Privatizzazione, Unione Europea e Ponte

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

Scritto da Andrew Spannaus tramite ConsortiumNews.com,

Un ponte di Genova crollato lo scorso mese che ha ucciso 43 persone è di proprietà privata, ma un fattore chiave che ha rallentato gli investimenti infrastrutturali di base in Italia negli ultimi anni è colpa dell’Ue …

Un po ‘più di un mese fa, il 14 agosto, un ponte stradale crollò nel centro della città italiana di Genova, uccidendo 43 persone, danneggiando le aree abitate sottostanti e interrompendo una grande arteria di traffico che collegava i due lati della città. Il ponte era stato costruito negli anni ’60, con una tecnica di costruzione che era stata criticata da alcuni esperti nel corso degli anni, e il suo decadimento era ovvio ; aveva già subito varie riparazioni e per questo autunno era previsto un nuovo ciclo di manutenzione straordinaria.

La manutenzione non è arrivata in tempo. Cadendo pesante pioggia nella zona, automobili e camion sono caduti da un’altezza di 150 piedi, causando morti e feriti e segnando una tragedia nazionale che ha attanagliato il paese.

Perché è successo? La compagnia autostradale italiana è stata privatizzata nel 1999 e le concessioni sono state quindi concesse per gestire le strade. Il più grande concessionario (con circa il 50% della rete) è attualmente Autostrade per l’Italia SpA, controllata dalla famiglia Benetton, fondatori dell’omonimo marchio di moda. Esse ricavano un bel profitto dai pedaggi autostradali, tra i più alti in Europa , e sono responsabili della manutenzione e degli investimenti, che sono rimasti stagnanti anche se i pedaggi sono più che raddoppiati negli ultimi 25 anni.

La difesa di Autostrade in merito al disastro è che mentre le preoccupazioni erano state sollevate sul ponte, non vi erano indicazioni di un pericolo imminente. È un argomento debole, considerando che a Genova il ponte è stato oggetto di dibattito pubblico per anni, con alcuni che lo vedevano come “un disastro in attesa di accadere”. Dopo la resistenza iniziale, Autostrade alla fine ha risposto alla pressione pubblica assegnando 500 milioni di euro ( 575 milioni di dollari) per risarcire le famiglie delle vittime e ricostruire il ponte.

Ponte crollato: proprietà privata. (Wikimedia Commons)

La prima risposta del governo populista italiano guidato dal Movimento a cinque stelle (M5S) e dalla Lega, fu quella di incanalare la rabbia contro la compagnia privata, usando argomentazioni popolari contro le politiche neoliberali di privatizzazione e taglio del bilancio. Hanno ragione, naturalmente, che il disastro è venuto alla luce di una società privata, che si dice sia più efficiente del settore pubblico. Il sistema autostradale italiano funziona abbastanza bene, ma non si può ignorare la necessità di aggiornamenti per le parti dell’infrastruttura che sono state costruite durante il boom economico degli anni ’50 e ’60, che hanno raggiunto la fine della loro vita utile.

Tuttavia i pedaggi sono già alti e il concessionario privato vuole garantire i suoi profitti; chi pagherà tutto il lavoro che deve essere fatto?

I due vice primi ministri del governo italiano, Luigi Di Maio del M5S e Matteo Salvini della Lega, hanno guidato l’accusa contro Autostrade. Di Maio ha minacciato di revocare la concessione e rinazionalizzare le autostrade, anche se il respingimento istituzionale è stato forte. Salvini, d’altra parte, ha puntato immediatamente il dito sui vincoli di bilancio dell’Unione Europea (UE): “Gli investimenti che salvano vite umane … non devono essere calcolati dalle rigide e fredde regole imposte dall’Europa”, ha affermato il 15 agosto.

L’UE ostacola i finanziamenti per le infrastrutture 

Il disastro a Genova non è stato una conseguenza diretta dei tagli al bilancio pubblico, dal momento che la sezione dell’autostrada è gestita da una società privata, come hanno fatto notare i politici centristi e molti dei principali media. Ma la bordata di Salvini ha individuato una questione essenziale per l’Italia – e molti altri paesi europei – oggi: sono necessari ingenti investimenti pubblici, ma i vincoli di bilancio dell’UE lo impediscono.

