DOPO CUCCHI / PERCHE’ NON PARLANO I POLIZIOTTI DI ILARIA ALPI E VIA D’AMELIO?

 di: Andrea Cinquegrani lavocedellevoci.it

I muri di gomma a volte miracolosamente di sgretolano. Succede oggi con il caso di Stefano Cucchi, ammazzato dentro una caserma in una tragica notte. Oggi un carabiniere trova la forza di confessare e accusare anche due colleghi che uccisero di botte il giovane.

Un caso più unico che raro nella storia di casa nostra. Perchè le cortine fumogene e i muri di gomma, appunto, quando si tratta di “istituzioni che ammazzano” sono più impenetrabili che mai.

S’è saputo qualcosa del caso di Giuseppe Uva? O del cingolato che passò sul corpo di Carlo Giuliani?

Speriamo sia il primo tassello di un mosaico di omertà che viene giù, e a seguirne ce ne siano tanti altri che hanno fino ad oggi macchiato in modo indelebile la storia del nostro Paese.

Torniamo su due casi, di cui abbiamo più volte trattato, perchè coinvolgono – come protagonisti negativi – uomini della forze dell’ordine, quindi figure istituzionali, ma che ovviamente ubbidiscono a dei superiori, da individuare in vertici dei corpi militari di appartenenza, ma soprattutto ad altri superiori gerarchici, a livello di magistratura, di politica. Anche d’affari.

Casi per certi versi più gravi dello stragrave caso Cucchi, perchè qui i livelli di complicità sono ad altissimi livelli e tutti uno più intoccabile dell’altro. E siamo anche in fase di nuovi sviluppi che speriamo riescano a scalfire quei maledetti impenetrabili muri. Ci riferiamo ai casi di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin ed alla strage di via D’Amelio.

Per sommi capi la ricostruzione dei due gialli e qualche novità.

 

DEPISTAGGIO PERFETTO PER ILARIA E MIRAN

Il caso di Ilaria e Miran è appeso al filo della decisione del gip di Roma, Andrea Fanelli, il quale si dovrà pronunciare a breve sulla doppia richiesta di archiviazione avanzata dal pm Elisabetta Ceniccola e controfirmata dal procuratore capo del tribunale di Roma Giuseppe Pignatone.

Secondo questi ultimi non è possibile accertare la verità perchè è passato troppo tempo, la mole di documenti presentata dai legali della famiglia Alpi (gli avvocati Giuseppe e Giovanni D’Amati, l’avvocato Carlo Palermo) a nulla serve per identificare killer e mandanti dell’esecuzione, gli ultimi elementi probatori arrivati dalla Dda di Firenze – vale a dire alcune intercettazione  del 2012 fra alcuni somali che parlavano del duplice assassinio – non spostano il quadro indiziario di un centimetro.

Ma ecco la circostanza più grave di tutte: il pm Ceniccola e il capo Pignatone se ne fregano altamente di quanto contenuto nella sentenza che il tribunale di Perugia ha messo nero su bianco un anno fa, quando non solo ha scagionato il giovane somalo, Hashi Omar Assan, che da innocente stava passando il suo sedicesimo anno in carcere, ma ha ricostruito tutta la story e ha scritto senza mezzi termini di Depistaggio di Stato.

Cosa era successo? Il processo s’è chiuso con la condanna di Hashi sulla base di una sola testimonianza: quella di tale Ahmed Ali Rage, alias “Gelle”, il quale ha verbalizzato davanti al pm di turno e ad alcuni poliziotti ma non si è presentato neanche una sola volta in dibattimento. Circostanza ben strana: una condanna così pesante senza che l’unico testa venga a confermare le accuse in aula. Cosa era successo, così come dettagliatamente descrive la sentenza di Perugia? Gelle era stato ‘taroccato’ dalla polizia, imbeccato sulle risposte da dare e sul colpevole da indicare. Poi tutto ok, gli trovano – sempre i poliziotti di cui nella sentenza perugina si fanno nomi e cognomi – un lavoro, Gelle viene addirittura portato all’officina in auto, tutto dura tre mesi, quindi viene messo su un treno per la Germania, dove trascorrerà alcune settimane, fino a raggiungere la meta finale, Londra.

Hanno poi sostenuto, le nostra forze dell’ordine, di aver cercato in tutti i modi e con tutti i grossi mezzi che hanno a disposizione di ritrovare Gelle e riportarlo in Italia. Ma niente, missione impossibile.

Missione più che possibile, invece, per l’inviata di “Chi l’ha visto”, Chiara Cazzaniga, che dopo alcune ricerche presso la comunità dei somali a Roma, ha preso l’aereo, è sbarcata a  Londra e in un baleno è riuscita a trovare Gelle! Lo ha intervistato e Gelle ha raccontato di tutta la messa in scena: la polizia gli ha detto che doveva accusare quel giovane somalo e lo ha imbeccato con tutti i  dettagli del caso. Fine della storia.

