Delibera n. 20584 Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di esponenti aziendali di Banca Popolare di Bari S.C.p.A. e, a titolo di responsabile in solido, della medesima Società per violazioni dell’art. 94, comma 2, del D.Lgs. n. 58/1998

Delibera n. 20584

Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di esponenti aziendali di Banca Popolare di Bari S.C.p.A. e, a titolo di responsabile in solido, della medesima Società per violazioni dell’art. 94, comma 2, del D.Lgs. n. 58/1998
— Leggi su www.consob.it/web/area-pubblica/bollettino/documenti/hide/afflittivi/pec/int/2018/d20584.htm

Delibera n. 20583 Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di Banca Popolare di Bari S.C.p.A. e relativi esponenti aziendali per violazioni dell’art. 21, comma 1, lett. a) e d), del d. lgs. n. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione

Delibera n. 20583

Applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti di Banca Popolare di Bari S.C.p.A. e relativi esponenti aziendali per violazioni dell’art. 21, comma 1, lett. a) e d), del d. lgs. n. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione
— Leggi su www.consob.it/web/area-pubblica/bollettino/documenti/hide/afflittivi/pec/int/2018/d20583.htm

Google nasconde dati che violano la paura delle ripercussioni; Arresta il servizio di Google+

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

Google ha deciso in primavera di non rivelare che i dati di centinaia di migliaia di utenti di Google+ sono stati esposti perché la società afferma di non aver trovato prove di un uso improprio, riporta il  Wall Street Journal . Il gigante della Silicon Valley temeva sia l’esame regolamentare sia il danno regolamentare, secondo i documenti esaminati dal  Journal  e le persone informate dell’incidente. 

In risposta a essere arrestato, Google Parent Alphabet annuncia nuove misure sulla privacy che includono la disattivazione permanente di tutte le funzionalità consumer di Google+,  una mossa che “mette l’ultimo chiodo nella bara di un prodotto lanciato nel 2011 per sfidare Facebook ,  ed è ampiamente considerato come uno dei più grandi fallimenti di Google .” 

Le azioni in Alfabetico sono diminuite del 2,1% in seguito alla relazione della  rivista : 

Il glitch del software ha dato agli sviluppatori esterni l’accesso ai dati privati ​​del profilo Google+ tra il 2015 e il marzo 2018, dopo che gli investigatori interni di Google hanno rilevato il problema e risolto il problema. Secondo un promemoria preparato dallo staff legale e politico di Google e rivisto dal Journal, gli alti dirigenti temevano che rivelare l’incidente avrebbe probabilmente innescato “un interesse regolamentare immediato”,  mentre invitava confronti con il massiccio scandalo di raccolta dei dati di Facebook. 

L’amministratore delegato Sundar Pichai è stato informato sul piano di non notificare gli utenti dopo che una commissione interna aveva raggiunto tale decisione, hanno detto le persone.

La chiusura pianificata di Google+ fa parte di una più ampia revisione delle pratiche sulla privacy da parte di Google che ha determinato che l’azienda necessita di controlli più severi su diversi prodotti principali, hanno affermato i cittadini. In un annuncio, lunedì, ci si aspetta che la compagnia dica che sta riducendo l’accesso che fornisce agli sviluppatori esterni i dati degli utenti su smartphone Android e Gmail, hanno detto le persone.

Il documento mostra che i funzionari di Google sapevano che la divulgazione poteva avere gravi conseguenze. Rivelare l’incidente probabilmente porterebbe “in noi a venire al centro dell’attenzione accanto o addirittura al posto di Facebook, nonostante sia rimasto sotto il radar durante lo scandalo di Cambridge Analytica”, ha detto il memorandum. “Quasi garantisce che Sundar testimonierà prima del Congresso”. – WSJ

La violazione promette di dare a Google un imbarazzante occhio nero subito dopo aver promesso che era meno suscettibile alle violazioni dei dati come quelle che hanno colpito Facebook. La notizia potrebbe anche complicare i tentativi di Google di evitare una regolamentazione sfavorevole a Washington. 

Pichai ha accettato di testimoniare di fronte al Congresso nelle prossime settimane. 

“Ogni volta che i dati dell’utente possono essere stati colpiti, andiamo oltre i nostri requisiti legali e applichiamo diversi criteri incentrati sui nostri utenti nel determinare se fornire un preavviso”, ha detto un portavoce di Google in una dichiarazione. 

La decisione di non divulgare la vulnerabilità si basava su “se potessimo identificare con precisione gli utenti da informare, se ci fossero prove di uso improprio e se ci fossero azioni che uno sviluppatore o un utente potrebbero prendere in risposta”, ha detto il portavoce. “Nessuna di queste soglie è stata soddisfatta qui.”

Nel frattempo, Google ammette che mentre non hanno prove del fatto che la scappatoia dei dati degli utenti sia stata abusata,  non hanno modo di saperlo con certezza . 

Il promemoria interno dello staff legale e politico afferma che la società non ha prove che gli sviluppatori esterni abbiano fatto un uso improprio dei dati, ma riconosce che non ha modo di saperlo con certezza. I dati del profilo che sono stati esposti includevano nomi completi, indirizzi email, date di nascita, sesso, foto del profilo, luoghi vissuti, stato di occupazione e relazione; non includeva numeri di telefono, messaggi di posta elettronica, post di cronologia, messaggi diretti o qualsiasi altro tipo di dati di comunicazione, ha affermato una delle persone.

