Enrico Mentana al Wired Next Fest: “Il giornalismo? Vecchi che scrivono per vecchi”

Gaia Berruto wired.it 29.9.18

ll giornalismo di oggi secondo Enrico MentanaVecchi che scrivono per vecchi di argomenti che interessano solo i vecchi”. Al Wired Next Fest di Firenze il direttore de La7 parla del suo nuovo progetto editoriale, dal nome ancora sconosciuto (nome in codice al momento: Gol, acronimo di giornale online), e di politica.

Non voglio essere l’alternativa al reddito di cittadinanza”, ha scherzato il direttore citando la redazione che sta creando selezionando giovani giornalisti, “Ma se ci saranno utili spero di poter assumere altri ragazzi. Gol sarà un’impresa a scopo sociale, non avrà scopo di lucro: l’utile sarà tutto reinvestito nel progetto”.

L’idea di Mentana di creare un nuovo giornale online non viene solo dalla necessità di give back, di restituire qualcosa alla società, ma anche di cercare di riavvicinare i giovani ai prodotti dell’informazione. “Oggi è tutto anacronistico: lo sono i giornali, lo è il tg, che ha la stessa logica di messa cantata”, ha spiegato.

Io ho un rapporto con i giovani solo grazie alle maratone. Perché? Perché è di moda, perché è un’esperienza che permette di fare una cosa insieme per un po’ di ore. Ma io sono contento così, se in questo modo si riavvicina il pubblico al lavoro giornalistico”.

mentana

Mentana vuole un giornale che parli ai 20enni: “Pensiamo al corridoio di un buon ateneo, ci sono ragazzi di 20-25 anni che chiacchierano tra una lezione e l’altra. Di cosa parlano? Della manovra, di Salvini e Di Maio? Forse per l’1% del loro tempo.

Il problema vero è il futuro lavorativo di questi ragazzi. E se ci pensate, il grande assente della manovra di cui si sta parlando tanto è proprio il futuro

Durante l’incontro Enrico Mentana ha anche commentato la situazione politica attuale, dal fallimento della sinistra (“che non è solo in Italia: è una crisi globale”), all’accanimento contro le ong (“una vergogna”), alla situazione migranti (“i migranti non sono tutti uguali. Nessuno si lamenta per filippini al parco o pakistani che quando piove ti vendono l’ombrello. Ma bastano tre persone di colore davanti alla stazione ed è emergenza sociale”).

In chiusura, il direttore di Wired lo ha incalzato sugli insulti di Casalino ai dipendenti del Ministero delle Finanze. “Faccio il giornalista dal 1970 e Casalino sta a mezza classifica quanto a capacità di offendere. Ha dalla sua o contro di lui, a seconda di come la pensiate, l’innovazione tecnologica. Non corriamo l’errore di pensare che quello che per noi è scorretto sia considerato così da tutti gli altri. Pensate a Trump: aveva tutta la stampa contro e ha vinto le elezioni americane. Il ditino alzato è il boomerang dei benpensanti”.