Facebook, Twitter Elimina più pagine media dissidenti nell’ultima escalation

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

Scritto da Caitlin Johnstone tramite Media.com,

Facebook, Twitter Elimina più pagine media dissidenti nell’ultima escalation

Facebook ha  cancellato oggi più pagine di media dei dissidenti  , questa volta con il pretesto di proteggere i suoi utenti da “attività non autentiche”. In  una dichiarazione,  co-autrice del capo della sicurezza informatica di Facebook Nathaniel Gleicher (che è anche l’ex direttore  della politica di sicurezza informatica del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca  ), la massiccia piattaforma di social media ha spiegato che ha rimosso “559 pagine e 251 account che hanno costantemente infranto le nostre regole contro lo spam e il comportamento inautentico coordinato “.

Questo “comportamento inautentico”, secondo Facebook, consiste nell’utilizzare “contenuti politici sensazionali – indipendentemente dalla sua inclinazione politica – per costruire un pubblico e indirizzare il traffico verso i loro siti web”, il che equivale a dire che scrivono di cose controverse e postare quegli articoli politici “in dozzine di gruppi di Facebook, spesso centinaia di volte in un breve periodo, per accumulare traffico per i loro siti web”.

In altre parole, le pagine sono state rimosse per pubblicare contenuti politici controversi e cercare di convincere la gente a leggerlo. Non per scrivere “false notizie”, ma per fare quello che potevano per ottenere notizie legittime dai media indipendenti viste da persone che potrebbero voler vederle. La pratica di condividere il tuo materiale nei gruppi di Facebook è pratica comune per la maggior parte dei creatori di contenuti multimediali indipendenti; L’ho fatto io stesso molto alla fine del 2016 e all’inizio del 2017, e praticamente anche tutti i miei coetanei indipendenti.

Rachel Blevins@RachBlevins

Excellent breakdown the of the Facebook purge by @RealAlexRubi with commentary from some of the page owners who have poured countless hours over the last few years into building reputable Facebook pages that still dare to challenge the mainstream narrativehttps://sputniknews.com/us/201810121068814924-Reporters-Pages-Shut-Down-By-Facebook/ 

EXCLUSIVE: Meet the Reporters Whose Pages Were Shut Down By Facebook

Facebook purged hundreds of pages from its platform on Thursday. But instead of the usual targets – namely Russia and Iran – Thursday’s ban shut down accounts operated by independent American…

sputniknews.com

“Per quelli di voi che leggono ciò che scrivo, si sa che non ho violato alcun standard”,  scrive Terresa Monroe-Hamilton , il cui profilo personale e la pagina Facebook per il suo blog politico NoisyRoom.net sono stati entrambi cancellati. “In effetti, non invio gran parte di ciò che scrivo. Invio su link di notizie importanti e alcuni meme. E ‘stato sufficiente per farmi bannare e le pagine sono semplicemente sparite. “

“Facebook ha abbattuto la mia pagina con quasi 70.000 follower, etichettandolo come” spam “, quando ho lavorato per 4 anni a costruire quella pagina e usandola per pubblicare gli articoli che ho scritto e i video dei miei reportage”, ha  twittato  Rachel di RT America Blevins. “Questo è così incredibilmente sbagliato e sta interessando centinaia di pagine simili.”

“E proprio come quei 5 + anni di duro lavoro che promuovono idee di pace e libertà sono stati cancellati”,  scrisse un utente di Facebook  chiamato John Liberty, che perse più pagine sulla responsabilità della polizia, sulla legalizzazione della cannabis e sul libertarismo.

Due delle pagine di alto profilo che erano state chiuse probabilmente sono state viste ad un certo punto da qualsiasi dissidente politico che usa Facebook; il  progetto Free Thought , che aveva 3,1 milioni di follower e  Anti-Media , che contava 2,1 milioni. Ho trovato informazioni utili su entrambi i siti prima e, anche se non sono d’accordo con loro ideologicamente, in alcune aree li ho trovati entrambi molto più legittimi di qualsiasi cosa tu abbia trovato su Google News.

Ford Fischer

Good story about Facebook’s recent onslaught against the indie media by @TheDailyHaze http://thedailyhaze.com/facebook-attack-independent-media/ 

Facebook Launches Full-Blown Attack On Independent Media

Facebook censorship has become a growing problem, especially for independent media outlets. On Thursday, the severity of the situation came to fruition.

thedailyhaze.com

Ford Fischer@FordFischer

Holy shit. The Anti-Media’s Page was just removed from Twitter. So Twitter and Facebook are coordinating this.