Google mette a disposizione degli sviluppatori esterni i dati degli utenti attraverso più di 130 diversi canali pubblici noti come interfacce di programmazione delle applicazioni o API. Questi strumenti di solito richiedono il permesso dell’utente per accedere a qualsiasi informazione, ma possono essere utilizzati in modo improprio da attori senza scrupoli che si presentano come sviluppatori di app per ottenere l’accesso a dati personali sensibili. – WSJ

La task force recentemente creata da Google, il cui nome in codice è Project Strobe, ha condotto un audit a livello aziendale delle API di Google, in base alle persone informate sul processo. Il team è composto da oltre 100 ingegneri, project manager e avvocati, secondo il  Journal . Secondo quanto riferito, Google ridurrà i dati che fornisce agli sviluppatori esterni tramite API, fermando la maggior parte degli sviluppatori esterni dall’essere in grado di accedere ai dati di messaggistica SMS, ai dati dei registri delle chiamate e alle varie forme di dati sui contatti trovati sui telefoni Android. Gmail, ad esempio, consentirà solo a una frazione di sviluppatori di continuare a sviluppare componenti aggiuntivi per il servizio di posta elettronica. 

All’inizio di quest’anno, Google ha dovuto fare pressione per impedire l’accesso degli sviluppatori a Gmail, dopo che un esame del Wall Street Journal ha rilevato che gli sviluppatori usano comunemente app di posta elettronica gratuite per agganciare gli utenti a rinunciare all’accesso alle loro caselle di posta senza dichiarare chiaramente quali dati raccolgono. In alcuni casi, i dipendenti di queste aziende app hanno  letto le e-mail delle persone  per migliorare i loro algoritmi software.

I cambiamenti imminenti sono la prova di un ripensamento più ampio della privacy dei dati su Google, che in passato ha posto relativamente poche restrizioni sul modo in cui le app esterne accedono ai dati degli utenti, a condizione che questi ultimi diano il permesso. Limitare l’accesso alle API farà male agli sviluppatori che hanno aiutato Google a creare un universo di app utili. – WSJ

Il problema di Google+ è stato scoperto nel marzo di quest’anno dal team di Project Strobe e ha permesso agli sviluppatori di recuperare i dati degli utenti che non avevano mai avuto intenzione di condividerlo pubblicamente, secondo il memo e due persone informate in merito. Grazie a un bug nel codice API, i dati del profilo degli utenti e dei loro amici potrebbero essere raccolti, anche se i dati sono stati specificamente contrassegnati come non pubblici nelle impostazioni di privacy di Google. 

A marzo inoltrato, Google ha eseguito test per due settimane per determinare l’impatto del bug, rilevando che riguardava 496,951 utenti che potevano condividere i dati del profilo privato con un amico e che quindi avevano accesso a tali dati da uno sviluppatore esterno. Alcuni degli utenti esposti includevano utenti paganti di G Suite: la serie di strumenti di produttività di Google che include Documenti e Drive. 

Poiché la società ha mantenuto un numero limitato di registri delle attività, non è stato in grado di determinare quali utenti fossero interessati e quali tipi di dati potrebbero essere stati raccolti in modo improprio, hanno detto le due persone informate in proposito. Il bug esisteva dal 2015 e non è chiaro se un numero maggiore di utenti potrebbe essere stato interessato in quel periodo. – WSJ

Fino a 438 app sono state in grado di accedere ai dati, tuttavia Google afferma che dopo un controllo completo, nessuno degli sviluppatori sembrava sospetto o aveva precedenti reclami sulla privacy nei loro confronti. Detto questo, ammette di avere una capacità limitata di sapere se qualcuno di loro ha approfittato della violazione. 

Astaldi: ristrutturazione bond e scambio con azioni? No grazie

di Mirco Galbusera, pubblicato il investireoggi.com

Obbligazionisti Astaldi pronti a dare battaglia a difesa dei soldi prestati. Come aderire alla causa e farsi rappresentare

Obbligazionisti Astaldi pronti a dare battaglia a difesa dei soldi prestati. Come aderire alla causa e farsi rappresentare

Astaldi va verso un piano di ristrutturazione finanziaria e rilancio da circa 1 miliardo di euro. A tanto ammonterebbe – secondo le prime indiscrezioni – la manovra per mettere in sicurezza il secondo più grosso general contractor italiano finito in procedura pre-fallimentare (concordato in bianco propedeutico al concordato preventivo in continuità).

Secondo fonti di stampa, i consulenti e i legali di Astaldi sarebbero al lavoro per definire in tempi rapidi un piano di ristrutturazione finanziaria da sottoporre a soci e creditori. Entro fine novembre Astaldi potrebbe già presentare il piano di ristrutturazione dei debiti che al 30 settembre 2018 ammontavano a 1,89 miliardi di euro, per giungere a un accordo  negoziale con almeno il 60% dei consensi dei creditori entro il prossimo mese di gennaio, quando scadranno i termini (salvo proroga di 60 giorni) per chiudere il procedimento concordatario. Il tutto con lo scopo di alleggerire il carico debitorio divenuto palesemente insostenibili a causa della profonda crisi del settore e di alcuni mancati pagamenti internazionali (default Venezuela e crisi in Turchia) che hanno costretto Astaldi ad abbandonare il piano industriale di rilancio 2018-2022 da 2 miliardi di euro, già approvato la scorsa primavera. Un piano di ristrutturazione finanziario, quindi, che sarà accompagnato anche da un aumento di capitale da 300 milioni, come già approvato dai soci a giugno, e dall’iniezione di nuova liquidità da parte delle banche.

