80 euro in cambio dei migranti, scontro Di Maio-Renzi

silenziefalsita.it 9.7.18

80-euro-in-cambio-dei-migranti

Scontro tra Luigi Di Maio e Matteo Renzi sulla questione degli 80 euro in cambio dei migranti.

Il vicepremier stamane, intervenendo a Radio1, ha raccontato che quando lo scorso anno si recò a Bruxelles come membro dell’opposizione gli dissero che “tempo addietro il governo italiano con l’allora premier Renzi diede la disponibilità di portare tutti i migranti salvati con le missioni europee nei porti italiani, in cambio di qualche punto di flessibilità per prendere qualche soldo per gli ottanta euro per i bonus che stavano dando”.

“Questo – ha aggiunto Di Maio – fu poi confermato dall’allora ministro degli Esteri Emma Bonino e dall’allora ministro della difesa del governo Letta che era il ministro in quota Forza Italia”.

I precedenti governi, ha continuato il ministro, hanno sbagliato in quanto “si è data la disponibilità ad aprire i porti italiani in cambio di qualche punto di flessibilità per fare queste operazioni elettorali nella legge di bilancio”.

E ha affermato: “Deve cambiare la musica, prima di tutto sull’immigrazione, noi abbiamo già cambiato atteggiamento ai tavoli e lo cambieremo ancora una volta se ce ne sarà bisogno continuando a chiare che queste navi delle missioni europee portino i migranti in tutti i porti europei, non solo quelli italiani, ma soprattutto se ci sarà bisogno di flessibilitànel bilancio per fare investimenti, non la baratteremo con l’apertura dei nostri porti ma lo chiederemo perché è un diritto che ha l’Italia come tutti gli altri paesi europei”.

Matteo Renzi ha replicato a stretto giro con un post pubblicato su Facebook:

“Di Maio e Toninelli – e i troll che li rilanciano – ripetono come un ritornello una bugia, sperando che si trasformi in verità. Del resto c’è chi sostiene che l’importante non sia ciò che è vero, ma ciò che diventa virale, anche se è una bugia”.

“E allora – ha proseguito – bisogna replicare punto per punto: chi dice che abbiamo accolto i migranti in cambio degli 80 euro è bugiardo oppure un ignorante.”