Time – Intervista a Salvini, il volto nuovo dell’Europa

comedonchiotte.org 16.9.18 Saint Simon

Dal Time, l’intervista a tutto campo rilasciata al settimanale dal Ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini, su immigrazione, sicurezza, Europa, Trump e Russia, in cui Salvini viene presentato come il volto nuovo dell’Europa e uno dei leader europei  potenzialmente più determinanti, dato il suo obiettivo di trasformare le istituzioni europee. L’intervista è la trascrizione riadattata per lunghezza e chiarezza di un video in lingua italiana, riportato anch’esso sul Time.

 

di Vivienne Walt, 13 settembre 2018

Play Video

YOU MIGHT LIKE

TRUMP DRAWS FIRE FROM JOE BIDEN AT ANNUAL LGBT DINNER

Cookie Consent

 

 

Matteo Salvini potrà non essere il Primo Ministro italiano. Ma ci sono pochi dubbi sul fatto che il ministro degli interni italiano è il politico più influente nel paese. E se ci riesce, potrebbe diventare uno dei leader più potenti in Europa.

 

Salvini è a capo della Lega, il partito nazionalista di estrema destra che ha ottenuto il 17,4% dei voti nelle elezioni dello scorso marzo, promuovendo una linea aggressivamente anti-immigrazione. Dopo aver contribuito a costruire una coalizione con l’ anti-establishment Movimento Cinque Stelle, è diventato Ministro degli Interni con responsabilità sulla sicurezza, l’ordine pubblico e l’immigrazione.

 

E sull’ultimo tema non ha perso tempo per lasciare il segno. Ha provato a sospendere completamente le procedure di asilo fino a che nella UE non si raggiunga un accordo per una distribuzione equa dei rifugiati. Ha fatto imbestialire i leader UE impedendo alle barche coi migranti tratti in salvo di attraccare nei porti italiani – ad agosto, per esempio, ha rifiutato di autorizzare una nave della Guardia Costiera Italiana, la Diciotti, a sbarcare 177 migranti soccorsi nel Mediterraneo.

 

Questo approccio deciso del “non si fanno prigionieri” gli  ha fatto conquistare nuovi consensi in Italia; i sondaggi adesso indicano che la Lega ha il sostegno del 30% degli elettori. E Salvini ha solo allargato la sua sfera di influenza. Il 7 settembre, l’ex direttore della campagna elettorale di Trump, Steve Bannon, si è incontrato con Salvini per coinvolgerlo nella sua nuova organizzazione a Bruxelles, che mira a una forte affermazione dei partiti populisti di destra alle elezioni europee del prossimo anno.

 

Salvini adesso ha nel mirino niente di meno che l’obiettivo di trasformare l’unione politica ed economica. “Cambiare l’Europa è un grande obiettivo”, ha detto l TIME in una intervista esclusiva nel suo ufficio di Roma il 4 settembre. “Ma penso che sia alla nostra portata”.

 

Qui di seguito la trascrizione riadattata per lunghezza e chiarezza.

 

TIME: Immagini che domani ci sia un altro incidente come quello della Diciotti. Cosa farà?

 

SALVINI: Stiamo lavorando per non avere un altro caso come quello. Ma se accadrà di nuovo, ci comporteremo esattamente allo stesso modo.

 

Quindi non permetterebbe nuovi sbarchi sui lidi italiani. È questo che sta dicendo? Perché l’Unione Europea, le ONG, stanno dicendo che ciò è contro il diritto del mare, contro i diritti umani, contro le convenzioni che l’Italia ha firmato.

 

Sono padre di due bambine, quindi anche dalla Diciotti abbiamo permesso lo sbarco di bambini, malati, donne. Ma fermare il traffico di essere umani è troppo importante per noi e per il loro futuro.

 

Le Figaro, il giornale francese, questa settimana ha scritto che lei vuole “far esplodere l’Unione Europea”. È quello che vuole fare?

