FIRENZE, INDAGATO COGNATO RENZI: ANDREA CONTICINI/ Soldi per bambini Africa nelle società vicine a ex premier?

Renzi, pm “milioni per Africa su conti del cognato Andrea Conticini”. Ultime notizie Firenze, inchiesta choc: ex premier replica, “querelo chi mi accusa”

Matteo Renzi (LaPresse)Matteo Renzi (LaPresse)

Sono 6.6 milioni, euro più euro meno, i fondi che Andrea Conticini, cognato di Matteo Renzi per aver sposato la sorella Matilde, avrebbe utilizzato impropriamente sottraendoli ai progetti per i bambini africani cui erano stati destinati da fondazioni internazionali come Unicef (3,8 milioni di dollari tra 2008 e 2013), Fondazione Pulitzer (5,5 milioni di dollari tra 2009 e 2016 transitati dalla onlus Operations Usa) e varie ong australiane per altri 900mila euro. Ma dove sono andati questi soldi? Secondo i pm, come riportato da Il Fatto Quotidiano, una buona parte sarebbe finita nei conti dell’agenzia della Cassa di Risparmio di Rimini a Castenaso. Altri sarebbero stati investiti invece nelle società del cosiddetto inner circle renziano: “la Eventi6 di Rignano (133.900 euro) riferibile proprio ai familiari dell’ex presidente del Consiglio; la Quality Press Italia (129.900 euro); oltre a 4mila euro per la Dot Media di Firenze, che organizzava la Leopolda.” (agg. di Dario D’Angelo)

PERCHE’ UNICEF NON DENUNCIA

Le accuse della procura di Firenze i danni del cognato di Matteo Renzi, Andrea Conticini (oltre che dei fratelli Luca e Alessandro) sono di quelle pesanti: si parla di 6,6 milioni di euro che invece di essere utilizzati per finanziare progetti per bambini in Africa di organizzazioni umanitarie – tra cui Unicef e Fondazione Pulitzer – sarebbero stati intascati illecitamente e dirottati su investimenti immobiliari e societari, compreso l’acquisto di quote della Eventi 6 riconducibile alla famiglia Renzi. Detto che per effetto della legge Orlando dall’aprile 2018 l’appropriazione indebita può essere perseguita solo su querela di parte, sono in tanti a chiedersi come mai se davvero una sottrazione di fondi c’è stata, l’Unicef non si sia ancora mossa contro Conticini. Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia, a La Verità ha spiegato: «Il nostro ufficio legale internazionale si sta relazionando con la magistratura italiana e ha comunque tre mesi di tempo per presentare denuncia e rispondere ai magistrati». Sul perché siano trascorsi due anni senza che il fondo per l’infanzia dell’Onu abbia ritenuto di comunicare ai donatori la propria posizione ufficiale su questo caso, Rozera risponde: «Io ho fatto delle richieste all’ufficio di Ginevra che le ha girate a quello di New York». (agg. di Dario D’Angelo)

DONATORI UNICEF IN RIVOLTA

L’inchiesta per riciclaggio e appropriazione indebita ai danni di Andrea Conticini, il cognato di Matteo Renzi accusato di aver utilizzato insieme ai suoi fratelli milioni di euro di fondi destinati ad organizzazioni umanitarie, rischia di provocare degli scossoni anche all’interno delle stesse fondazioni quali Unicef. Come riportato dal quotidiano La Verità, Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia, ha ammesso:”Sui social tutti vogliono avere risposte entro la giornata, ma ci sono delle procedure da rispettare. La gente scrive: ‘Voi dell’Unicef dovete dare spiegazioni se no noi non vi faremo più le donazioni’. Ma noi non c’entriamo niente e per questo abbiamo interesse a mettere subito dei paletti. Spero che presto arriverà una posizione ufficiale dell’Unicef New York. Posso assicurarle che da noi i controlli sono serrati, abbiamo bisogno della fiducia dei donatori e non ci possiamo permettere danni d’immagine”. Sul tavolo c’è anche l’ipotesi che Unicef si costituisca parte civile contro i Conticini:”Se la magistratura ci invita a fare querela evidentemente è convinta di avere qualcosa in mano e, se le accuse saranno accertate, l’Unicef agirà per riavere indietro i propri soldi. Sa quanti vaccini si possono comprare con tutto quel denaro?”. (agg. di Dario D’Angelo)

