“It” è finalmente arrivato?

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

Scritto da Chris Martenson tramite PeakProsperity.com,

Con il recente tuffo nell’S & P 500 di oltre il 5%, è finalmente iniziata la tanto attesa (e lungamente attesa) correzione del mercato?

È difficile dirlo con certezza. Ma le crepe sistemiche che abbiamo monitorato da vicino sono decisamente diventate molto più ampie questa settimana.

Dopo quasi un decennio di innalzamento del mercato senza fine, manipolazione e negligenza normativa, tutti i professionisti del trading che conosco personalmente stanno guardando con fiato sospeso in questa fase. Le banche centrali hanno distorto i processi di scoperta dei prezzi e di struttura del mercato per così tanti anni ormai, che è difficile sapere se la loro presa sui mercati sia effettivamente fallita.

Ma quello che sappiamo per certo è che le bolle scoppiano sempre. Inevitabilmente. Ognuno è costruito su un errore; e quando ciò diventa finalmente evidente a un numero sufficiente di persone, la mania finisce.

E oggi, ci sono attualmente massicce bolle in azioni, obbligazioni e immobili. Tutti gentilmente concessi dalle banche centrali (come abbiamo scritto dettagliatamente qui su PeakProsperity.com nel corso degli anni).

E senza il Piano B in atto per uscire con grazia dall’angolo che hanno dipinto se stessi – e quindi l’economia globale – in, l’unica opzione a loro disposizione è raddoppiare la pretesa che saremmo tutti fottuti senza il loro amministrazione. Devono fare questo, suppongo. Ammettere la verità avrebbe gettato il mondo nel panico e se stessi fuori dal lavoro. 

Chi sa cosa pensano in privato? Ma in pubblico ci danno delle vere gemme come queste:

Williams dice che gli aumenti dei tassi della Fed aiuterebbero a frenare il rischio finanziario

Gli aumenti dei tassi d’interesse statunitensi contribuiranno a ridurre l’assunzione di rischi nei mercati finanziari , ha dichiarato il presidente della Federal Reserve Bank di New York, John Williams.

“Il principale fattore che ci spinge a innalzare i tassi di interesse è il fatto che l’economia americana stia andando così bene in termini di obiettivi”, ha detto Williams in risposta alle domande dopo un discorso a Bali, dove gli incontri annuali della Monetaria Internazionale Fondo e Banca Mondiale si stanno verificando.  “Ma vorrei anche aggiungere che la normalizzazione della politica monetaria in termini di tassi di interesse ha un ulteriore vantaggio in termini di rischi finanziari”.

“Un ambiente di tassi di interesse molto bassi per lungo tempo, almeno in alcune dimensioni, probabilmente si aggiunge a rischi finanziari, o assunzione di rischi, aumento del rendimento, cose del genere ” , ha affermato.

“La normalizzazione della politica monetaria, penso, ha l’ulteriore vantaggio di ridurre un po ‘, sul margine, parte del rischio di squilibri nei mercati finanziari”.

Fonte )

E con questo, il nostro premio per  “Finalmente chiuso il portone dopo che il cavallo è partito 8 anni fa”,  va a John Williams della Federal Reserve statunitense.

Andiamo, signor Williams. Il tuo storico ‘ambiente di tasso di interesse molto basso’ non ha portato solo a un leggero grado di rischio più elevato ai margini qui.

Invece, ha portato a un’esplosione di rischi eccessivi  ovunque  oggi, tra cui:

  • Le obbligazioni spazzatura vendono vicino ai loro prezzi più costosi di sempre
  • Il patto di lode presta il wazoo
  • I più alti livelli di debito societario di sempre
  • I mercati azionari più costosi di sempre, con diverse misure
  • Il debito con il margine più alto mai registrato
  • Bolle immobiliari in tutto il mondo
  • Pensioni altamente esposte al mercato azionario

E la politica delle banche centrali negli ultimi dieci anni non è stata solo quella di creare un  “ambiente di tassi di interesse molto bassi” . Sono stati nove lunghi anni di repressione finanziaria intensa e deliberata.

La risultante assunzione di rischi non è avvenuta  “in alcune dimensioni”.  È successo proprio qui sul Pianeta Terra, in tempo reale, e nei portafogli pubblici e privati, in tutto il mondo.

Le pensioni sono state martoriate da questa politica, costrette a buttare via 100 anni di saggezza d’investimento accumulata e di passare da allocazioni tradizionali di titoli obbligazionari a titoli fino all’opposto in una disperata ricerca di rendimento.

L’insolvenza matematicamente certa di gran parte del sistema pensionistico grava sulle tue spalle, signor Williams. E quelli dei tuoi colleghi della Fed. 