Salini pronta a rilevare Astaldi?

L’accelerazione dei tempi, sarebbe dettata dal fatto che la liquidità in azienda sta scarseggiando (come evidenziato dalla relazione semestrale) e che Salini-Impregilo non ha escluso interesse per il gruppo romano rilevando il controllo della società. Interesse che – secondo indiscrezioni trapelate dagli ambienti romani – sarebbe in maturazione già da un anno, quando Astaldi chiuse il bilancio in perdita di oltre 100 milioni di euro e si sapeva che avrebbe faticato a raccogliere mezzi freschi (aumento di capitale) senza l’aiuto delle banche o di nuovi soci. Un’opzione che il governo e le banche d’affari vedrebbero quindi di buon occhio per la costituzione di un grosso polo delle costruzioni da oltre 9 miliardi di euro, in grado di competere con maggior forza a livello internazionale. Non solo, Salini avrebbe anche tutto l’interesse ad acquisire contratti già stipulati da Astaldi, soprattutto in Italia, oltre a potenziali incassi esteri, in aree non coperte dal primo gruppo di costruzioni italiano. Nella partita sarebbero poi ancora presenti i giapponesi di IHI Corporation che si erano detti disponibili a sottoscrivere il 18% del capitale di Astaldi nell’ambito di un rafforzamento patrimoniale.

La ristrutturazione del debito

Il tutto, però, dovrebbe passare attraverso lo scorporo delle attività industriali in un veicolo distinto, in bonis, cioè non coinvolto nella procedura fallimentare del gruppo (Astaldi Infrastructures s.p.a. già costituita il 19 settembre 2018), al fine di poter continuare ad operare sul mercato internazionale degli appalti, oltre a un taglio del debito del gruppo tale da non compromettere il buon esito dalle procedura concorsuale evitando quindi il fallimento. Sul tavolo degli advisors di Astaldi ci sarebbero già alcune ipotesi di lavoro che prevedono sostanzialmente la salvaguardia dei creditori privilegiati, un rinnovo dei loans bancari a tassi più bassi e un’offerta di scambio volontaria di vecchie obbligazioni (890 milioni di euro in tutto, suddivise in bond high yield 7,125% 2020 e bond convertibili 4,875% 2024) con nuovi titoli di pari seniority a scadenza quinquennale con cedole dimezzate, più azioni Astaldi di nuova emissione che andrebbero a compensare un probabile taglio del valore nominale dei bond. Il timore, secondo gli obbligazionisti, è che i bond – nonostante godano delle stesse garanzie dei prestiti bancari – possano subire un trattamento più penalizzante rispetto alle banche, come appunto un taglio del nominale (haircut) e/o lo scambio parziale di bond con azioni il cui valore, al momento, non è determinabile.

Obbligazionisti pronti a dare battaglia

Allo scopo gli obbligazionisti retail (cioè coloro che hanno acquistato il bond sul mercato secondario tramite Mot di Borsa Italiana o EuroTLX)  si stanno organizzando per costituire un comitato, col patrocinio di importanti studi legali specializzati e associazioni dei risparmiatori, al fine di partecipare con potere negoziale alle trattative con Astaldi per evitare di subire pesanti penalizzazioni. Secondo alcuni organi di stampa, già si ipotizza un taglio del 35-40% del valore nominale delle obbligazioni 2020 e 2024 in fase di ristrutturazione del debito, anche se al momento il mercato sconta, nell’incertezza e nell’impossibilità di percepire una stima attendibile, un recovery più basso: le quotazioni dei bondhanno chiuso venerdì intorno al 35%.

Astaldi poco trasparente con gli investitori

La società – fanno notare i bondholders – da quando è iniziata la crisi, non è mai stata comunicativa con gli investitori e il mercato, lasciando spazio solo a brevi e stringate comunicazioni per giunta tendenziose infarcite di illusioni sulla soluzione in breve tempo dei problemi legati alla ricapitalizzazione del gruppo. L’investor relator di Atsaldi non ha mai fornito delucidazioni, né spiegazioni esaurienti riguardo al rinvio per ben due volte della pubblicazione della relazione finanziaria semestrale che – solo su pressione della Consob – è stata resa nota a fine settembre. Inoltre, sottolinea il rappresentante dei piccoli obbligazionisti – Astaldi ha ricevuto ingiunzioni di pagamento dai propri fornitori già nel primo e secondo trimestre del 2018. E, il fatto di aver occultato questi eventi al mercato con ben due slittamenti della semestrale, rappresenta un fatto molto grave a danno degli investitori. In pratica, mentre la società teneva tutto nascosto per non alterare le quotazioni dei titoli azionari e obbligazionari quotati in borsa, altri ben informati vendevano o speculavano al ribasso. Come anche dimostrato dal rialzo dei titoli obbligazionari nella giornata di venerdì 5 ottobre per effetto di ricoperture, quando l’ISDA (International Swaps and Derivatives Association) ha confermato il default dei bond e dato il via libera al rimborso dei CDS, cioè i contratti che assicurano i contraenti sul default di obbligazioni emesse da una società (per le agenzie di rating Astaldi è andata, di fatto, in default con la richiesta di concordato, nonostante Astaldi racconti il contrario). Valuteremo quindi  – dicono i bondholders – se presentare un esposto alla Consob  ed eventualmente anche alla Procura della Repubblica per verificare se vi siano state azioni che hanno manipolato o alterato i prezzi di mercato delle obbligazioni a danno degli investitori nei due mesi precedenti il ricorso al concordato da parte di Astaldi. Solleveremo la questione anche a livello parlamentare, se necessario. Il lavoro non è semplice, ma stiamo mettendo insieme tanti pezzi di un puzzle che alla fine renderà il quadro truffaldino più chiaro. E’ solo una questione di tempo e siamo in tanti.

