La Rai come Fort Knox. L’ultimo blitz di Orfeo vale 63milioni di euro. Appaltone per la vigilanza delle sedi: una blindatura da 43mila euro al giorno

Stefano Sansonetti la notizia giornale.it 4.3.18

Neanche fosse Fort Knox. L’ultima super operazione economica dei vertici Rai, ormai con un piede già fuori dalla stanza dei bottoni, vale la bellezza di 63 milioni di euro. In ballo c’è una maxi procedura di gara per la sicurezza negli uffici romani e in quelli delle sedi regionali. Le attività, divise in sette lotti, riguardano soprattutto “vigilanza armata” e “controllo degli accessi”. Per tutto questo bendidio lo scorso 18 aprile il Cda di viale Mazzini ha approvato la documentazione ad hoc presentata dal Dg, Mario Orfeo. Più di recente, per la precisione il 21 giugno, è accaduto qualcosa che ha consigliato di rinviare a fine luglio il termine per la presentazione delle offerte. Le carte dicono che la Rai è disposta a mettere sul piatto 63,2 milioni di euro, ossia il valore massimo che l’appalto può raggiungere se ai tre anni di durata contrattuale se ne dovesse aggiungere uno di proroga (per un totale di quattro anni).

Conti fatti – Il costo, a ogni modo, è di 15,8 milioni di euro l’anno. Per i feticisti dei numeri questo significa che, sulla base dell’ultima iniziativa dei vertici Rai, proteggere l’azienda Tv nei prossimi anni arriverà a costare 43.200 euro al giorno. Ma all’interno degli stessi numeri c’è un dato degno di ulteriore interesse. Se si fa la somma del valore dei singoli lotti, ci si rende conto che 41,2 milioni, dei complessivi 63,2, se ne vanno solo per i servizi di sicurezza relativi alle sedi Rai di Roma. Il lotto 1, del valore di 15,6 milioni, fa riferimento a insediamenti Rai come via Teulada, Centro Studi Nomentano, Fontanella Borghese, Centro Servizi Salario 1, Centro Servizi Salario 2, Teatro delle Vittorie. Il lotto 2, del valore di 14 milioni, copre Saxa Rubra, Auditorium del Foro Italico e insediamenti aziendali con “teatri, impianti sportivi, studi riprese Tv anche di terzi”. Infine il lotto 3, quello relativo alla direzione generale di viale Mazzini, che richiede 11,5 milioni di euro. Tutto il resto del valore dell’appalto sarà assorbito delle sedi regionali Rai (divise tra Nord, Centro e Sud/Isole) e gli insediamenti relativi alla radio. Insomma, il servizio è strategico, ma anche molto caro. Di sicuro il tema della sicurezza in casa Rai è sempre stato “problematico”. E’ appena il caso di ricordare la vicenda di Genseric Cantournet, l’ex militare francese, con esperienze in Kosovo, che all’epoca della direzione di Antonio Campo Dall’Orto venne reclutato come responsabile delle security aziendale. Poi però si scoprì che il suo nome era stato fatto da una società di cacciatori di teste incidentalmente di proprietà del papà.

Gli sviluppi – La questione venne sottoposta anche all’Anac, l’Autorità Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone. Alla fine della fiera lo stesso Cantournet si dimise da viale Mazzini ponendo fine a una parabola non proprio esaltante. Adesso Orfeo mette in campo un’altra sfida sul tema della sicurezza, i cui oneri sono destinati a far riflettere. L’altra faccia della medaglia è che i 63,2 milioni di euro sul piatto non mancheranno di scatenare gli appetiti delle aziende attive nel mondo della security. Per conoscere il nome del vincitore, però, bisognerà aspettare ancora qualche mese. Quando i vertici Rai saranno già cambiati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...