Crac BPVi e Veneto Banca, i “discriminati” di don Torta “discriminano” VicenzaPiù che propone: don Enrico “benedica” un incontro per una linea comune tra tutte le associazioni

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile VicenzaPiù)  27.7.18

ArticleImage

Dopo un lungo silenzio, almeno con VicenzaPiu.com, ilCoordinamento Associazioni Soci Banche Popolari Venete “Don Enrico Torta” invia a noi e ai media indicati nel testo una nota alla cui domanda rispondiamo immediatamente di seguito. Per quanto ci compete, se ci compete. «E’ tempo che le emittenti locali, comprese Rete Veneta e Antenna 3 e i quotidiani veneti, anche on-line – leggiamo –, si rendano conto che l’Associazione Ezzelino III da Onara non rappresenta i risparmiatori veneti. E’ un’associazione dove i risparmiatori non sono presenti e lo stesso Patrizio Miatello non è risparmiatore». 

«Le associazioni dei risparmiatori – accusa la nota del Coordinamento di don Enrico Torta – sono le altre, quelle a cui voi non date mai spazio, e noi vi chiediamo per quale motivo, nonostante Ezzelino III da Onara non rappresenti nessuno, sia il vostro interlocutore privilegiato in questa vicenda che non li vede danneggiati, mentre i veri danneggiati, che siamo noi, veniamo sistematicamente esclusi. Grazie per l’attenzione. Coordinamento Associazioni Soci Banche Popolari Venete “Don Enrico Torta”»

 

Gentile Coordinamento Associazioni Soci Banche Popolari Venete “Don Enrico Torta” ci rivolgiamo così, in maniera impersonale, ed inizialmente visto che non c’è altra firmanè quella di don Enrico Torta, né quella di altri rappresentanti come il vostro presidente Andrea Arman o quella di Luigi Ugone, a voi associato e presidente di “Noi che credevamo nella BPVi”. Mancando le firme, caro don Enrico (nella foto in primo piano ad una manifestazione da noi seguita), rispondiamo, però, ora a lei visto che altre volte pare che firme lei ne abbia apposte, anche in Procura di Treviso, senza esserne totalmente consapevole.

Ebbene, se la sua missiva comprende anche noi come destinatari (l’anonimato è sempre una brutta cosa, vero don Enrico? Le costava molto fare altri nomi oltre quelli di Antenna 3 e Rete Veneta se si rivolge, come scrive, anche ad altri innominati?), lei sa bene, per tutto lo spazio, in scritti e in video, sempre avuto in passato da lei e dalle associazioni a lei vicine, noi non privilegiamo nessuno ma, se ora lei riscontra una minore attenzione, potrebbe chiedersi se questo avvenga per il semplice motivo che voi (lei e le associazioni vicine al Coordinamento che porta il suo nome) non ci inviate più comunicati e non ci consentite accesso a vostre pagine Fb. Se questo stia avvendo da tempo perché, con Andrea Arman e Luigi Ugone in testa, non tollerate critiche ma gradite solo genuflessioni noi lo possiamo supporre ma non sapere.
Siete voi che discriminate la stampa indipendente e, così, state facendo il male non solo vostro ma, soprattutto, dei veri soci per le vostre lotte personalistiche, che arrivano a togliere diritto di rappresentanza a chi non è socio! Luigi Ugone di Noi che credevamo nella BPVi è socio? Andrea Arman non fa l’avvocato? Noi che credevano non ha una srl parallela per gestire i servizi? Il dossier contro Consoli presentato da lei, Don Torta, non era falso? Infine, caro don Enrico, si tolga gli occhiali dell’integralismo (la fede è altra cosa) e legga bene, almeno, VicenzaPiu.com. che riporta fedelmente i comunicati di tutte le associazioni che ci arrivano anche se noi, dopo le nostre valutazioni (ce le lasciate fare liberamente? Noi non siamo soci…), esprimiamo preferenze e indirizzi per strade da voi non percorse. Ha letto ad esempio il nostro “Fondo o non fondo… per i soci traditi da BPVi e Veneto Banca: l’informazione e le opinioni di VicenzaPiù e le obiezioni di Andrea Arman (Coordinamento di don Enrico Torta)” che, tra l’altro, dimostra che se ci scrivete o se vi fate vivi o se vi incontriamo “per starda” di voi parliamo eccome? Ma poi e tal proposito depone a vostro favore che le vostre posizioni e i vostri comunicati abbiamo risalto proprio sui media, come Il Giornale di Vicenza (noi i nomi li facciamo!), che hanno spalleggiato in passato l’opera della Banca Popolare di Vicenza e, dopo avervi censurato, loro sì, ora amano le vostre considerazioni?

Ciò detto, io e noi siamo qui e ovunque ci sia da tutelare gli interessi dei soci, noi non lo siamo, ma anche del territorio direttamente e indirettamente colpito, noi ne facciamo parte.

Non discriminateci voi (forse lei, don Enrico, anche questo prima di questo scambio di idee non lo sapeva…) e per voi e chi rappresentate lo spazio sarà il massimo compatibile con le nostre risorse per seguirvi.

Infine la informo, caso mai non lo sapesse, che lei e voi tutti non siete mai stati presenti a vari incontri organizzati nel 2018 da e/o con VicenzaPiù e a cui, sempre, vi ho invitato tutti personalmente (l’ultima assenza è stata quella alla presentazione di “BPVi. Bugie Popolari Vicentine“, il libro sulle fake news sulla BPVi proprio del Giornale di Vicenza che più ora scrive di voi (il dossier che riproduce è depositato agli atti della Commissione di inchiesta regionale sulle banche venete).

Spero, quindi, che sarebbe disponibile a un incontro pubblico che noi siamo pronti a organizzare, trasmettendolo anche su VicenzaPiu.tv e rendendolo visibilea tutti ovunque on demand sul nostro canale YouTube, e in cui i rappresentanti delle associazioni del Coordinamento che porta il suo nome discutano per individuare una linea comune, auspicabile, o di non intralcio reciproco, se non diversamente possibile, con i rappresentanti delle Associazioni Unite per il Fondo che Patrizio Miatello, che non sarà socio, ha raccolto intorno a sé e che, a quanto ci risulta, sono, non ci sembrano poche né poco rappresentative.

Don Enrico, benedica lei questa iniziativa: le sue associazioni le conosce, per le altre le diamo i nomi…

Uniti si vince, divisi succedono strane cose.

 

Associazioni Unite per il Fondo

Ezzelino III da Onara Patrizio Miatello portavoce

Prof. Avv Rodolfo Bettiol, Tributarista Loris Mazzon

CODACONS Franco Conte Ignazio Conte

ADUSBEF Fulvio Cavallari

Adiconsum Valter Rigobon

Federconsumatori Giovanna Capuzzo

Adoc Sergio Taurino

Azione Vitale Dario Pozzobon

Milena Zaggia, Giovanna Mazzoni, Patrizio Miatello – promotore Giornata Nazionale Risparmio Tradito Roma 04 Ottobre 2018 per tutti i Risparmiatori Traditi di tutta Italia

Lega Consumatori Erica Zanca

Confedercontribuenti Alfredo Belluco Muzio Gianfranco

Unione Nazionale Consumatori Antonio Tognoni

A.N.L.A. Lando Ambruzzoni

Senior Italia già Federanziani Veneto Vincenzo Giglio

Apindustria Veneto Ivan Palasgo

Consumatori Attivi Barbara Puschiasis, Emi Puschiasis, Ernesto Sabbadini, Raffaele Bizzozer, Denise di Brazzà