Bondholders: già raggiunto il 8,9% del capitale

Nel frattempo – concludono i bondholders – stiamo proseguendo con la raccolta dei dati degli obbligazionisti danneggiati, uno per uno, fra i quali  – da un primo censimento – vi sono, oltre che tanti piccoli risparmiatori rimasti incastrati e rovinati, liberi professionisti, imprenditori, personaggi dello spettacolo, artisti, dirigenti d’industria e della pubblica amministrazione, due giornalisti e addirittura un membro del governo. Il taglio minimo negoziale da 100.000 euro, difatti rende questo bond accessibile solo a una certa categoria di abbienti investitori, benchè non qualificati come istituzionali e che, fiduciosi di Astaldi, hanno prestato i loro capitali ignari dei rischi latenti che venivano abilmente celati dal management.

 Al momento siamo vicini al 9% del capitale fra bond high yield 7,125% 2020 (Isin XS1000393899) e convertibili 4,875% 2020 (Isin XS1634544248), ma contiamo di arrivare almeno al 10% nei prossimi giorni per poter far sentire la nostra voce e magari affiancarci anche agli investitori istituzionali al momento opportuno (uno studio legale rappresentativo di fondi d’investimento ci ha già contattato).

La francese di Le Pen si unisce a Salvini, Severs Ties With “Movement” di Bannon: “He’s Not European”

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

In una separazione relativamente chiara, il leader francese di estrema destra Marine Le Pen si sta prendendo le distanze dall’ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon, “Movimento”, dicendo che solo gli europei salveranno il continente.

Questo è un bel cambiamento rispetto alle sue osservazioni di luglio, quando abbiamo notato che Bannon stava cercando di stabilire una roccaforte populista all’interno del Parlamento europeo, che potrebbe guadagnare fino a  un terzo dei legislatori  dopo le elezioni europee del prossimo maggio. Come ha sottolineatola  Bestia ,

Un blocco populista unito di quelle dimensioni avrebbe la capacità di interrompere seriamente i procedimenti parlamentari, potenzialmente garantendo a Bannon un enorme potere all’interno del movimento populista.

A seconda della legge elettorale nei singoli paesi, le fondamenta potrebbero essere in grado di prendere parte direttamente ad alcune campagne mentre si appoggiano indirettamente altri gruppi populisti. – Bestia quotidiana

“Non ho avuto l’idea finché Marine Le Pen non mi ha invitato a parlare a Lille al Front National”, ricorda Bannon. “Ho detto, ‘cosa vuoi che dica?'”

Le Pen ha risposto: ” Tutto quello che devi dire è: ‘Non siamo soli’. 

Ma ora, come riferisce AP, Le Pen ha detto lunedì, durante un incontro a Roma, che voleva chiarire “molte congetture” sui piani riferiti da Bannon di istituire la sua fondazione.

Le Pen ha detto che Bannon non è europeo, ma piuttosto un americano che vuole creare un think tank. Lei disse:

“Ma noi, e noi soli, siamo quelli che daranno forma alla forza politica che nasce dalle elezioni europee , perché siamo attaccati alla nostra libertà, attaccati alla nostra sovranità e noi insieme …

… i rappresentanti dei diversi popoli d’Europa, sono quelli che daranno forma alle forze politiche che mirano specificamente a salvare l’Europa “.

Tuttavia, come abbiamo notato in precedenza, “The Movement”, fondato dal politico belga Mischaël Modrikamen, metterà in risalto l’importanza della sovranità nazionale, delle forti frontiere, dei severi limiti migratori e della ferma opposizione al terrore islamico radicale. 

Il movimento, che prevede di tenere una convenzione di fondazione a Bruxelles a fine novembre, fungerà anche da collegamento tra gli alleati in 27 paesi dell’UE e il caucus pro-libertà negli Stati Uniti.

 

La non-profit sarà una  fonte centrale di sondaggi, consigli sulla messaggistica, il targeting dei dati e la ricerca di think-tank per una banda di malumori di destra che si stanno diffondendo in tutta Europa , in molti casi senza strutture politiche professionali o budget significativi.

L’ambizione di Bannon è che la sua organizzazione  alla fine rivaleggi con l’impatto della Open Society di Soros , che ha dato via $ 32 miliardi a cause largamente liberali da quando è stata fondata nel 1984.

Durante lo scorso anno, Bannon ha tenuto colloqui con gruppi di destra in tutto il continente  da Nigel Farage e membri del Front National di Marine Le Pen (recentemente ribattezzato Rassemblement National) in Occidente ,  all’Ungherese Viktor Orban e ai populisti polacchi in Oriente . – Bestia quotidiana

I partiti populisti di destra hanno ottenuto significativi guadagni elettorali in tutta Europa negli ultimi anni, a seguito di picchi di criminalità violenta e terrorismo correlati all’afflusso di immigrati incontrollati principalmente dal Nord Africa. Finora, questi movimenti sono stati in gran parte non coordinati. Bannon e The Movement mirano a risolvere questo problema e stanno mettendo in moto il piano . 

