Teresa Alvaro, chi è (e cosa farà) il nuovo direttore di Agid (e il Team di Piacentini?)

 startmag.it 31.8.18

Agid

Fatti, approfondimenti, scenari e indiscrezioni dopo la nomina di Teresa Alvaro a direttore generale dell’Agenzia per l’Italia digitale. Novità anche sul Team Digitale capeggiato da Piacentini? C’è chi dice che Casaleggio…
Sarà Teresa Alvaro il nuovo direttore generale dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

Il ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno ha individuato il nuovo numero uno dell’Agid tra le 74 candidature esaminate.

“Alvaro è un’eccellenza e il settore ha bisogno di eccellenze”, ha commentato il ministro: per la digitalizzazione “siamo all’anno zero”, ha aggiunto Bongiorno.

Nelle prossime ore verrà firmato il decreto di nomina e Alvaro si insedierà subito dopo la registrazione da parte della Corte dei Conti entro 30 giorni dal decreto di nomina. Prenderà il posto di Antonio Samaritani.

LA BIOGRAFIA DI ALVARO

Nata il 16 ottobre del 1954, Alvaro, come si legge sul curriculum, è laureata in matematica, è libero docente di informatica gestionale e tra le sue esperienze vanta 12 anni come responsabile informativo dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

LA SELEZIONE

Il nuovo direttore di Agid è stato selezionato con procedura ad avviso pubblico avviata lo scorso 3 luglio. Per la valutazione delle 74 candidature pervenute è stata costituita una Commissione composta da tre esperti.

LA COMMISSIONE

La commissione di esperti che ha vagliato le candidature era composta da Alberto Marchetti Spaccamela, direttore del dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale Antonio Ruberti dell’Università di Roma “La Sapienza”; da Sonia Bergamaschi, professore ordinario Università degli studi di Modena e Reggio Emilia; e da Elio Gullo, direttore dell’Ufficio innovazione e digitalizzazione del dipartimento della Funzione pubblica della presidenza del Consiglio dei ministri.

LA SCELTA

La commissione ne ha selezionati 9 sulla base dell’analisi del curriculum e li ha ulteriormente esaminati tramite colloquio individuale. Tra questi la commissione ne ha selezionati tre. Questi hanno tenuto un colloquio individuale col ministro Bongiorno che ha scelto Teresa Alvaro, confermando tra l’altro la valutazione della commissione che l’aveva scelta come la migliore candidata.

I NUMERI DI AGID

L’Agenzia per l’Italia digitale – come ha ricostruito nei giorni scorsi Patrizia Licata su Start Magazine – coordina e indirizza la spesa dei 4,6 miliardi di fondi strutturali destinati dalla programmazione 2014-2020 per l’attuazione dell’Agenda digitale.

IL SILURO A SAMARITANI

Il mandato triennale di Antonio Samaritani (voluto dal ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, dopo essere stato il responsabile Ict della Regione Lombardia) è scaduto (dopo i 45 giorni di proroga previsti) il 2 luglio 2018 e non è stato rinnovato.

I PRIMI PASSI DI ALVARO

Alvaro dovrà riprendere in mano i progetti del Piano Triennale, approvato a fine 2017, e non ancora attuati, con dossier cruciali quali Spid, razionalizzazione dei data center pubblici, uso del cloud, digitalizzazione dei servizi pubblici su scala territoriale, riqualificazione della spesa Ict.

CHE COSA HA DETTO IL MINISTRO BONGIORNO

Le prime indicazioni di massima sono già arrivate dalla politica. In occasione dell’Internet Day 2018 il ministro Bongiorno ha affermato che cercherà “di aiutare l’Agid e il Team digitale ad andare avanti sui progetti”, ma “la digitalizzazione deve essere ragionevole”: “bisogna fare i conti con l’enorme diversità che esiste fra la PA centrale e il più piccolo comune arroccato su una montagna. Immaginare una trasformazione digitale omogenea significa non tenere conto delle peculiarità”.

CHE COSA SUCCEDE AL TEAM DIGITALE

A settembre terminerà il mandato di Diego Piacentini, a capo del Team digitale della presidenza del Consiglio voluto con forza dall’ex premier Matteo Renzi. Piacentini ha lanciato segnali di disponibilità a restare in alcune interviste, per nulla critiche verso il nuovo esecutivo.

GLI SBUFFI A 5 STELLE SU PIACENTINI

Tra l’altro alcuni addetti ai lavori dicono che ci sarebbe un orientamento di massima a proseguire l’esperienza del Team per la trasformazione digitale, come ha lasciato intuire la Buongiorno (“Mi hanno parlato benissimo del team di Piacentini”), Ma la scelta, formalmente, spetta alla presidenza del Consiglio, cioè al premier Giuseppe Conte. E già si avvertono borbottii del Movimento 5 Stelle su Team Digitale e Piacentini. D’altronde quando finì l’esperienza del governo Renzi i Pentastellati misero per iscritto: “La costosa struttura del commissario straordinario non ha più ragione di esistere”. Chissà se sono ancora della stessa opinione. Di certo nell’entourage di Casaleggio, che sulle questioni digitali aspira ad avere una primazia politica, Piacentini non è ben visto, per usare un eufemismo, si mormora tra i parlamentari grillini.

SILURO NEL MILLEPROROGHE A PIACENTINI

Nel Milleproroghe, tra l’altro, gli addetti ai lavori hanno notato un siluro indiretto a Piacentini. E’ stata inserita una norma che prevede il compenso per il commissario al digitale, ossia per il ruolo ora appannaggio di Piacentini. Mentre il manager Amazon, che accettando l’incarico voluto da Renzi si è messo in aspettativa dal colosso dell’ecommerce, svolge gratuitamente il lavoro nel Team digitale. La norma sarebbe una sorta di preavviso di “sfratto” per Piacentini.