Crac Popolari Nel Vicentino persi 2 miliardi

ilgiornaledivicenza.it 27.6.18

L'ex sede della Banca Popolare di Vicenza

L’ex sede della Banca Popolare di Vicenza

VICENZA. Oltre due miliardi di euro svaniti nel nulla nel Vicentino; un disastro che per ogni famiglia coinvolta ha visto sfumare una media di 45 mila euro di risparmi. A tanto ammontano le perdite subite dai soci di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, dopo il crac degli ex istituti di credito. Tracollo che sulle imprese non ha lasciato segni meno dolorosi se l’emorragia che ha toccato il mondo produttivo è, in media, di 57 mila euro per azienda.

Sono alcuni dei dati che l’amministrazione comunale ha raccolto nell’ambito del monitoraggio condotto sugli effetti delle crisi bancarie sul tessuto socio-economico vicentino. Un approfondimento che finirà sul tavolo della Commissione regionale di inchiesta sulle banche. Ed è anche a fronte di questi pesantissimi effetti che l’amministrazione chiederà al governo di aumentare la disponibilità del fondo di ristoro per i danneggiati, ora di 100 milioni di euro.

Laura Pilastro
@@@@@@@@@@@@@@
E IL SIG CARLO MESSINA A SEGUITO DEL CONTRATTO SOTTOSCRITTO IL 26.6.17 PRESSO IL NOTAIO MARCHETTI DEI RAMI DI AZIENDA CHE PROMETTEVA MARE E MONTI OLTRE AL DECRETO LEGGE – COSA HA FATTO FINO AD OGGI? LEGGETE GLI ARTICOLI PRECEDENTI