 

No. No. Al contrario, penso che la storia ci affidi il ruolo di salvare i valori europei – dalle radici giudaico-cristiane al diritto al lavoro, il diritto alla sicurezza, il diritto alla vita. Questa unione è cresciuta troppo, e troppo velocemente, senza radici comuni, soltanto con una moneta comune. Quindi stiamo lavorando per rifondare lo spirito europeo che è stato tradito da coloro che governano l’unione.

 

Quindi perché non spingere per far uscire l’Italia dall’Unione europea? Lei ha esitato su questo tema. Molti dei suoi sostenitori con cui ho parlato dicono “non vogliamo stare nella UE”. Lei è d’accordo?

 

Io ho scelto di cambiare le cose dall’interno. Questo probabilmente è più difficile, più lungo e più complicato, ma è una soluzione più concreta. Lavorare dall’interno per cambiare le politiche monetarie, finanziarie, agricole, commerciali, industriali. Stiamo crescendo, e ci stiamo alleando con altri paesi europei per cambiare la UE dall’interno. Se abbandonassimo, sarebbe la fine della speranza.

 

Lei ha forze potenti contro, il Presidente francese Emmanuel Macron, e la Cancelliera tedesca Angela Merkel. Pensa di poter fare abbastanza cambiamenti da soddisfare i suoi sostenitori e convincerli che vale la pena rimanere nella UE?

 

Penso di sì. Stiamo lavorando con amici da Francia, Germania, Polonia, Romania, Bulgaria, Olanda, Belgio, Austria per creare un’alleanza alternativa al duopolio dei Cristiano Democratici e dei Socialisti che ha sempre governato l’Europa. È chiaro che devo cambiare le dinamiche europee per creare un luogo migliore per italiani, francesi, austriaci e spagnoli.

 

L’obiettivo è creare un’alleanza senza i Socialisti, quindi senza Macron, senza [l’ex Primo Ministro italiano Matteo] Renzi. Questa alleanza deve cambiare gli equilibri nel Parlamento europeo e nella Commissione europea. Sono stato eletto segretario della Lega quattro anni e mezzo fa, il partito era al 3% nei sondaggi. Oggi i sondaggi ci danno al 30%. Quindi cambiare l’Europa è un grande obiettivo, ma penso che sia alla nostra portata.

 

Vuole chiudere i confini europei?

 

I confini esterni. Penso che questo adesso sia l’obiettivo di quasi tutti i leader europei, anche quelli di sinistra, come Pedro Sanchez in Spagna. La protezione dei confini esterni ci permetterebbe di riaprire i confini interni che adesso sono chiusi. Mi piacerebbe la libera circolazione all’interno della UE, come risultato della protezione delle frontiere esterne.

 

Lei è incredibilmente concentrato sull’immigrazione. Alcuni la chiamerebbero ossessione. Perché è così deciso a controllare l’immigrazione?

 

Il problema più grande in Italia è il lavoro. E un’immigrazione fuori controllo danneggia il mercato del lavoro, perché gli italiani non possono competere con lavoratori illegali che vengono sfruttati. Quindi per ridare dignità al lavoro dobbiamo controllare l’immigrazione.

 

Non è l’unico problema. Il Ministro degli Interni ha la responsabilità della sicurezza. Quindi ci stiamo dedicando alla lotta alla Mafia, alle droghe, alla violenza contro le donne. Ma l’immigrazione è uno dei temi.

Quando parla di crimini e migranti, la gente dice che lei è un razzista o un nazista. Questo non sembra preoccuparla.

 

Gli immigrati regolari in Italia sono cinque milioni, l’8% della popolazione. Sono i benvenuti. ll problema è l’immigrazione irregolare, che porta crimine e conflitto sociale. Se riuscirò a ridurre il numero di questi crimini e la presenza di immigrati illegali, possono chiamarmi razzista quanto vogliono. Andrò avanti e la gente continuerà a sostenermi. Anche gli elettori di sinistra vogliono più sicurezza e più rigore in questo campo. Altrimenti non si spiegherebbe perché la Lega sia data al 30% nei sondaggi.

