I parka Woolrich agli ex manager di Bain Capital: con un finanziamento di Intesa Sanpaolo

https://carlofesta.blog.ilsole24ore.com 20.9.18

Mancano ancora alcuni passaggi per conoscere con certezza la nuova compagine azionaria di Woolrich International, proprietario della storica insegna americana di parka. Ieri infatti il fondo lussemburghese L-Gam ha preso il controllo Grazie all’iniezione di nuovi capitali, la società potrà puntare sullo sviluppo internazionale,in particolare sul mercato cinese, oltre che in Europa, Nord America e Giappone.
Da diversi mesi il brand era oggetto di corteggiamenti da parte di private equity e noti manager. Il brand è stato lanciato in America nel 1830 dall’inglese John Rich per vestire il personale alla lavorazione del legname. La linea di abbigliamento è stata importata in Italia negli anni 80 dalla manager Cristina Calori, presidente della società WP Lavori in Corso, che attraverso la società Woolrich International ha acquisito il controllo. La società nasce quindi dalla fusione di Woolrich Inc. e Woolrich Europe, che fa appunto capo alla bolognese WP Lavori in corso, che controlla la compagine con l’80 per cento.

Tuttavia nel gruppo sono presenti ancora in minoranza i soci americani, che ora dovranno decidere se cedere o meno le loro azioni a L-Gam. Quest’ultimo è un veicolo lanciato nel 2013 da alcuni manager di Bain Capital e Investcorp: Yves Alexandre, Ferdinando Grimaldi e Felipe Merry del Val. Vede tra i sottoscrittori i reali del Liechtenstein ed altre famiglie europee, asiatiche e nord americane. La valutazione di Woolrich sarebbe attorno ai 250 milioni. Sarebbe inoltre in corso, secondo i rumors, una negoziazione con Banca Imi-Intesa Sanpaolo per il finanziamento dell’operazione.