Inoltre, le altre risposte maligne del mercato alle politiche distorsive della Fed non  “probabilmente aumentano i rischi finanziari”.  Assolutamente ha garantito una crisi futura, una che farà impallidire qualsiasi precedente.

Nella mia valutazione, il più grande crimine della Fed è stata la decisione di Greenspan di tentare di eliminare il ciclo economico sostituendolo con un ciclo creditizio. Ecco come appare in forma di grafico:

Se non riesci a individuare chiaramente le assurde bolle di asset della Fed nel grafico sopra, potresti anche smettere di leggere qui. Con quel tipo di cecità, nulla può aiutarti a pianificare ciò che verrà dopo.

Ora, perché le banche centrali preferirebbero i cicli di credito? Facile! Sono molto più divertenti. Quando si stanno espandendo, tutti ti amano. Vieni invitato a Davos e la gente ti ama festeggiare alle feste.

Altrettanto buono, quando le bolle scoppiano, come sempre, devi andare in soccorso e svolgere il ruolo di savoir. E quando la polvere si deposita, ti viene acclamato come un “eroe” dai media mainstream (anche se non sei stato migliore di un piromane che ha spento il suo stesso fuoco).

Caso in questione:

Sì, do la colpa alle banche centrali per il crollo in arrivo. Sono i cattivi da incolpare per le loro frustate a cavallo di azioni, obbligazioni e immobili in bolle di prezzo delle attività pericolosamente sopravvalutate. Nessun altro.

Gli ex presidenti della Fed Greenspan, Yellen e Bernanke devono sopportare quasi tutta la colpevolezza. Resta da vedere cosa Powell fa, ma finora sembra meno interessato a salvare i cali del mercato azionario rispetto ai suoi predecessori. Se è così, è un enorme miglioramento.

Già, sotto Powell, per la prima volta in un decennio, stiamo emergendo da sotto il miserabile pollice della repressione finanziaria, il cui cardine fondamentale è dover accettare rendimenti reali negativi sui risparmi. Oggi il tasso di interesse su un T-bill 3-Mo è superiore al tasso d’inflazione (dichiarato). È anche superiore al rendimento da dividendo sulle azioni statunitensi. Quindi i risparmiatori hanno finalmente un’opzione che non li punisce ingiustamente.

Se possiamo ringraziare Powell per questo, allora ha già fatto più bene di tutti e tre i suoi predecessori messi insieme. E se permette a quest’ultimo ciclo di credito mal concepito di morire definitivamente di sua iniziativa, in realtà meriterà questo “eroe”. Soprattutto perché farlo non sarà solo la cosa giusta da fare, sarà profondamente impopolare con le Potenze che sono, e richiederà una quantità eccessiva di coraggio da applicare.

Diamine, Trump stava già sparando per Powell mercoledì dopo il primo calo del -3%:

“La Fed sta commettendo un errore, sono così stretti. Penso che la Fed sia impazzita. “

~ Donald Trump, 10/10/18

Ma se Trump era preoccupato per mercoledì, deve aver sputato chiodi giovedì mentre la carneficina del mercato è continuata:

E ‘davvero così?

Il verme è davvero diventato? Non è possibile che le autorità recuperino ancora una volta questi “mercati” spingendoli sempre più in alto nella loro ricerca di prosperità stampata?

Di nuovo, tutto è possibile, ma il nostro punto di vista è che finché ea meno che le banche centrali decidano di invertire le loro operazioni di wind-down del QE, anche i guadagni in termini di guadagno derivanti dall’inondazione monetaria svaniranno.

La nostra opinione è che le cose progrediscano da “l’esterno dentro”, riflettendo il fatto che è sempre la società di zombie legata al cash che fallisce prima della società con rating AAA, ed è l’economia di mercato emergente più debole che soffre prima dell’economia core OCSE.

Questa tabella dei vari rendimenti di borsa di un anno fino ad oggi illustra perfettamente che la dinamica “esterna a” è in vigore da un po ‘di tempo.

Certamente non è un meccanismo di rilevamento perfetto (la Germania è in calo di 4x rispetto al Portogallo?), Ma il modello è più che direzionalmente adeguato. L’alluvione monetaria si è invertita e lo stiamo vedendo nelle perdite che si sono concentrate principalmente nella periferia, ma si stanno rapidamente diffondendo nei mercati “core” più forti

Tempo per sicurezza

Certo, siamo rimasti per lungo tempo fuori dai mercati, preferendo denaro, oro, alcune partecipazioni immobiliari di base; mentre lentamente costruisce una piccola posizione corta.