 

Per molti americani lei ricorda molto il Presidente Trump. Lui dice “Prima l’America”, mentre lo slogan della sua campagna è stato “Prima gli Italiani”. Lei è andato ad incontrarlo quando era un candidato presidenziale. In che modo l’ha ispirata?

 

Ovviamente siamo paesi diversi, con storie diverse, economie diverse e siamo due persone diverse. Ma ho apprezzato le sue proposte sulla sicurezza e specialmente sull’economia, e il fatto che ha mantenuto questi impegni dopo le elezioni – anche su temi caldi, come spostare la capitale di Israele a Gerusalemme. Mi piace il fatto che abbia mantenuto gli impegni fatti sulla protezione delle frontiere, sulla riduzione delle tasse, sugli investimenti. La situazione economica degli Stati Uniti è assolutamente positiva.

 

Io penso che anche se sono più piccolo e l’Italia è più piccola, condivido con il Presidente americano gli attacchi dal mondo mainstream del politicamente corretto: attori, cantanti, registi, giornalisti. E questo significa che stiamo lavorando bene.

 

Lei è anche un utente appassionato di social media, anche se su Facebook piuttosto che sul mezzo preferito di Trump, Twitter. Cosa ha imparato da questo?

 

All’inizio non volevo nemmeno avere Facebook. Ho installato Whatsapp un mese fa per lavorare al ministero. Ma attraverso i social media ho un contatto personale diretto. Per esempio, il video che ho fatto in montagna durante l’episodio della Diciotti ha raggiunto otto milioni di persone. Un numero molto più grande di quello dei media tradizionali.

 

È d’accordo con l’opinione del Presidente Trump, che molti dei media mainstream sono quelli che lui definisce fake news?

 

No. Penso che le persone adesso abbiano abbastanza opportunità per informarsi: da Internet, dalla radio, dai giornali e dalle televisioni. L’informazione in Italia è sbilanciata a favore della sinistra, ma questo è sempre stato vero, anche se non influenza più l’opinione pubblica. Non penso ci siano cospirazioni.

 

Pensa che lei e Trump siate parte dello stesso movimento globale?

 

Direi di si. La storia ha dei cicli. Questo è un ciclo che più che il confronto tra destra e sinistra rappresenta il confronto tra élite e popolo. Quindi valori popolari, famiglia, lavoro, sicurezza, benessere, bambini, contro le imposizioni di finanza, multinazionali, pensiero unico. Non so quanto durerà.

 

Penso che sia una storia simile. Non solo negli Stati Uniti o in Europa, ma anche in altri luoghi. I cambiamenti sono in Russia, in Cina. È un fattore comune: il confronto tra popolo e élite.

 

Sostiene di porre fine alle sanzioni contro la Russia? E considera Putin un alleato o no?

 

Ho sempre detto che le sanzioni non sono utili per raggiungere gli scopi per le quali erano state imposte e sono un costo economico per l’Italia, l’Europa e la Russia. Preferisco il dialogo alle sanzioni. Ho incontrato Putin solo una volta. Non ci sono legami economici o rapporti commerciali. Voglio soltanto delle buone relazioni tra Russia e Europa. C’è un accordo tra la Lega e il partito [di Putin] Russia Unita. Spero di mettere fine a questo regime di sanzioni il prima possibile, perché non c’è bisogno di combattere.

 

Il Presidente Putin in effetti ha detto, per come è stato tradotto in inglese, che gli è piaciuto come sono andate le cose dopo le elezioni in Italia. Pensa che i russi abbiano interferito con le elezioni come sembra che abbiano fatto negli Stati Uniti, in Francia e Germania?

 

No, non c’è stata assolutamente interferenza, e nessun tipo di collegamento economico o mediatico. Cercano hacker russi dappertutto. Gli italiani pensano con la propria testa. Non so cosa abbiano fatto o se hanno fatto qualcosa in America o in Francia. Ma, per come la vedo io, questa storia delle interferenze russe è ridicola. Le fake news sono già distribuite 24 ore al giorno dalle compagnie televisive ufficiali italiane pagate dai contribuenti italiani, e non dagli hacker russi. Non ho mai incontrato un hacker russo. Sarei curioso di incontrarne uno.

