Matteo Salvini indagato formalmente sulla situazione delle navi migranti

theguardian.com 25.8.18 Lorenzo Tondo

Il deputato italiano PM permette ai migranti sull’Ubaldo Diciotti di sbarcare, dopo essere stato posto sotto inchiesta sulla loro detenzione

Il vice primo ministro italiano ha ceduto il passo al destino di oltre 100 rifugiati e migranti costretti con la forza su una nave di salvataggio ancorata, dopo essere stati formalmente sottoposti a indagini per possibili detenzioni illegali e rapimenti.

L’Ubaldo Diciotti è attraccato da lunedì al porto siciliano di Catania, inizialmente con 177 migranti a bordo. Matteo Salvini, che è anche ministro degli interni del paese, aveva detto che nessuno avrebbe potuto lasciare la barca fino a quando non avesse ricevuto garanzie che altre nazioni europee avrebbero preso la maggior parte di loro.

Dopo l’annuncio di sabato sera dell’inchiesta formale, Salvini ha finalmente dato il permesso ai rimanenti 134 migranti a bordo dei Diciotti di sbarcare. Il governo italiano ha annunciato che l’Albania ne prenderà in 20, mentre l’Irlanda prenderà 25 migranti. La chiesa italiana ha detto che avrebbe preso il resto per “porre fine a questa situazione drammatica e sofferenza”, ha detto un portavoce della Conferenza episcopale d’Italia.

Qualche giorno dopo lo stallo, Salvini aveva permesso a un gruppo di 27 bambini che viaggiavano da soli di sbarcare, e sabato i medici hanno identificato 16 persone bisognose di cure mediche immediate, alle quali è stato anche permesso di lasciare la nave. Due di loro hanno avuto possibili sintomi di tubercolosi.

Tuttavia, ciò ha lasciato 134 persone a bordo della nave, che è lunga meno di 100 metri. I pubblici ministeri hanno annunciato sabato sera che stavano indagando su Salvini, un populista di estrema destra, per aver tenuto in ostaggio tutti i 177.

L’Italia sembrava essere in violazione della Convenzione europea sui diritti umani, secondo la quale qualsiasi richiedente asilo detenuto per più di 48 ore dovrebbe essere rilasciato e avere l’opportunità di presentare domanda per lo status di rifugiato.

Un’inchiesta sulla detenzione dei passeggeri sulla nave è stata lanciata mercoledì, da Luigi Patronaggio, procuratore capo di Agrigento, che ha visitato la nave e interrogato i suoi passeggeri. I magistrati si sono recati a Roma il venerdì per interrogare Salvini, i membri del suo staff e almeno due alti funzionari nel ministero dell’interno.

I pubblici ministeri hanno lentamente lavorato verso i più alti livelli della struttura di comando del ministro. All’inizio, il magistrato non ha escluso di mettere in discussione lo stesso Salvini, ma dopo le interviste con il suo staff, i pubblici ministeri hanno deciso che non era necessario, hanno riferito fonti al Guardian.

Ho sentito i pubblici ministeri chiedere i miei dettagli. Ecco qui. Sono nato a Milano, il 9 marzo 1973, a Milano. Sono pronto e orgoglioso di essere arrestato perché sto combattendo per difendere il confine italiano “, ha scritto Salvini su Facebook quando è emersa la notizia dell’inchiesta.

La crisi di Diciotti è iniziata il 15 agosto, quando la nave ha salvato 190 persone da una barca sovraffollata al largo dell’isola italiana di Lampedusa. Tredici sono stati evacuati per cure mediche di emergenza, e dopo che la barca è stata respinta dalle autorità maltesi, è stato autorizzato ad attraccare in Sicilia. Tuttavia, Salvini disse che non avrebbe permesso a quelli a bordo di sbarcare fino a quando non fu assicurato che tutti “sarebbero andati altrove”.

Ho sentito i pubblici ministeri chiedere i miei dettagli. Ecco qui. Sono nato a Milano, il 9 marzo 1973, a Milano. Sono pronto e orgoglioso di essere arrestato perché sto combattendo per difendere il confine italiano “, ha scritto Salvini su Facebook quando è emersa la notizia dell’inchiesta.

La crisi di Diciotti è iniziata il 15 agosto, quando la nave ha salvato 190 persone da una barca sovraffollata al largo dell’isola italiana di Lampedusa. Tredici sono stati evacuati per cure mediche di emergenza, e dopo che la barca è stata respinta dalle autorità maltesi, è stato autorizzato ad attraccare in Sicilia. Tuttavia, Salvini disse che non avrebbe permesso a quelli a bordo di sbarcare fino a quando non fu assicurato che tutti “sarebbero andati altrove”.