I know this literally just happened because they RT’ed me an hour ago. pic.twitter.com/RFi280YERD

Come se ciò non fosse abbastanza inquietante, alcuni dei resoconti di Facebook sembrano essere stati censurati anche su Twitter, riportando alla memoria il silenziamento coordinato cross-platform di agosto  di Alex Jones . Il già citato Anti-Media è stato sospeso da Twitter poche ore dopo aver twittato di essere stato rimosso da Facebook,  insieme a uno dei suoi migliori scrittori Carey Wedler , e  un attivista di Riunione di unicorno di  nome Patti Beers che aveva più di 30.000 follower su Twitter è stato appena rimosso anche da entrambi i siti.

L’ho detto prima e lo dirò di nuovo: in un sistema corporativo, in cui non esiste una linea chiara tra potere corporativo e potere governativo, la censura corporativa è una censura governativa.  Non si può avere un sistema in cui il lobbying aziendale e il finanziamento delle campagne equivalgono a legalizzare la corruzione di funzionari eletti, in cui le massicci corporazioni della Silicon Valley stringono legami molto stretti con agenzie governative segrete al fine di eclissare la concorrenza, e quindi affermano che si tratta di società private far rispettare le proprie regole sulla propria proprietà privata. Questo è proprio quello che sembra la censura totalitaria del governo in un’oligarchia corporativa.

Vuoi alcuni plutocrati della Silicon Valley che determinano quale discorso politico costituisce per te “attività inautentica”? Volete un mondo in cui le masse siano ammassate in enormi stalle di media sociali alleati del governo, che vengono regolarmente presentate al Senato degli Stati Uniti per impegnare una più ferrea censura sul discorso politico problematico? Vuoi un mondo in cui le società di social media sono costrette a stringere alleanze con le strutture di potere esistenti per poter crescere? Vuoi un mondo in cui le sedi del discorso politico sono sempre più sterilizzate per favorire le agende della classe dominante? Altrimenti, il momento di agire è ora.

Glenn Greenwald

@ggreenwald

Those who demanded Facebook & other Silicon Valley giants censor political content – something they didn’t actually want to do – are finding that content that they themselves support & like end up being repressed. That’s what has happened to every censorship advocate in history:

Radley Balko

@radleybalko

As part of its purge, Facebook has removed the pages of several police accountability/watchdog/critic groups, including Cop Block, the Free Thought Project, and Police the Police. They’ve also apparently severely restricted activity for the Photography Is Not a Crime page.

Indipendentemente da dove ti trovi nello spettro politico, se ti opponi allo status quo, allora l’ opposizione alla censura su Internet di qualsiasi discorso politico è ora una questione di semplice autodifesa . Se questo non ti fosse chiaro quando smetteranno Alex Jones, dovrebbe dannatamente essere ovvio per te ora. Se vuoi cambiare il sistema esistente in qualsiasi modo che toglie potenza a quelli attualmente in carica, la tua voce è prossima sul ceppo. Stanno chiudendo tutte le porte il più velocemente possibile per tenerci intrappolati in questa oligarchia orwelliana finché non ci faranno uccidere tutti dalla guerra o dall’ecocidio. Se spengono la capacità del pubblico di condividere le informazioni sui dissidenti, avranno chiuso l’ultima porta. Non lasciarli.

AGGIORNAMENTO:  Free Thought Project  ha, come  Anti-Media , ora  rimosso da Twitter  e Facebook. Sembra esserci una sorta di coordinamento o sovrapposizione tra i censori di Twitter e Facebook.

* * *

Grazie per aver letto! Il modo migliore per aggirare i censori di internet e assicurarsi di vedere le cose che pubblico è iscriversi alla mailing list per il mio  sito web , che ti farà ricevere una notifica via email per tutto ciò che pubblico. I miei articoli sono interamente supportati dai lettori, quindi se ti è piaciuto questo articolo, ti consigliamo di condividerlo, mi piace su  Facebook , seguire le mie buffonate su  Twitter , controllare il mio podcast , buttare un po ‘di soldi nel mio cappello su  Patreon  o  Paypal , comprare il mio nuovo libro  Rogue Nation: Psychonautical Adventures Con Caitlin Johnstone , o il mio libro precedente  Svegliato: Una guida sul campo per Utopia Preppers .