Salvini: guida l’accusa contro Autostrade. (Wikimedia Commons)

Il governo italiano è responsabile per il benessere pubblico, ma non è in grado di garantire il benessere pubblico. Ci sono molte ragioni per questo, a cominciare dal massiccio debito pubblico del paese – 131 percento del PIL, tra i più alti del mondo – e dall’inefficienza della spesa pubblica. La procedura di gara d’appalto è lenta e complicata, e la burocrazia intricata significa che anche il denaro stanziato viene spesso lasciato inutilizzato per anni.

Si tratta di problemi a lungo termine che richiedono riforme legislative e la riorganizzazione delle priorità. L’attuale governo ha promesso di razionalizzare il sistema di gare d’appalto e anche di dirigere i fondi disponibili per i progetti più urgenti.

Tuttavia, il fattore chiave che ha rallentato gli investimenti infrastrutturali di base in Italia negli ultimi anni è stato il regolamento del bilancio dell’UE, che dopo aver inizialmente impostato un disavanzo massimo di 3 del PIL, ora rende obbligatorio il completo equilibrio del bilancio, sebbene i paesi possano muovere gradualmente verso quell’obiettivo.

Il governo italiano è costantemente sotto pressione per tagliare la spesa pubblica al fine di avvicinarsi a un deficit zero ogni anno. Ciò, nonostante l’Italia abbia gestito un avanzo di bilancio primario (ossia prima di interessi sul debito pubblico) praticamente ogni anno dal 1992. Gli investimenti pubblici sono diminuiti continuamente nel corso degli anni; di oltre un terzo a livello nazionale, fino al 2% del PIL, e di almeno la metà negli ultimi dieci anni quando si tratta di governi locali.

Ciò è avvenuto in particolare perché, al fine di soddisfare i criteri del bilancio UE, l’Italia ha adottato qualcosa chiamato “Patto di stabilità interno”, per accompagnare il patto europeo “Stabilità e crescita”. La versione interna utilizzava i bilanci di comuni, province e regioni per aiutare a raggiungere gli obiettivi del budget nazionale. In sostanza, alle autorità locali è stato richiesto di tagliare le spese anche se avessero soldi in banca, in modo che il governo di Roma potesse contare quei fondi per soddisfare le norme dell’UE.

La dura austerità attuata dal 2011 al 2014 ha reso le cose ancora peggiori. Dopo lo spread tra obbligazioni italiane e tedesche sui mercati finanziari a spillo nell’estate del 2011, che ha portato i timori di una catastrofe finanziaria per l’Italia e il sistema Euro nel suo complesso, i governi tecnocratici si sono rapidamente spostati per tagliare ancora di più la spesa.

Questa politica, dettata dalla Banca centrale europea e dalla Commissione europea e attuata entusiasticamente dai neoliberisti in Italia, ha portato a un vero disastro. Il risultato è stato un calo del 25% nella produzione industriale e un forte aumento della disoccupazione e della povertà. E non sorprendentemente – almeno per le persone razionali – la contrazione economica ha finito per rendere il debito pubblico ancora più grande.

Chi dovrebbe decidere?

Quando, dopo il disastro del ponte a Genova, il governo ha promesso di ricostruire l’infrastruttura stradale del Paese, a prescindere dal costo, la reazione è stata rapida. Da un lato, funzionari dell’UE come Guenther Oettinger, commissario al bilancio, hanno negato che l’Europa sia responsabile della mancanza di investimenti in Italia e, dall’altro, i mercati finanziari hanno aumentato rapidamente il premio di rischio sui titoli di Stato italiani.

La domanda è: perché i mercati finanziari oi tecnocrati dovrebbero decidere se le strade italiane sono sicure? Il governo populista è stato eletto con la promessa di sfidare le politiche di austerità dell’UE, e l’accordo di coalizione tra M5S e la Lega stabilisce due priorità principali in questo campo: aumentare gli aiuti pubblici ai poveri, attraverso una forma di reddito universale, e semplificare e ridurre il alte aliquote fiscali del paese, per aiutare sia le imprese che i privati.

La lotta principale nel governo in questo momento è se in realtà porteranno avanti queste promesse, nonostante la pressione a fare la fila sui criteri di bilancio . Il ministro dell’Economia Giovanni Tria sembra intimidito dalle pressioni dei mercati obbligazionari e chiaramente teme l’antagonismo dell’UE. Di Maio e Salvini insistono nel mantenere le loro promesse, promuovendo l’argomentazione eretica, ma vera, che l’investimento produttivo produce effettivamente crescita. Qualcosa deve dare. La speranza è che non sarà un altro ponte.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...