La nostra strategia principale per le bolle sopravvissute è di non farsi prendere da loro in primo luogo. Abbiamo a lungo sostenuto la saggezza di accumulare liquidità, di avere capitale “a secco” da impiegare a valutazioni molto migliori dopo lo scoppio della bolla. A nostro avviso, tutti dovrebbero lavorare su “lista acquisti” per quel giorno.

Purtroppo, l’espansione di Everything Bubble è andata avanti da troppo tempo, poiché le banche centrali hanno praticamente distrutto la vera scoperta dei prezzi e un’allocazione del capitale ben informata. Diamine, la maggior parte degli adulti Millenial non erano abbastanza grandi per sperimentare gli episodi del 2000 e del 2008: per loro, i Frankenmarket di oggi sono “normali”. La maggior parte sembra avere esattamente zero indizi sul ruolo delle banche centrali nel promuovere la parte del leone dei guadagni sul mercato azionario e obbligazionario che si sono verificati durante la loro breve vita adulta.

I siti di chat di investimento in cui mi appostano per valutare l’atmosfera sono inondati di gente che si dice “compra il tuffo” e “resisti”. Molti stanno pappagliando il mantra di Wall Street / CNBC che “Questa volta è diverso!”, Quindi è meglio continuare a mettere i soldi, restare a lungo e completamente investiti.

Non siamo d’accordo. E pensiamo che quelli che marciano ciecamente verso la canzone di Wall Street saranno le prime e le peggiori vittime quando subirà la prossima correzione importante.

Ecco perché incoraggiamo tutti coloro che leggono questo documento a sottoporre a crash il loro portafoglio con il loro consulente finanziario professionista. Se davvero stiamo entrando in un’altra correzione in stile 2008, come faranno le vostre attuali posizioni? Quanto sono gestite dal rischio le tue posizioni? Le tue potenziali perdite sono coperte al ribasso? E una volta che la polvere si deposita, qual è il tuo piano per rientrare nel mercato?

Queste sono domande critiche da chiedere in questo momento. E il tempo per affrontarli potrebbe effettivamente essere molto scarso (il Dow ha lasciato cadere altri 100 punti mentre stavo scrivendo questo).

Se non si dispone di un consulente finanziario o si hanno difficoltà a trovare uno disposto ad affrontare i rischi discussi qui, prendere in considerazione la  pianificazione di una consultazione sul crash test del portfolio  (è completamente gratuita) con l’advisor Peak Prosperity.

Per favore, qualunque cosa tu faccia, assicurati di aver adottato misure prudenti per prepararti a una grave crisi del mercato. Non lasciare esposta la tua ricchezza sudata, a meno che non si tratti di una decisione intenzionale da parte tua.

Conclusione

Il recente crollo del mercato non è stato affatto inaspettato da parte nostra. Abbiamo iniziato a osservare i primi tremori alla periferia molte settimane fa.

La settimana scorsa, il 5 ottobre, abbiamo lanciato un avvertimento di mercato ai nostri abbonati premium sotto lo stendardo  I mercati stanno improvvisamente sembrando molto malati .

Se le banche centrali sbattono le palpebre qui e andiamo in soccorso è la grande domanda.

Mentre dovremo aspettare e vedere per imparare la risposta, in tutte le nostre interviste con esperti (ad esempio Axel Merk) che conoscono personalmente la Fed e i suoi collaboratori, il consenso è che Powell è un animale diverso dai suoi predecessori. Tollera un sacco di debolezze azionarie prima di essere trasferito all’azione. La sua linea nella sabbia è del 20%? -30%? 

Qualunque cosa sia, è probabilmente molto più del -6% che abbiamo visto finora.

Inoltre, la BCE è impegnata perché anch’essa è impegnata pubblicamente a ridurre gradualmente le proprie espansioni di bilancio entro la fine del 2018. E poiché l’UE è anche bloccata in una battaglia di bilancio con l’Italia, e sarebbe molto politicamente Difficile per la BCE giocare allo stesso tempo colomba e falco, salvando i mercati con più QE e non comprando più debito pubblico italiano o aiutando le banche italiane.

Anche la Bank of Japan è praticamente finita. Di recente, persino (senza fiato!) Ha ridotto il suo bilancio alcune volte negli ultimi mesi.

La Cina è impegnata a combattere le proprie battaglie con il rallentamento della crescita e la più grande bolla immobiliare di sempre. È anche in delicate trattative commerciali con gli Stati Uniti, complicate di recente con la rivelazione che il PLA cinese ha avuto un ruolo nell’inserire hardware hack (chip) su prodotti high tech forniti negli Stati Uniti. Quindi la PBoC probabilmente non sarà in procinto di fare qualcosa di drammatico in termini di espansione del bilancio in questo momento.

Aggiungilo tutto e il contagio “esterno” che stiamo osservando negli ultimi mesi sembra aver finalmente raggiunto il nucleo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...