M5S ALL’ATTACCO DI RENZI

L’inchiesta su Andrea Conticini ha citato in causa il cognato Matteo Renzi e nelle ultime ore c’è stato grande dibattito sull’argomento, con i soldi delle donazioni di Unicef e di altre Onlus finiti direttamente sui conti del cognato dell’ex presidente del Consiglio e dei suoi due fratelli. E non mancano le polemiche in ambito politico, con il Movimento 5 Stelle partito all’attacco. Ecco il commento di Giulia Sarti: “Renzi minaccia querele a chi accosta il suo nome all’inchiesta che riguarda il marito di sua sorella. Non è colpa dei giornalisti se ha padre, madre, cognato e l’amico Lotti, indagati per reati gravi”. Una riflessione, invece, quella di Ignazio Corrao: “Costui è stato pompato da tutto il sistema mediatico come un messia, uno statista, un fenomeno della politica. Vi rendete conto di quanto incisivi e dannosi possono essere tv e giornali?”. Attesi aggiornamenti sul caso nei prossimi giorni, con Matteo Renzi che ha già minacciato querele per chi lo accosta alla vicenda. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

PROCURA CHIEDE ROGATORIA

Lo scandalo emerso oggi a proposito di Andrea Conticini, cognato dell’ex premier Matteo Renzi, finito nell’occhio del ciclone per via dell’appropriazione indebita di somme milionarie che, ricevute da Unicef e Fondazione Pulitzer, sarebbero finite sui suoi conti anziché a delle organizzazioni umanitarie, si arricchisce di nuovi particolari: la Procura di Firenze ha avanzato infatti una rogatoria internazionale agli Stati Uniti d’America in merito a questi fondi, pari a circa 6,6 milioni di dollari, che sarebbero finiti sui fondi personali di Alessandro Conticini, fondatore nonché presidente di “Play Therapy Africa”. La Procura toscana ha già due anni fa indagato il cognato e i due fratelli per reati legati al riciclaggio ma, dato che nelle ultime ore non solo alcune cronache giornalistiche ma pure alcuni esponenti politici hanno accostato il nome di Renzi a questa vicenda, l’ex leader del Partito Democratico ha prima ironizzato spiegando che presto qualcuno lo accuserà di essere “il mandante del mostro di Firenze” e poi ha fatto sapere che sporgerà querela contro chiunque dovesse diffamarlo in merito a dei fatti che, al di là dei legami di parentela, lo vedono totalmente estraneo. (agg. di R. G. Flore)

ANDREA CONTICINI “SALVATO” DA LEGGE ORLANDO

Sono pesanti le accuse nei confronti del cognato di Matteo Renzi, Andrea Conticini, sposato con la sorella dell’ex premier Matilde, e dei fratelli Alessandro e Luca: indagati da due anni con l’accusa di riciclaggio e – solo Alessandro e Luca – anche di appropriazione indebita aggravata. Secondo la Procura di Firenze, questi ricevevano generose donazioni da Unicef, Fondazione Pulitzer e altre onlus americane ed australiane da destinare a bambini africani ma invece di mandare quei soldi in Eritrea, Burundi o Sierra Leone li giravano sui loro conti bancari. Questo avrebbero fatto con circa 6,6 dei 10 milioni di dollari ricevuti, come riporta Il Fatto Quotidiano. Ed è sempre lo stesso quotidiano a sottolineare che buona parte dell’indagine rischia di diventare carta straccia per effetto della riforma dell’ex ministro Orlando, per cui il reato di appropriazione indebita è procedibile soltanto per querela delle parti offese. Da qui la mossa della procura fiorentina che attraverso una rogatoria verso Unicef, Fondazione Pulitzer e altri parte offese ha spiegato che, senza una loro denuncia, il procedimento non potrà andare avanti. (agg. di Dario D’Angelo)

PM A UNICEF: “DENUNCIATE”

