ECB Hands Italy An Ultimatum: “Obbedire alle regole di bilancio dell’UE o non ti salveremo”

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

Con il Washington Post che si avvicina a mettere sotto terra le azioni degli Stati Uniti giovedì pomeriggio riferendo che il presidente Trump avrebbe incontrato il presidente cinese Xi Jinping al summit del G-20 del mese prossimo (mentre il titolo leniva il mercato, non cambia il fatto che, come per tutto ciò che riguarda l’amministrazione Trump, anche questo rimane soggetto a cambiamenti), gli investitori hanno apparentemente trascurato le ultime notizie minacciose fuori dall’Italia. A proposito, la Reuters ha riferito che la BCE non verrà in soccorso in Italia se il suo governo o le sue banche esauriranno i soldi a meno che il governo italiano non garantisca per la prima volta un salvataggio dall’Unione Europea.Certamente, questo richiederebbe quasi certamente che la coalizione populista metta fine al suo gioco in corso di pollo fiscale con Bruxelles e abbandoni i suoi sogni di ridurre l’età pensionabile e di estendere un reddito di base al popolo italiano – politiche che assicurerebbero in modo efficace un futuro politico per M5S e la lega.

In effetti, l’ultimo pallone di prova della BCE equivale a un ricatto: O gli italiani accettano di rientrare in linea e obbedire agli orientamenti di bilancio europei, o la banca centrale siederà e guarderà i rendimenti dei titoli aumentare, fornendo alle agenzie di rating ancora più munizioni per tagliare il debito italiano verso la spazzatura – a garantire in modo efficace una crisi bancaria in stile greco mentre i rubinetti della liquidità vengono disattivati.

BCE

E per eliminare qualsiasi dubbio persistente sul fatto che si trattasse di una falla deliberatamente coordinata, la Reuters ha citato “cinque fonti senior che hanno familiarità con il pensiero della BCE”, molti dei quali erano “presenti al vertice economico in Indonesia”. Naturalmente, le fonti della BCE hanno spiegato che stanno semplicemente agendo nel migliore interesse dell’unione monetaria. Perché se all’Italia fosse permesso di scrollarsi di dosso il giogo dell’austerità europea e riaffermare la propria sovranità, allora cosa impedirebbe alla Spagna o al Portogallo di fare lo stesso?

Le fonti, presenti un vertice economico in Indonesia, hanno detto che l’Italia potrebbe ancora evitare una crisi del debito se il suo governo cambierà rotta, ma non dovrebbe contare sulla banca centrale per domare gli investitori o sostenere le proprie banche.

Questo perché le regole dell’UE non consentono alla BCE di aiutare un paese se questo non ha già concordato un “programma” di salvataggio – il gergo politico per un salvataggio in cambio di restrizioni stringenti e penose riforme economiche, un’opzione che il governo italiano ha fermamente respinto .

Qualsiasi tentativo di eludere tali regole danneggerebbe la credibilità della BCE al di là di ogni riparo e minerebbe l’accettazione dell’unione monetaria nei paesi creditori, come la Germania, affermano le fonti.

“È una prova per dimostrare che l’Europa ei suoi meccanismi funzionano”, ha detto una delle fonti a margine degli incontri annuali del Fondo monetario internazionale nella località turistica indonesiana di Nusa Dua.

Ora, se l’Italia invece abbracciasse la via della disciplina fiscale, la BCE sarebbe più che felice di sostenere il debito del paese attraverso le operazioni definitive monetarie (il programma non utilizzato adottato dalla BCE nel 2012 per ripristinare la fiducia nell’euro e nell’area dell’euro). debito in mezzo a una crescente crisi del debito).

Ma ecco il problema: anche se i populisti ignorano questa minaccia e si rifiutano di inchinarsi alla Commissione europea, la BCE potrebbe ancora intervenire e unilateralmente forte-armare il governo ad abbandonare i suoi piani di stimolo fiscale. Perché una volta che le obbligazioni italiane perdono il loro status di investment grade (uno scenario che assomiglia sempre di più a quando non è un if), Le banche italiane si troveranno di fronte a una scelta impossibile: incapace di utilizzare il debito italiano nei loro bilanci per garantire una liquidità più a breve termine e incapace di rivenderle alla BCE come parte del programma di QE della banca centrale, le banche italiane che non hanno abbastanza debito non italiano nei loro libri sarebbero costretti a chiedere l’assistenza di liquidità di emergenza dalla Banca d’Italia. Ma prima che la Banca d’Italia potesse andare avanti e erogare questi fondi, queste banche avrebbero bisogno di dimostrare che sono solvibili (cosa che non sarebbero) o il governo italiano avrebbe bisogno di assicurare che sia in atto un programma di disciplina fiscale. Se rifiutano, i risparmi degli italiani regolari sarebbero a rischio.

Le banche che non dispongono di garanzie collaterali di buona qualità dovrebbero quindi richiedere una linea di vita nota come Emergency Liquidity Assistance, fornita dalla Banca d’Italia.

“Ci sono alcune banche che sono effettivamente in buone condizioni, quindi non sarebbero tutte (richiedendo l’ELA)”, ha detto un’altra fonte.

Ma anche l’ELA potrebbe incorrere in vincoli dopo un po ‘se l’affidamento è diventato troppo alto.

Poiché ELA può essere concesso solo a banche solvibili, il Consiglio direttivo della BCE potrebbe richiedere che in Italia sia predisposto un programma economico prima di dare il via libera a grandi quantità di liquidità della BCE, analogamente a quanto fatto in Grecia.

Ma prima che le condizioni del credito si deteriorino in misura così estrema, i depositanti avrebbero probabilmente tagliato i loro legami con il sistema bancario italiano – come molti (correttamente) presumerebbero che il loro denaro sarebbe più sicuro sotto un materasso e ne conseguirebbe una brutale corsa alla banca.

S & P Global e Moody’s, due delle quattro agenzie di rating riconosciute dalla BCE, dovrebbero rilasciare un parere aggiornato sulle obbligazioni italiane a fine mese. Ma dato l’ostinazione che Luigi Di Maio e Matteo Salvini (i leader di partito che stanno effettivamente governando il Paese) hanno dimostrato negli ultimi mesi, immaginiamo che le azioni italiane, che recentemente sono entrate in un mercato ribassista, siano destinate a minimi ancora bassi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...