E mentre Bannon ei suoi alleati dubitano che i partiti nazionalisti guadagneranno la maggioranza dei seggi nel parlamento europeo, il loro obiettivo è quello di catturare almeno un terzo dei seggi al fine di “comandare per negazione”, secondo Bannon, che permetterà loro di interrompere le politiche “integrazioniste”. 

” Vogliamo portare la battaglia nel cuore dell’Unione europea “, ha detto Modrikamen in un’intervista nella sua casa in un quartiere residenziale di Bruxelles che funge anche da quartier generale del suo partito. ” Vogliamo essere la voce dei ragazzi ordinari che si sentono traditi dalle élite “. 

Per ora, sembra che lo faranno senza il partito di estrema destra della Francia … anche se sospettiamo che questo sia più posturing da Le Pen mentre si unisce al vice primo ministro italiano di estrema destra Matteo Salvini a Roma lunedì per dichiarare che sono il movimento anti-establishment all’interno dell’Unione Europea.

“Siamo contro i nemici dell’Europa – Juncker e Moscovici – chiusi nel bunker di Bruxelles”, ha detto Salvini.

“La politica dell’austerità degli ultimi anni ha aumentato il debito italiano e impoverito l’Italia”.

La dichiarazione è stata fatta durante una conferenza stampa congiunta con LePen che ha visitato Roma il lunedì.

“Insieme a Matteo (Salvini) non stiamo combattendo contro l’Europa, ma contro l’Unione europea che è diventata un sistema totalitario e combattiamo contro l’Unione europea per salvare la vera Europa “, ha detto Le Pen.

Qualche giorno prima, Salvini ha arbitrariamente sbrigato Juncker e il suo presunto bere dicendo che lo stava ignorando perché “Parlo con persone sobrie”.

L’Antitrust affonda Autostrade per l’Italia. Via libera alla ricostruzione del ponte senza gara e stop alle proroghe delle concessioni senza bando

 dalla Redazione lanotiziagiornale.it

Genova Morandi

L’esclusione delle società concessionarie di strade a pedaggio dalla ricostruzione del ponte di Genova “sotto il profilo della concorrenza, potrebbe giustificarsi solo con riferimento al concessionario della tratta autostradale interessata dai lavori”, vale a dire Autostrade per l’Italia, mentre “non sembra trovare adeguata giustificazione l’esclusione di tutti gli altri concessionari”. E’ quanto ha detto il segretario generale dell’Antitrust, Filippo Arena, nel corso della sua audizione davanti alle commissioni Ambiente e Trasporti della Camera dove è in corso l’esame del decreto Genova.

“L’esclusione – ha spiegato Arena – appare funzionale a evitare di replicare nel mercato a valle dei lavori, gli effetti della chiusura alla concorrenza del mercato a monte, in cui l’affidatario del titolo concessorio, beneficiario di proroghe dello stesso, non è stato individuato con gara.  A giudizio dell’Antitrust, inoltre, andrebbe anche modificata la norma che prevede, per i titolari di concessioni autostradali, l’obbligo di affidare mediante procedure a evidenza pubblica una quota pari al 60% dei contratti di lavori, servizi e forniture relativi alle concessioni di importo pari o superiore a 150mila euro. “Tale quota – afferma ancora l’autorità garante della concorrenza – andrebbe aumentata all’80%, analogamente a quanto previsto per gli altri concessionari”.

Per quanto riguarda la ricostruzione del ponte Morandi, Arena ha aggiunto che “se nell’attuale situazione l’affidamento tramite procedura negoziata appare giustificato, tale modulo dovrà essere limitato a quanto strettamente necessario a far fronte alle condizioni di urgenza e indifferibilità dell’intervento di ricostruzione e dovrà essere, in ogni caso, rispettoso dei principi di trasparenza e di non discriminazione”.

“Particolare attenzione – ha aggiunto ancora il segretario generale dell’Antitrust – andrebbe altresì prestata da parte del Commissario straordinario nell’individuare il perimetro degli affidamenti da attribuire tramite procedura negoziata, soprattutto in considerazione dell’ampiezza della formula usata che fa riferimento alle attività ‘propedeutiche e connesse’ al ripristino della rete viaria”.

Secondo l’autorità garante della concorrenza in futuro “dovrà assolutamente essere evitata la proroga delle concessioni esistenti e si dovrà procedere all’assegnazione delle stesse tramite procedure ad evidenza pubblica, e ciò al fine di garantire maggiore efficienza e maggiore sicurezza” e dal momento “che nei mercati, come quello autostradale, dove per questioni strutturali, sussistono condizioni di ‘monopolio naturale’, il meccanismo della gara è il metodo più idoneo a consentire di replicare, sotto forma di concorrenza per il mercato, gli esiti efficienti derivanti dai meccanismi concorrenziali”.

Tra l’altro, ha motivato Arena, “la convinta preferenza per la gara nell’aggiudicazione delle concessioni autostradali non deriva solo dalla possibilità, tramite questo strumento, di massimizzare gli introiti a favore del concedente per la concessione del servizio, ma di selezionare l’operatore più efficiente, capace di garantire la migliore gestione in termini di qualità e di sicurezza del servizio”.

