Mps, Tesoro cerca advisor per l’uscita

Rosario Murgida finanzareport.it 22.10.18

Il Ministero del Tesoro ha iniziato a valutare cosa fare del 68% di Banca del Monte dei Paschi di Siena al punto da voler avviare a breve la ricerca di un advisor per esaminare le modalità di uscita dall’azionariato


Il Ministero del Tesoro ha iniziato a valutare cosa fare del 68% di Banca del Monte dei Paschi di Siena al punto da voler avviare a breve la ricerca di un advisor per esaminare le modalità di uscita dall’azionariato.

E’ quanto scrive l’Ansa citando quanto raccolto in ambienti finanziari e sottolineando come la “bussola” per il dicastero rimanga quella dell’uscita dalla compagine azionaria entro il 2021 ai sensi di quanto concordato con le autorità europee nel 2017 per salvare la banca senese.  

L’advisor avrà il compito di indicare la strada del disimpegno dello Stato nel quadro di un scenario caratterizzato da aggregazioni fra istituti di media dimensione. Da tempo si parla di un nuova ondata di fusioni, aggregazioni e partnership nel comparto con il coinvolgimento di Ubi, Banco Bpm, Bper, Carige e Creval ma finora, nonostante le indiscrezioni, nulla si è ancora mosso. 

Al di là delle smentite di prassi, la questione è comunque sul tavolo dei tanti Cda coinvolti e alcune banche, a partire da Ubi, sono viste in prima fila per dare il via al processo di consolidamento.

A Piazza Affari, complice la positiva intonazione del settore per via del restringimento dello spread, il titolo Mps guadagna, alle 9,14, il 3,46% a 1,6455 euro.