La BCE per terminare il QE a dicembre, manterrà i tassi invariati “il tempo necessario”

Foto del profilo dell'utente Tyler Durden

 

In una dichiarazione che è stata una replica virtuale a partire da settembre, la BCE ha annunciato di mantenere i suoi tre tassi chiave invariati (operazioni di rifinanziamento principali: 0,00%, rifinanziamento marginale: 0,25%; deposito: -0,40%), che finirà il suo Programma QE LSAP alla fine di dicembre, tuttavia “soggetto ai dati in arrivo che confermano le prospettive di inflazione a medio termine”, che reinvestirà i pagamenti principali dei titoli in scadenza acquistati “per un lungo periodo di tempo” e che in linea con il suo precedente orientamento, “i tassi rimarranno ai livelli attuali almeno nell’estate del 2019, e in ogni caso per tutto il tempo necessario a garantire la continua sostenuta convergenza dell’inflazione a livelli inferiori ma prossimi al 2% rispetto al medio termine.”

In breve, niente sorprese, anche se la BCE dice ancora che “anticipa” di porre fine a nuovi acquisti di QE a dicembre, mentre alcuni analisti avevano suggerito al Consiglio direttivo di modificare la lingua per rafforzare l’impegno. Non ancora.

Dichiarazione completa di seguito:

Alla riunione odierna, il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) ha deciso che il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e i tassi di interesse sul meccanismo di rifinanziamento marginale e sulla linea di deposito rimarrebbero invariati allo 0,00%, 0,25% e -0,40% rispettivamente. Il Consiglio direttivo si aspetta che i tassi di interesse principali della BCE rimangano ai livelli attuali almeno nell’estate del 2019, e in ogni caso per il tempo necessario a garantire la costante convergenza dell’inflazione a livelli inferiori ma prossimi a 2% a medio termine.

Per quanto riguarda le misure di politica monetaria non standard, il Consiglio direttivo continuerà a effettuare acquisti netti nell’ambito del programma di acquisto di attività (APP) al nuovo ritmo mensile di 15 miliardi di euro fino alla fine di dicembre 2018. Il Consiglio direttivo prevede che, in dati che confermano le prospettive di inflazione a medio termine, gli acquisti netti finiranno quindi. Il Consiglio direttivo intende reinvestire i pagamenti principali dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito dell’APP per un lungo periodo di tempo dopo la fine degli acquisti di attività nette, e in ogni caso per il tempo necessario a mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di alloggio monetario.

Ecco il confronto redline con la dichiarazione di settembre che mostra la mancanza di modifiche.