L’intervista è andata in onda e ovviamente per il Hashi si è aperto il processo di revisione al tribunale di Perugia, dove è stato scagionato da ogni colpa. Ma le toghe perugine sono riuscite a fare di più: hanno cioè ricostruito – attraverso Gelle – tutto il percorso fatto di clamorosi Depistaggi, attuato dalla polizia ma su evidenti input superiori.

Quali? Li poteva agevolmente trovare la procura capitolina, dopo tale assist. Ma invece di fare questo, avendo la strada già ben spianata dalla sentenza di Perugia, cosa ha fatto la procura di Roma, tornata a pieno titolo il Porto delle nebbie? Ha chiesto l’archiviazione di tutto!

Poi sono arrivati gli elementi dalla Dda fiorentina, quindi il gip ha chiesto tempo per decidere. Imperterriti, Ceniccola e Pignatore hanno di nuovo chiesto l’archiviazione e ora si è in attesa, a giorni, della pronuncia definitiva del gip.

Sorge spontanea la domanda: perchè un poliziotto coinvolto nel depistaggio adesso non parla? Potrà non sapere tutto del giallo, chi sono i veri mandanti, ma perchè non si comincia a dare qualche picconata a qual muro di cemento? E per lorsignori, più in alto: non sentono bruciare dentro qualcosa, per aver calpestato la giustizia, mandato al massacro due giovani giornalisti, in nome di affari come traffico d’armi, di rifiuti super tossici e via dicendo? Che razza di uomini sono, senza un grammo di dignità e di coscienza?

 

UN TAROCCAMENTO A REGOLA D’ARTE

Copione molto simile per la strage di via D’Amelio. 7 innocenti sono stati condannati – e hanno scontato 16 ani di galera – per il tritolo di via d’Amelio. E il tutto sulla scorta di una sola testimonianza, quella di Vincenzo Scarantino, anche in questo caso inventato a tavolino dalla polizia, addestrato di tutto punto come uno scolaretto che deve mandare a memoria la lezione. C’è voluta la testimonianza di Gaspare Spatuzza a smontare quel castello di menzogne e la successiva confessione dello stesso Scarantino il quale, nel corso del Borsellino 4, ha raccontato per filo e per segno come è stato intimidito e costretto a recitare quella parte: anche stavolta un soggetto che viene costruito a tavolino, imbeccato di tutto punto. Come successe per Gelle.

Stavolta la catena di comando è più articola ma anche più chiara. Si sta aprendo il processo a carico di 4 poliziotti per Depistaggio, i quali racconteranno naturalmente che ricevevano ordini dal loro capo, il numero uno della Mobile di Palermo Arnaldo La Barbera. Il quale però non può più difendersi perchè è morto nel 2002. E allora? Con ogni probabilità, seguendo il filo logico, La Barbera avrà avuto degli iterlocutori, difficile immaginare un’operazione ‘solitaria’. E quindi con in magistrati che avevano in mano il fascicolo sulla strage di via D’Amelio.

Si trattava di Anna Maria Palma, seguita da Carmine Petralia, quindi dopo 5 mesi entra nel pool anche un giovane Nino Di Matteo.

Da mesi Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato trucidato con la sua scorta, chiede a qualcuno di parlare. Si rivolge ai poliziotti, ma non dimentica certo i magistrati. Qual è stato loro ruolo? Chi ha realmente costruito il pentito Scarantino, che significa aver ordito il Depistaggio di Stato?

Perchè, soprattutto oggi, dopo che il sipario si è alzato sul caso Cucchi, uno dei poliziotti chiamati a testimoniare nei prossimi giorni ritrova il fegato – ma soprattuto il cuore – per raccontare come sono andate le cose?

Perchè resta impenetrabile come una cassaforte il mistero dell’agenda rossa, passata di mano in mano e con un processo finito in flop? Perchè nessuno chiede alla giornalista antimafia Roberta Ruscica tra quali mani è passata l’agenda di Paolo Borsellino?

Si tratta di due buchi neri tra i più clamorosi e dolorosi della nostra malastoria, perchè parlare di Depistaggio di Stato significa parlare di un Stato che sta marcendo, di una Giustizia che diventa sempre più una lontana utopia.

Facciamo in modo che questo giorno in cui si vede finalmente verità e giustizia nel caso del povero Stefano Cucchi e della sua famiglia per anni straziata, possa rappresentare un inizio. E i casi Alpi e Borsellino sono più attuali e bollenti che mai.