Perché banche e fintech non potranno non collaborare

http://www.startmag.it Sebastiano Torrini 7.7.18

 

Ecco i cinque motivi perché allearsi fa bene a vecchi e nuovi operatori della finanza secondo BorsadelCredito.it avallata da un recente report di Capgemini e LinkedIn, in collaborazione con Efma

Il futuro dei financial services? Sta nella collaborazione tra Fintech e banche. È questa la teoria che secondo BorsadelCredito.it guiderà le scelte future di entrambi gli “schieramenti”. Una teoria confermata da un recente report di Capgemini e LinkedIn, in collaborazione con Efma che trae spunto dal World FinTech Report 2018, nel quale si legge che “le società Fintech, innovando con le tecnologie emergenti, reinventano l’esperienza dei clienti dei servizi finanziari”.

UNA COLLABORAZIONE WIN-WIN INEVITABILE IN UN MIX DI FIDUCIA DEL CLIENTE ED EFFICIENZA DI PROCESSI

In sostanza, sottolinea il World FinTech Report 2018 “la competizione e le aspettative sempre più elevate trainano la domanda di servizi più convenienti e personalizzati. Per fornirle, le Fintech utilizzano i dati dei clienti e nel contempo sono in grado di offrire servizi online rapidi e disponibili 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana e attraverso qualsiasi device”. Dall’altro lato le istituzioni finanziarie tradizionali “adottano misure Fintech per migliorare la loro customer experience, al contempo rafforzando i propri vantaggi competitivi, ovvero la gestione del rischio, le infrastrutture, le competenze normative, il patrimonio di fiducia dei clienti, l’accesso al capitale, e così via. Le aziende tradizionali e le fintech possono dunque beneficiare di una relazione collaborativa e simbiotica”. Le prime, osserva BorsadelCredito.it, “ riuscendo a offrire processi digitali, efficienti e in maniera agile: in definitiva più prodotti e servizi; le seconde godendo della maggior fiducia che il cliente ha ancora nei brand tradizionali, oltre che della massa critica di banche e istituzioni finanziarie tradizionali. Insomma, si tratta di una collaborazione win-win, o forse sarebbe meglio dire, inevitabile”.

CINQUE MOTIVI DI COLLABORAZIONE. IL PRIMO: POCHE SOVRAPPOSIZIONI DI MERCATO

Per BorsadelCredito.it sono cinque motivi per cui una collaborazione tra banche o confidi e marketplace lending è utile e redditizia per entrambi. Prima di tutto perché “banche e marketplace lending operano in mercati con poche sovrapposizioni. Il focus delle prime è maggiormente diretto verso operazioni complesse e aziende più grandi, mentre il marketplace lending è più adatto a imprese di piccole e medie dimensioni e a prestiti commisurati ad esse. Il taglio medio dei prestiti erogati nel mese di maggio da BorsadelCredito.it, ultimo della nostra rilevazione periodica, è ammontato a 194mila euro. Un valore che per le banche non è particolarmente redditizio: secondo Kmpg esiste un potenziale di 50 miliardi di euro di domande di credito da parte delle imprese, che gli istituti finanziari tradizionali non evadono proprio per una questione di size, cioè di dimensione troppo contenuta dell’azienda. Sono prestiti troppo piccoli per fare margine: quelli sotto i 100mila euro sono, per le banche, addirittura un costo. Si gioca su campi affini, ma separati: dunque collaborare aumenta il valore di entrambe le squadre”.

UN PRODOTTO DI CREDITO ALTERNATIVO È UN’OCCASIONE DI FIDELIZZAZIONE

Secondo punto: “Per la banca, avere la possibilità di offrire un prodotto di credito alternativo è un’occasione di fidelizzazione. Di fatto la possibilità di poter includere un prodotto come quello di BorsadelCredito.it nella gamma della banca offre uno strumento aggiuntivo per soddisfare le richieste del cliente e dunque fidelizzarlo. Se la cosa può apparire ancora lontana per un Paese come il nostro, vale la pena ricordare che in Gran Bretagna, dal settembre 2016, esiste un referral scheme che prevede che ogni richiesta di finanziamento fatta da una PMI e rigettata dalla banca debba essere segnalata alle piattaforme che possono offrire un servizio alternativo. In sostanza un procedimento istituzionalizzato che stimoli la collaborazione fruttuosa tra banche e fintech, a favore delle PMI: la Gran Bretagna in termini di innovazione è un faro che illumina il nostro cammino”.

IL REFERRAL SCHEME È UNO STRUMENTO DI DIVERSIFICAZIONE DEL RISCHIO

“Il referral scheme – che può nascere da un accordo privato tra una banca e una fintech e non deve necessariamente piovere dall’alto di un’imposizione del legislatore – è inoltre uno strumento di diversificazione del rischio. In sostanza – sottolinea BorsadelCredito.it, se un cliente impresa viene dirottato per alcune operazioni verso la piattaforma di marketplace lending, il rischio non è più interamente concentrato sulla banca. E in tempi di Basilea 3 e dell’infinito irrigidirsi dei requisiti patrimoniali non è mai un male. Le banche italiane, vale la pena ricordarlo, siedono su una montagna di non performing loan, crediti inesigibili da 200 miliardi di euro, che certamente sta diminuendo, ma con un ritmo ancora troppo lento. Trovare dei partner in piattaforme come i marketplace lending aiuta la banca a trovare una soluzione al cliente, senza perdersi future opportunità in linea con il proprio business”.

SI RISPONDE A UN’ESIGENZA DI BREVE TERMINE DELL’IMPRENDITORE

fintech“Una collaborazione con il marketplace lending offre alle banche la possibilità di rispondere a un’esigenza di breve termine dell’imprenditore, per cui il fattore tempo è spesso una chiave imprescindibile di successo”. BorsadelCredito.it, sottolinea “riesce, grazie all’algoritmo e all’analisi dei big data, a dare l’esito della richiesta di prestito ai suoi clienti nel giro di 24 ore e a erogare fisicamente il denaro sul conto corrente del destinatario in pochi giorni, spesso solo tre. Se la banca ha la stessa opzione, può sfruttarla per risolvere al suo potenziale cliente un problema impellente, costruendosi un capitale di fiducia che poi sarà utile nello sviluppo di un rapporto di lungo termine”.

IL RITORNO DI IMMAGINE PER LA BANCA IN TERMINI DI EFFICIENZA È ENORME

Fatto che porta diretti alla quinta e ultima ragione: “Il ritorno di immagine per la banca in termini di efficienza è enorme. Secondo Accenture, in Europa il numero di operatori tradizionali si è ridotto del 40% rispetto al 2015 da 8.500 a circa 5.300 a favore dell’ingresso di altri attori di origine Fintech (oltre 800), che rappresentano oggi il 12% degli operatori (challenger banks, payments, specialist). In questo contesto le istituzioni finanziarie che hanno intrapreso grandi processi di innovazione presentano percentuali di valore futuro maggiori di almeno il 30% rispetto alle realtà meno dinamiche. Inoltre, l’analisi mostra che circa i 2/3 dei consumatori (65%) è composta da persone digitalmente evolute o addirittura “esperte di digitale”; questi consumatori si aspettano anche nell’ambito dei servizi finanziari un’esperienza simile a quella offerta dai GAFA (Google, Apple, Facebook, Amazon), estremamente personalizzata e in ‘real time’. Ed è chiaro che la banca che riesca a dare di sé un’immagine più Fintech avrà una marcia in più”, conclude BorsadelCredito.it.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...