendome numerosi decision-maker pubblici e privati del settore energetico, favorendo il dialogo, lo scambio di idee e le possibili sinergie tra istituzioni e imprese francesi e italiane.

I lavori sono stati aperti dal Presidente di Irefi, Fabrizio Maria Romano, assieme alla General Manager della Succursale Corporate di Intesa Sanpaolo a Parigi, Adriana Saitta, e al General Manager dello European Hub Intesa Sanpaolo di Londra, Alberto Mancuso.

Il Forum dell’Energia è il primo di una serie di incontri che Intesa Sanpaolo e Irefi intendono dedicare alle nuove relazioni tra Francia e Italia, grazie all’impulso alla cooperazione dato dai lavori preparatori del Trattato del Quirinale.

“A dieci anni dall’apertura alla concorrenza straniera, oggi il mercato energetico francese è uno dei più interessanti e vivaci ed è pronto ad accogliere nuovi operatori”, ha dichiarato Saitta. “Abbiamo scelto di tenere il Forum a Parigi perché la Francia rappresenta uno dei mercati più promettenti a livello europeo per il nostro gruppo, un contesto nel quale siamo già riconosciuti e apprezzati, tanto che la maggior parte dei risultati ottenuti dalla nostra succursale di Parigi non deriva da attività con le imprese italiane, bensì dalle relazioni con quelle francesi, soprattutto aziende di grandi dimensioni, molte delle quali quotate”.

“L’Ue punta all’unione energetica tramite una serie di provvedimenti che spingono verso l’unificazione dei mercati, la de-carbonizzazione e la sicurezza energetica. Intesa Sanpaolo può giocare un ruolo fondamentale nel supportare la realizzazione di tali obiettivi, ad esempio finanziando opere quali le interconnessioni tra Paesi”, ha aggiunto Luca Matrone. “In Francia siamo interlocutori privilegiati per le imprese italiane che investono nello sviluppo delle energie rinnovabili e nella vendita di elettricità e gas in una progressiva apertura del mercato verso nuovi fornitori”.

com/ofb

(END) Dow Jones Newswires

June 15, 2018 06:55 ET (10:55 GMT)

@@@@@@@@@@@

ALLA FACCIA DELL ITALIANITÀ DELLA BANCA DI SISTEMA CHE SI È PRESA AD UN EURO LE BANCHE VENETE E I SOLDI DEI CONTRIBUENTI ITALIANI – CHAPEAX