 

Steve Bannon ha detto di averla consigliata prima delle elezioni e vi siete riuniti per ore. Lui l’ha consigliata di formare la coalizione con il Movimento Cinque Stelle. Come è stata la discussione con lui? È stata utile?

 

Abbiamo parlato al telefono e ci siamo incontrati prima e dopo le elezioni, discutendo ognuno le idee dell’altro. Ha un’idea interessante per sviluppare i legami tra i paesi occidentali. Poi ovviamente in Italia abbiamo la nostra sensibilità, le nostre necessità, che non sono sempre vicine a quelle degli altri paesi. Ha un’idea interessante dell’evoluzione politica futura. L’ho incontrato, e probabilmente lo incontrerò di nuovo, poiché mi ritengo fortunato ad incontrare altri liberi pensatori, ad allargare i miei orizzonti.

 

Ci stiamo avvicinando alle elezioni europee del prossimo maggio. Quale sarà la sua richiesta di fondo in questa campagna europea? E cosa succederà se non otterrà quel che vuole a Bruxelles? Che tipo di influenza ha?

 

L’Italia è la seconda potenza industriale europea, un membro fondatore [della UE]. Siamo 60 milioni. Paghiamo 6 miliardi [di euro] all’anno al bilancio europeo. Quindi pensiamo di avere buone ragioni per essere ascoltati. Saremo ascoltati, perché l’Europa senza l’Italia non esiste.

 

Altri hanno provato e fallito. Qual è il suo piano B?

 

Porta sempre sfortuna rivelare il piano B. Lo terrò per la prossima intervista.

 

Quindi, nessuna uscita dalla UE?

 

No. Vogliamo cambiare le cose dall’interno.

Veneto Banca fatta fallire dopo una prova diabolica: depositata in Corte d’Appello memoria con cui avvocati di Vincenzo Consoli contestano sentenza del tribunale di Treviso

Rassegna Stampa vicenzapiu.com 16.9.18

«Il tribunale non ha esitato a sottoporre la solvibilità della banca ad una prova di resistenza tanto diabolica quanto irrealistica – quella della liquidazione “scellerata” più che atomistica – che neppure la più solida società avrebbe avuto possibilità alcuna di superare». È uno dei passaggi più significativi del reclamo presentato alla Corte d’Appello di Venezia dall’ex dg di Veneto Banca Vincenzo Consoli per chiedere l’annullamento della sentenza con cui i giudici trevigiani hanno dichiarato il fallimento dell’ex Popolare. Nei giorni scorsi i legali del manager, lo studio Giliberti Triscomia di Milano, hanno depositato la memo­ ria che contesta appunto le valutazioni del tribunale sostenendo che esse si fondano su criteri sbagliati e su un «vuoto probatorio».

«Il tribunale di Treviso ha dichiarato insolvente Vene­to Banca andando contro ogni evidenza probatoria e sulla base di un ragionamento deduttivo aprioristico che ha voluto a tutti costi azzerarne le componenti patrimoniali e, laddove ciò risultava insostenibile, puntare su una – ancora una volta indimostrata e congettuale – asserita inidoneità o incapacità finanziaria», scrivono gli avvocati di Consoli sostenendo che per arrivare a tale risultato si è ricorso a uno stress test definito «diabolico». Una prova che per i legali è viziata «da un enorme pregiudizio, tanto da giustificare l’insolvenza solo in forza di un’erronea valutazione che non trova alcun appiglio non solo nei numeri ma neppure in diritto».

Consoli contesta la mancanza dei documenti su cui il tribunale trevigiano ha fondato il suo giudizio e il riferimento a elementi che non dovevano essere presi in considerazione nella valutazione sull’insolvenza. La sentenza, sostengono i legali milanesi, avrebbe espresso un giudizio prognostico e aprioristico della banca».

