Unipol Banca: Cimbri, Bper possibile opzione per fusione (Rep)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“Bper è una delle possibili opzioni” per una fusione con Unipol Banca. Lo ha detto in un’intervista ad Affari & Finanza di Repubblica, Carlo Cimbri, amministratore delegato del gruppo Unipol, che è entrato nel capitale di Bper con un 15% e potrebbe salire fino alla soglia del 20%. 

“Unipol Banca, ripulita dal peso degli Npl, è un’ottima banca, e ho sempre detto che potremmo venderla o farla confluire in un altro gruppo bancario. Stiamo perseguendo la seconda strada, perché vogliamo dare alla gente che ci lavora una prospettiva solida. Oggi Unipol Banca è un contributore positivo di qualunque gruppo in cui possa confluire, e grazie alla pulizia degli Npl è tra gli istituti coni migliori indicatori di solidità. Bper è una delle possibili opzioni”. Tuttavia, ha continuato il top manager, in Bper, “il nostro ruolo rimarrà quello di essere azionisti importanti ma non oltre. Non intendiamo consolidare integralmente Bper, per intenderci. Ci possono essere sinergie nel reciproco interesse, ma non vogliamo ricreare un conglomerato finanziario di banca e assicurazione”. 

Nel settore bancario, ha continuato Cimbri, “ci siamo mossi in due direzioni. La prima era quella di consolidare il rapporto esistente di distribuzione dei nostri prodotti. Visti i bassi valori che oggi tutti i titoli hanno in Borsa, ci siamo mossi a fini difensivi. La seconda di 

ottenere vantaggi da un investimento finanziario. Noi pensiamo che Bper abbia un potenziale di sviluppo, in parte compresso dagli Npl, su cui sta lavorando e sui quali auspichiamo più intensità. Una banca che pulisce i suoi crediti può crescere e diventare un potenziale attore nelle aggregazioni che inevitabilmente ci saranno”, ha concluso. 

pev 

 

(END) Dow Jones Newswires

October 29, 2018 04:44 ET (08:44 GMT)