Veneto Banca, ecco cosa (non) hanno fatto Banca d’Italia e Consob

 startmag.it 8.10.18

Ecco tutte le responsabilità di Banca d’Italia e Consob sul caso Veneto Banca. Le conclusioni della relazione del professor Francesco Favotto alla Commissione speciale d’inchiesta istituita in Consiglio Regionale su Veneto Banca e Popolare di Vicenza. Estratto di un articolo di Roberta Paolini su Il Mattino di Padova

La Vigilanza, Bankitalia e Consob sapevano di Veneto Banca. E va loro attribuito dunque un ruolo nella fine sciagurata dell’istituto. Erano consapevoli della situazione, come dimostrano le relazioni ispettive. Erano consapevoli dell’esistenza di operazioni baciate, avevano contezza della modalità di elaborazione del prezzo delle azioni e degli elementi di debolezza della banca.

CHE COSA SI LEGGE NELLA RELAZIONE SU VENETO BANCA

Le 30 pagine che condensano la relazione di Francesco Favotto alla Commissione speciale d’inchiesta istituita in Consiglio Regionale sulle ex popolari tagliano come un bisturi gli ultimi quattro anni di vita di Montebelluna.

IL RUOLO DI BANCA D’ITALIA E CONSOB SU VENETO BANCA

Controllori ex ante ed ex post, con attitudine diversificate a seconda del momento storico. «L’imbarazzante entropia nei controlli», così Favotto definisce il disordine di quei controlli, prima dell’aumento di capitale del 2014 da 475 milioni. Salvo poi ritrovare «sintonia ex post nell’applicare severe sanzioni amministrative» che risentono, secondo l’ex presidente «dell’esigenza di soddisfare una domanda di “giustizia sociale”». E ancora la «strisciante dialettica fra Bce e Banca d’Italia fra il 2013 e il 2018, con il peso esercitato da quest’ultima nell’istruttoria delle decisioni della prima».

IL CASO DELLA CONSOB

Nel caso di Consob, nel primo aumento di capitale del 2014, ha assunto con un atteggiamento di «responsabilità meramente formale» e con una applicazione «a posteriori» di «procedimenti sanzionatori». Atteggiamento poi radicalmente modificatosi con il successivo aumento. La ricapitalizzazione del 2016 poi andata deserta che spalancò le porte dell’istituto al socio unico: il fondo Atlante.

IL GIUDIZIO SU BANCA D’ITALIA

Diverso il giudizio su Bankitalia, che nella vicenda di Montebelluna per Favotto compie una «ricostruzione quanto meno sbrigativa ed apodittica» nell’attribuire ai fatti 2014-2015 la causa che ha portato alla liquidazione coatta amministrativa del giugno 2017.

CHE COSA HA FATTO LA VIGILANZA BANCARIA

La Vigilanza ha avuto un ruolo «attivo» nel «selezionare e premiare singoli attori interni alla banca, pervenendo per questa via a proporsi non solo come controllore attivo, ma come cogestore degli accadimenti della banca; non a caso, Bolla e Benvenuto (rispettivamente presidente del cda e del comitato esecutivo ndr.), per il loro ruolo, unitamente all’amministratore delegato Cristiano Carrus, erano i soli interlocutori diretti delle autorità».

LA RELAZIONE DEL PROFESSOR FAVOTTO

E subito dopo l’affermazione ancora più forte di Favotto che annota come qualche smaliziato osservatore sia arrivato ad ipotizzare un ruolo di Palazzo Koch come una «specie di socio occulto oppure di una vigilanza proprietaria, che tra l’altro decide i tempi di quotazione nel giugno 2016». La stessa Vigilanza che non tiene conto, secondo Favotto, degli effetti che ha avuto su Veneto Banca tutto ciò che avvenne da ottobre 2015 (quando lo stesso Favotto lasciò il vertice di Montebelluna) e fino all’agosto 2016 sotto la direzione di Cristiano Carrus.

GLI AVVENIMENTI CITATI

Né la ricostruzione di Bankitalia tiene conto degli eventi tra agosto 2016 e giugno 2017. Tra gli accadimenti da lui citati la «improvvisa rinuncia del Presidente Anselmi», la «gestione affannosa delle complesse relazione con la Bce», «il contorto progetto di fusione fra Veneto Banca e Bpvi», «il complesso decollo del mercato degli Npl».

Il professor Favotto ricostruisce la sequenza di informazioni tra Consob e Bankitalia relativamente all’aumento di capitale del 2014. Quello resosi necessario e richiesto da Via Nazionale come uno degli elementi di rafforzamento necessari per affrontare gli stress test che si sarebbero tenuti in autunno.

(estratto di un articolo uscito sul Mattino di Padova; il resto dell’articolo si può leggere qui)

Goldman improvvisamente diventa cauto sul credito al consumo, riduce gli obiettivi di prestito

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

Goldman Sachs è cresciuto con cautela nei confronti del credito al consumo, segnalando preoccupazione su quale sia il ciclo del credito. Secondo quanto riferito da Bloomberg , la banca ha tagliato il suo obiettivo di originare prestiti per la sua unità Marcus  , citando persone che hanno familiarità con la questione che ha richiesto l’anonimato. 