Inoltre, viene rilevato, c’è stata una discrepanza nella procedura usata per valutare l’insolvenza di Veneto Banca e quella di Popolare di Vicenza: nel secondo caso il tribunale ha nominato un consulente tecnico, scrivono gli avvocati di Consoli: soluzione questa che doveva essere adottata anche per Treviso «per la gravità delle conseguenze che possono derivare, senza che venga compiuto un puntuale accertamento che solo un consulente munito di specifiche competenze è in grado di compiere; accertamento che è palesemente mancato da parte del tribunale di Treviso».

Di Sabrina Tomè, da Il Mattino di Padova

Mangio strano, mangio sano?

Di Leonardo Colla, Falò RSI tvsvizzera.it 16.9.18

Un tempo si diceva “dimmi come mangi e ti dirò chi sei”. Probabilmente c’è del vero, ma è una realtà sempre più complicata. Perché nutrirsi ormai non ha quasi più nulla dell’atteggiamento istintivo e naturale che ha avuto per secoli. Oggi si specula e si ragiona su ogni cosa si ingerisca.

VIDEO

Orientarsi nel mondo dell’alimentazione è sempre pù difficile. Siamo bombardati da una marea di informazioni, spesso contraddittorie: gli alimenti che fino a ieri erano consigliati, oggi sono da evitare, mentre quelli che in passato erano considerati dannosi, oggi sono un toccasana.

Per non parlare di quelli nefasti per i paesi che li producono o quelli deleteri per l’ambiente. E così cresce il numero di persone che decide di eliminare qualche nutrimento dalla sua dieta: il glutine, la carne, il pesce, le uova, gli zuccheri, il latte e gli alimenti industriali. Il risultato è una grande confusione, in cui spiccano pseudo verità scientifiche, diete miracolose e nuovi dogmi alimentari, che durano però lo spazio d’un mattino.

Ma intanto il dubbio che il nostro modo di mangiare sia sbagliato ormai si è insinuato. E allora cresce il numero di persone che seguono diete curiose e a volte prive di fondamento, oltre che di gusto. Fino ad arrivare ad una nuova malattia, chiamata ortoressia, una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratteristiche.

Prima l’UE, ora l’ONU, e poi chi verrà ancora? I marines?!

comedonchisciotte.org 16.9.18

 

DI ALESSANDRO GUARDAMAGNA

comedonchisciotte.org

Dopo averci bollati come lebbra, accusati di minare la stabilità di un Europa che grazie al terrorismo psicologico dei suoi banchieri si danneggia benissimo da sola, ora ci hanno messo di mezzo anche l’ONU. E’ infatti di pochi giorni fa la notizia che l’Alto commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, attaccando il governo Italiano colpevole di aver «negato l’ingresso di navi di soccorso delle Ong» nei propri porti, ha annunciato che l’Agenzia ONU per la tutela dei diritti umani invierà ispettori che dovranno valutare il“forte incremento di atti di violenza e di razzismo contro migranti, persone di discendenza africana e Rom».

Li manderanno in Italia, anche in Austria pare, e in un secondo tempo forse in Germania e USA, ma per il momento arrivano solo da noi, per via dei fatti di Catania, segno di un «atteggiamento politico» dalle «conseguenze devastanti per molte persone già vulnerabili». Questa vulnerabilità non sembra applicarsi a quei 34 che sono spariti dopo essere accolti, ma si sa, non si può pretendere….

Eppure Michelle Bachelet non si è mai sognata di condannare vari regimi sparsi per il mondo, come quello di Fidel Castro, che lei definì “un leader per la dignità e la giustizia sociale a Cuba e in America Latina”… oppure quello di Chavez, lodato per «il suo più profondo amore per il suo popolo e le sfide della nostra regione per sradicare la povertà e generare una vita migliore per tutti». Molto strano anche il suo silenzio assordante sulle uccisioni di centinaia di manifestanti da parte del regime di Ortega in Nicaragua. Invece sul razzismo all’italiana contro migranti e rom, l’amica dei dittatori appare molto convinta.

Alla notizia esulta la Bonino di Piu’ Europa, che rimprovera il governo mentre fa appelli tradotti in arabo per i giovani mediorientali, invitandoli a fare armi e bagagli per trasferirsi in un’Europa bisognosa del loro aiuto.