Lezioni dall’elezione dello stato – Verde così verde

© Christian O. Bruch / laif

Un’analisi di  spiegel.de 28.10.18

Nero-verde, Giamaica, GroKo? O ancora rosso-rosso-verde? Molto è possibile, la serata elettorale dell’Assia rimane entusiasmante. Solo il vincitore è già determinato. E anche il perdente.

 

L’attrazione delle feste popolari è di nuovo diminuita drasticamente. In estrapolazioni, CDU e SPD hanno registrato perdite di circa dieci punti percentuali ciascuna nelle elezioni statali in Assia. I verdi, tuttavia, stanno chiaramente aumentando. Queste sono le prime lezioni di scelta:

Il primo ministro della CDU Volker Bouffier ha, nonostante le perdite, il mandato del governo, la cancelliera Angela Merkel dovrà sopportarne le conseguenze. L’Hesse-CDU ottiene il peggior risultato in oltre 50 anni. Le prime analisi degli istituti di indagine mostrano che la stessa Cancelliera non fu di aiuto nella campagna elettorale, secondo i suoi stessi seguaci. Questo continuerà a nutrire la domanda, se Merkel all’inizio di dicembre alla convention del partito CDU ad Amburgo di nuovo come presidente CDU. Il marchio Merkel si è consumato da solo, questo è uno dei messaggi di Hesse.

SPIEGEL ONLINE

L’SPD è bloccato nella Valle di Leida. Questa è una brutta notizia per la Grand Coalition. Particolarmente amaro: l’incidente continua in un paese in cui l’SPD era tradizionalmente ben ancorato. Una volta l’SPD era la festa dell’Assia. Oggi quasi inimmaginabile. La sconfitta in Assia, il peggior risultato dal 1946, manterrà la SPD in turbolenza: gli avversari di una grande coalizione non dovrebbero cedere alla loro pressione. Il leader del partito Andrea Nahles and Co. dovrà ancora giustificare il motivo per cui la SPD è meglio posizionata a fianco dell’Unione nella Federazione rispetto all’opposizione. In breve: l’SPD non viene in Hesse a riposare. Cattivo per l’SPD, cattivo per la grande coalizione.

I vincitori della serata elettorale sono ancora una volta i Verdi. Attualmente stanno vivendo un hype, approfittando della crisi dell’SPD. Dopo la Baviera, dove erano la seconda forza più forte due settimane fa, i Verdi sono cresciuti bene anche in Assia. Ai Verdi, nessuno viene per primo chi vuole formare una coalizione. Questa è una posizione comoda, ma potrebbe anche renderti arrogante. Se fosse sufficiente per la continuazione del nero e del verde, questa sarebbe una novità: la costellazione non è mai arrivata ad un secondo round finora.

E gli altri? L’AfD è, oltre ai Verdi, un vincitore elettorale questa sera. La festa è aumentata significativamente rispetto al 2013 in Assia e ha portato a ciò che era previsto nei sondaggi. Pertanto, il partito è ora rappresentato in tutti i 16 Landtage, oltre al Bundestag e un rappresentante al Parlamento europeo. In realtà, tuttavia, l’associazione statale dell’Assia rimane a disagio e divisa, come anche altre associazioni statali nell’AfD. L’AfD prenderà posto nell’opposizione, perché lo vuole per sé e nessun altro entrerà in una coalizione con esso.

La sinistra dell’Assia sta aumentando – per ragioni. Il fatto che una generazione di politici di sinistra della Germania occidentale, piuttosto pragmatici, sia iniziata in Assia sembra aver dato i suoi frutti. Soprattutto dal momento che i Verdi sono contati sempre di più per l’istituzione e l’SPD è in modalità di crisi, ciò che porta i suoi seguaci. Un ulteriore impulso avrebbe dovuto dare la speculazione del partito a una coalizione rosso-rosso-verde.

L’FDP potrebbe – se non è abbastanza per il nero-verde, ma per la Giamaica – giocare la punta delle bilance. Un ruolo che i liberali conoscono dalla loro storia. I liberali sono arrivati ​​nel 2013 in una lunga e terribile notte con solo il 5,0% nel parlamento statale, in questa campagna elettorale, speravano in un aumento. Ma chiaramente oltre il sette percento aveva già calcolato l’uno o l’altro nella parte superiore del FDP. L’FDP guarderà al risultato con sentimenti contrastanti: è chiaramente dietro i Verdi e anche chiaramente dietro l’AfD. Beneficiando davvero della crisi della CDU, l’FDP non ha, anche se il leader dell’FDP Christian Lindner negli ultimi metriaveva dichiarato l’elezione per un voto sulla politica dei rifugiati della Merkel. Se il FDP è richiesto in una coalizione con la CDU e i Verdi in Assia, devono stare attenti a non essere nutriti con briciole da due partner ben provati.