I leader di Goldman Sachs incluso il nuovo amministratore delegato David Solomon hanno fatto di Marcus un pilastro del loro piano per aumentare le entrate nel corso dei prossimi anni . L’unità è cresciuta rapidamente – prestando più di $ 4 miliardi in meno di due anni – facendo sorgere domande da parte di analisti e investitori su come il portafoglio si esibirà in una recessione quando più consumatori hanno difficoltà a ripagare il debito. – Bloomberg

Molti si sono chiesti se Goldman abbia operato troppo lontano al di fuori della sua timoneria, poiché Marcus “rappresenta una grande partenza” dalla banca di investimento e dalle attività commerciali tradizionali della banca. Nel frattempo, i dirigenti di Goldman si sono affidati alla nuova tecnologia per trasformare “prestiti personali non garantiti in un problema di matematica.

Goldman Sachs ha assunto Harit Talwar da Discover Financial Services nel 2015 per aiutare a costruire un business consumer digitale. Marcus ha iniziato a fare prestiti nel 2016 e quest’anno ha ampliato la sua attività di deposito nel Regno Unito. La società ha anche creato una divisione separata per le attività di prestito supervisionata da Stephen Scherr, che il mese scorso è stato nominato Chief Financial Officer di Goldman. – Bloomberg

E come riportato a maggio , questa matematica include i mutuatari con punteggi FICO inferiori a 660. Proprio così:  Goldman è ora un mutuante subprime in sé,  perché attraverso la sua banca al dettaglio, che raccoglie sia depositi che emette prestiti, i mutuatari subprime sono emersi come una delle basi client più importanti dell’hedge fund finanziato dalla FDIC che fino a 2 anni fa non aveva operazioni bancarie convenzionali al dettaglio.

Tuttavia, poiché il contributo di prop, flow e trading FICC – storicamente il pane e il burro di Goldman – è diminuito, i trilioni di liquidità della banca centrale hanno eliminato il rischio e la volatilità dai mercati, Goldman è stata costretta a trovare flussi di entrate alternativi. Di conseguenza, nell’ultimo anno e mezzo, Goldman ha creato un ramo di digital banking acquisito da GE Capital Bank.

Il piano di Goldman per Marcus era di incrementare i ricavi annuali di $ 5 miliardi entro il 2020, dopo diversi anni di crescita poco brillante delle sue attività principali. E qui sta il problema,  perché come ha riferito FT all’inizio di quest’anno ,  Goldman ha preso di mira i mutuatari più rischiosi, fornendo circa un quinto dei suoi prestiti a persone con punteggi di credito inferiori a 660 sulla scala FICO comunemente utilizzata; c’è un nome familiare per questo gruppo di mutuatari: “subprime”.

La crescita di Marcus, nel frattempo, è stata rapida tra la più bassa disoccupazione in quasi 50 anni, mentre il debito totale delle famiglie negli Stati Uniti ha raggiunto un record all’inizio di quest’anno secondo la Fed di New York. 

I prestiti personali sono cresciuti fino al record e sono la categoria di credito al consumo degli Stati Uniti in più rapida crescita, secondo i  dati  dell’ufficio di credito TransUnion. I saldi eccezionali ammontano a circa $ 125 miliardi . E molta della crescita arriva dalle aziende di fintech, che hanno generato oltre un terzo dei prestiti personali totali nel 2017 rispetto a meno dell’1% nel 2010. – Bloomberg

Sull’ultima richiesta di guadagni trimestrali di Goldman, il CFO Marty Chavez ha dichiarato che il tasso di perdita sul portafoglio prestiti di Marcus era di circa il 5%.

Il presidente Lloyd Blankfein, nel frattempo, ha fornito un indizio di giugno sull’improvvisa cautela della banca: se i clienti non si fidano dei prestiti non garantiti, Goldman perde la perdita. Non c’è casa da ritirare . 

La banca ha lavorato duramente su Marcus – anche assumendo un modello di Instagram ed ex concorrente “addio al nubilato”, Jojo Fletcher, come portavoce per l’impresa. 

Come abbiamo suggerito cinque mesi fa,  Goldman è diventata la compagnia che solo dieci anni fa non voleva altro che entrare nel dimenticatoio.

B.Carige: Reichlin; priorità pulire Npl, possibili effetti negativi nel breve

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“Sperando che il nostro Paese non crei indirettamente troppe turbolenze sul mercato come oggi – con la situazione che è precipitata per il settore bancario – a livello di azienda il nuovo management e il nuovo Cda” di Banca Carige “che si è insediato stanno puntando sul nuovo piano industriale con un’azione aggressiva sui prestiti deteriorati, con azioni per la ricapitalizzazione della banca e – a tempo non immediato ma nel medio termine – anche ad aggregazioni. Nel breve periodo siamo impegnati nel rafforzamento del capitale”. 

E’ quanto ha dichiarato l’economista Lucrezia Reichlin, vicepresidente dell’istituto ligure, eletta con la lista di Malacalza Investimenti che dopo l’ennesimo ribaltone ha portato alla guida della banca Fabio Innocenzi e alla Presidenza Pietro Modiano. 

Tra le priorità allo studio, Reichlin conferma che la banca studia l’emissione di un bond subordinato. “L’idea iniziale era di emettere per 200 milioni, ma oggi non lo so perché le condizioni sono ai minimi storici”. Circa i tempi per lanciare il subordinato, l’economista si è limitata a dire che “bisogna vedere quali saranno le condizioni del mercato”. 

