Trump cancella il contratto per comprare parti di bambini abortiti per la ricerca

J.P. Mauro | Set 27, 2018 it.aleteia.org

Il contratto, della Food and Drug Administration, richiedeva “tessuti umani freschi” per creare “animali chimerici”

Dopo che organizzazioni e singoli pro-vita hanno espresso preoccupazione per un contratto dell’agenzia governativa Food and Drug Administration (FDA) che permetterebbe all’agenzia di ottenere parti di bambini abortiti con il denaro dei contribuenti, l’amministrazione Trump ha posto fine al contratto e ha aperto un’indagine.

Le sorprendenti rivelazioni sono giunte dopo che un articolo di agosto di LifeNews ha informato per la prima volta dell’esistenza del contratto. Gli esperimenti introdurrebbero cellule umane nei topi per replicare un sistema immunitario umano funzionale a scopo di ricerca.

Il Dipartimento statunitense per la Salute e i Servizi Umani (HHS) ha diffuso una dichiarazione il 24 settembre:

L’HHS non era sufficientemente sicuro del fatto che il contratto includesse le protezioni idonee applicabili alla ricerca con tessuto fetale, né che rispettassero tutti gli altri requisiti di acquisizione. Come risultato, questo contratto è stato rescisso, e l’HHS sta realizzando un controllo di tutte le acquisizioni che includono tessuto fetale umano per assicurare la conformità con le leggi e i regolamenti sull’acquisizione e la ricerca con tessuto fetale umano.

La dichiarazione prosegue informando dell’apertura di un’indagine per rivedere tutti gli studi che coinvolgono cellule fetali e del fatto che si esploreranno alternative all’uso di tessuto fetale umano.

Anche se sembra un passo nella giusta direzione, Marjorie Dannenfelser, presidentessa della ONG antiabortista Susan B. Anthony List, crede che si debba fare di più per evitare che la FDA e l’HHS siglino un contratto simile in futuro.

“La cancellazione di unico contratto e la realizzazione di un’indagine sono un piccolo passo avanti, ma in generale è del tutto insufficiente”, ha affermato.

Secondo un rapporto di CNSNews, il contratto della FDA richiedeva “tessuti umani freschi” per creare “animali chimerici” che abbiano un sistema immunitario umano. Il rapporto spiega perché quelle cellule dovevano essere estratte dai bambini abortiti:

Visto che non sarebbe in grado di creare i suoi “topi umanizzati” senza tessuto fresco preso da bambini abortiti, la FDA ha anche interesse nella continuazione degli aborti legalizzati in una tappa dello sviluppo fetale in cui il tessuto necessario per creare questi topi possa essere recuperato dal bambino abortito.

La CNSNews ha contattato la FDA e le ha rivolto una serie di domande a cui la FDA ha risposto con una dichiarazione di 3 paragrafi negando la partecipazione diretta all’acquisizione di questi campioni, che a suo avviso viene lasciata nelle mani di un’Organizzazione di Acquisizione dei Tessuti senza scopo di lucro.

La necessità di una regolamentazione più rigida di questa industria è emersa chiaramente in un rapporto del 2015 che ha esposto le pratiche della clinica di pianificazione familiare Planned Parenthood, che deviava dai procedimenti normativi standard per produrre campioni più adeguati.

Il video che accompagnava il rapporto mostrava una conversazione tra Melissa Farrell, direttrice delle ricerche di Planned Parenthood Gulf Coast, e due attori che fingevano di interessarsi a un possibile accordo per acquisire organi fetali. Durante la conversazione, gli attori hanno esortato la Farrell a fare la grande rivelazione:

Da qualche tempo Planned Parenthood partecipa alla vendita di parti di bambini abortiti e ha grande familiarità con l’impiego di resti fetali nella produzione di ratti umanizzati.

La [Farrell] ha parlato di come l’affiliata di Houston per la quale lavorava era “reticente” nei confronti degli sforzi recenti della Planned Parenthood Federation of America di standardizzare le vendite di tessuti fetali in tutte le affiliate partecipanti perché “lo facciamo da molto tempo”.

La Farrell ha proseguito informando gli attori del fatto che l’organizzazione si sarebbe allontanata dalla norma abituale per garantire campioni migliori per la ricerca. Ha anche riconosciuto che è illegale alterare il momento o il metodo di realizzazione della procedura per assicurare che gli organi siano adatti all’uso dei ricercatori.