Invece di spedire i soldi in Eritrea, Burundi o Sierra Leone attraverso la Play Therapy Africa, il cognato di Matteo Renzi, Andrea Conticini e i fratelli Alessandro e Luca li avrebbero girati sui propri conti bancari e impiegati per importanti investimenti immobiliari e per l’acquisto di quote di alcune società della famiglia Renzi o di persone ad essa vicine. E’ questa l’accusa della procura di Firenze che da due anni ha indagato i tre soggetti per i reati di riciclaggio e, solo per Alessandro e Luca, anche appropriazione indebita aggravata. In merito alla cifra, si tratta di 6,6 milioni di dollari dei 10 ricevuti, motivo per il quale i pubblici ministeri Luca Turco e Giuseppina Mione, dopo aver ricostruito l’intero caso, hanno allertato l’Unicef affinché si possa procedere a regolare denuncia al fine di poter ottenere indietro i soldi. “In Italia la legge è cambiata, se non presentate una denuncia non potremo proseguire l’inchiesta per appropriazione indebita. E dunque non avrete alcuna possibilità di reclamare i soldi”, hanno fatto sapere i magistrati, come riporta Affaritaliani.it. L’ex premier, di contro, ha già replicato facendo sapere di essere intenzionato a procedere nelle opportune sedi contro chiunque continui ad accostare il suo nome a una vicenda giudiziaria che non lo riguarderebbe in prima persona. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

RENZI, PM “MILIONI PER AFRICA SU CONTI DEL COGNATO ANDREA CONTICINI”

Matteo Renzi, inchiesta choc: “i milioni per l’Africa sui conti del cognato e dei fratelli”. Il Fatto Quotidiano riporta le ultime sull’inchiesta, resa nota nel 2016 dal quotidiano La Nazione, nata da anomali movimenti bancari segnalati da Bankitalia e da dubbi espressi da Monika Jephcott, al tempo direttrice di Play Therapy ltd Londra. Il cognato dell’ex presidente del Consiglio Andrea Conticini e i fratelli Alessandro e Luca sono indagati con l’accusa di riciclaggio di denaro dalla Procura di Firenze, con Alessandro e Luca Conticini accusati inoltre di appropriazione indebita aggravata. Secondo una prima ricostruzione, avrebbero ricevuto generose donazioni da varie onlus, tra cui Unicef e Fondazione Pulitzer per finanziare attività benefiche per i bambini africani ma, invece di spedire i soldi raccolti nei Paesi previsti, li giravano sui propri conti bancari. L’entità delle somme in questione è stata ricostruita dai pubblici ministeri Luca Turco e Giuseppina Mione, con il denaro investito in immobili in Portogallo ed altri Paesi esteri.

RENZI: “QUERELA PER CHI MI ASSOCIA ALLA VICENDA”

“Procederò in sede civile e penale contro chiunque accosti il suo nome a una vicenda giudiziaria che da due anni ciclicamente viene rilanciata sulla stampa e che riguarderebbe un fratello del marito di una sorella di Renzi. I processi si fanno in aula, non sui media. Al termine del processo si fanno le sentenze. E le sentenze si rispettano. Anche quelle sui risarcimenti” ha fatto sapere Matteo Renzi attraverso una nota del suo ufficio stampa. E l’ex segretario del Partito Democratico ha anche scritto un lungo post su Facebook per commentare la vicenda: “Prendiamola sul ridere, dai, che forse è meglio così. Dopo i sacchetti di plastica, le Lamborghini di Ibiza, i servizi segreti in Consip, i finti fratelli portaborse, le cugine imprenditrici, la pagliacciata “dell’aereo di Renzi” arriva adesso – tenetevi forte – la vicenda dei bambini africani. Un’indagine aperta da ben DUE anni su un fratello del marito di una mia sorella per presunte irregolarità (presunte), nel suo lavoro di dirigente della cooperazione. Prove? Dopo due anni di indagini non risultano, le vedremo al processo. Ma tanto basta solo evocare la vicenda per andare sui giornali oggi – esattamente come due anni fa – con un’altra condanna: quella dei titoli a effetto. E con i social che sputano sentenze. Vedremo che cosa diranno le sentenze. Anche quelle per risarcimento danni perché essere buoni va bene, ma il mutuo di casa lo pagheremo con i risarcimenti”. E sottolinea ironicamente: “Nel frattempo sono in grado di svelarvi la prossima mossa, ciò che accadrà alla ripresa. Dopo i sacchetti di plastica, l’aereo di stato e i bambini africani a settembre mi accuseranno anche di essere stato – udite, udite – il vero mandante del mostro di Firenze”.