Nessuna indicazione neppure sulla possibilità di giungere a conclusione nella vendita della quota dell’autostrada A10 – nella tratta in gestione al gruppo Gavio – tornata in forse dopo il peggioramento del quadro delle concessioni autostradali legate al crollo del ponte Morandi. “Innocenzi si è insediato da dieci giorni e tutto sta sul suo tavolo. Comunque l’idea di fondo è avere una banca ben ricapitalizzata e ripulire i prestiti deteriorati, anche a costo di avere un effetto” negativo sul capitale “nel breve periodo”. 

ofb 

 

(END) Dow Jones Newswires

October 08, 2018 09:55 ET (13:55 GMT)

Quando gli italiani erano clandestini in Svizzera – FIGLI DI NESSUNO

idiavoli.com 8.10.18

Una parte di loro aveva lo stesso taglio di capelli, lo stesso abbigliamento e grosso modo gli stessi chilometri di distanza dai genitori. Perché ce l’avevano i genitori, anche se stavano in un orfanotrofio ed erano trattati alla stregua di figli di nessuno. Un’altra parte di loro era clandestina in un Paese straniero e ostile. Magari superava il confine chiusa nel portabagagli. Di sicuro non poteva uscire di casa né frequentare le scuole. Arrivava a mangiare senza stoviglie pur di evitare rumori. Tutti erano bambini ed erano italiani. Hanno vissuto così fino al 2002.

8 ottobre 2018

Una parte di loro aveva lo stesso taglio di capelli, lo stesso abbigliamento e grosso modo gli stessi chilometri di distanza dai genitori. Perché ce l’avevano i genitori, anche se stavano in un orfanotrofio ed erano trattati alla stregua di figli di nessuno.

Un’altra parte di loro era clandestina in un Paese straniero e ostile. Magari superava il confine chiusa nel portabagagli.

Di sicuro non poteva uscire di casa né frequentare le scuole. Arrivava a mangiare senza stoviglie pur di evitare rumori.

Tutti erano bambini ed erano italiani. Hanno vissuto così fino al 2002.

“Braccia morte che pesano sulle nostre spalle […] Dobbiamo liberarci del fardello, respingere dalla nostra comunità quegli immigrati che abbiamo chiamato per i lavori più umili”. Così scriveva nel 1969 James Swarzenbach, vertice del partito Azione Nazionale, a proposito delle persone che andavano in Svizzera a lavorare.

Il clima è rimasto quello ancora a lungo.

D’altronde la politica migratoria della Svizzera era inflessibile: lo Statuto del lavoro stagionale non consentiva il ricongiungimento familiare.

È stato così dal 1931 al 2002, sopravvivendo a guerre mondiali e cadute di Muri.

La misura riguardava i lavoratori stagionali ma la stagione era costituita da tre stagioni, nove mesi, ai quali seguiva un trimestre di ritorno obbligato in patria. Nel 1965, però, l’Italia ottenne almeno che dopo cinque permessi stagionali fosse concesso il permesso annuale.

Così le possibilità per le famiglie italiane emigrate in Svizzera si riducevano a due. Entrambe dolorose.

La prima era tenere i figli nascosti, in condizione di clandestinità, vivendo in uno stato di allarme continuo, col rischio di essere scoperti, espulsi e sanzionati per aver contravvenuto alla legge. È impossibile calcolare il numero esatto, ma la stima è di decine di migliaia di casi.

Si viveva dentro appartamenti spartani o addirittura zone caldaia, in silenzio, per paura che i vicini denunciassero, e senza avvicinarsi alle finestre, per paura di essere visti.

In questo senso è molto efficace la definizione di “bambini proibiti”, che dà il titolo al saggio di Marina Frigerio Martina sull’argomento.

La seconda opzione per i genitori era accettare la separazione e soffrire la ferocia della distanza, col sollievo di sapere che i figli almeno avrebbero studiato.

Lasciarli perciò negli orfanotrofi in territorio italiano, a ridosso del confine (Domodossola, Trento, Como), nello spazio più vicino possibile per legge.

Li hanno chiamati “orfani di frontiera”. Parecchie volte a finire in orfanotrofio erano i bambini clandestini, scoperti.

In quegli anni e proprio in Svizzera, all’Università di Ginevra, Jean Piaget portava avanti gli studi sullo sviluppo cognitivo dell’infanzia.

D’estate uno degli orfanotrofi, la Casa del Fanciullo di Domodossola, portava i bambini nel bosco di Croveo. C’era un incredibile villaggio di carrozze ferroviarie, arrivate qui apposta nel 1966 su iniziativa di Oscar Luigi Scalfaro, Ministro dei Trasporti.

Gli orfani di frontiera dormivano nei vagoni, giocavano tra gli alberi, trascorrevano una vacanza.

Tre anni dopo la nascita di quel villaggio, Daniel Roth, direttore di un giornale e leader del movimento «Per una Svizzera viva», scriveva da oltre confine: “Non sono razzista, sono realista. Gli operai stranieri costituiscono una massa informe che non può legare, per livello culturale, per tradizioni religiose e politiche, con l’ambiente che li accoglie […] In Italia si può tracciare un confine: un 70% di gente sottosviluppata come civiltà e cultura, un 30% di persone che possono ricordare gli svizzeri”.

Muri di parole ostili che tornano a sollevarsi oggi, muri di parole che devono essere buttati giù.

Per approfondire:

Il saggio di Marina Frigerio Martina, Bambini proibiti. Storie di famiglie italiane in Svizzera tra clandestinità e separazione (Il Margine, 2012), e le ricerche di Saffia Elisa Shaukat.