In California, le vendite domestiche stanno crollando come se fosse di nuovo il 2008

zerohedge.com 3.11.18

Scritto da Michael Snyder tramite il blog The Economic Collapse,

Ciò che sale deve alla fine venire giù … 

Per anni, il mercato immobiliare californiano è stato all’avanguardia di “Housing Bubble 2” quando abbiamo visto i prezzi delle case nello stato salire a livelli assolutamente assurdi. 

In effetti, è andata così male che una casa bruciata nella Silicon Valley è stata venduta  per $ 900.000  all’inizio di quest’anno, e una casa condannata a Fremont è stata venduta  per $ 1,2 milioni . Ma ora le cose sono cambiate in un modo importante.  I mercati immobiliari più caldi dell’intero paese hanno aperto la strada durante il crollo di “Housing Bubble 1”, e ora sembra che la stessa cosa sarà vera per il sequel.

Secondo  CNBC , il numero di case nuove ed esistenti vendute nel sud della California era calato del 18% a settembre rispetto a un anno fa …

Il numero di case e condomini nuovi ed esistenti venduti durante il mese è  crollato di quasi il 18%  rispetto a settembre 2017, secondo CoreLogic. Quello è stato  il ritmo più lento di settembre dal 2007 , quando la crisi nazionale delle abitazioni e dei mutui stava colpendo.

Le vendite stanno cadendo su base annua per gran parte di quest’anno, ma questo è stato il calo annuo più grande per qualsiasi mese  in quasi otto anni . È stato anche più del doppio del calo annuale registrato ad agosto.

Questi numeri sono sconcertanti.

Ed è interessante notare che le vendite di nuove case vengono colpite  ancora più duramente  delle vendite di case esistenti …

Le vendite di case di nuova costruzione stanno soffrendo più delle vendite di case esistenti, probabilmente perché meno sono in costruzione rispetto ai livelli di produzione storici. Anche le case di nuova costruzione hanno un prezzo molto alto. Le vendite di case di nuova costruzione sono state inferiori del 47% rispetto alla media di settembre risalente al 1988, mentre le vendite di case esistenti sono state del 22% inferiori alla media a lungo termine.

Un tempo, la contea di San Diego era un mercato immobiliare molto caldo, ma ora il mercato si è completamente trasformato.

In effetti, la contea ha registrato il minor numero di vendite di case in un mese  dall’ultima crisi finanziaria …

Una combinazione di rapidi aumenti del tasso ipotecario e diminuzione della convenienza, le vendite di case della contea di San Diego sono  crollate del 17,5% al ​​livello più basso degli 11 anni del  mese scorso, nel primo segno significativo che uno dei mercati immobiliari più caldi del paese potrebbe essere ad una svolta, il tracker immobiliare CoreLogic ha  riferito  martedì.

A settembre, 2.942 case sono state vendute nella contea, in calo rispetto alle 3.568 vendite dello scorso anno. Questo è stato il numero più basso di vendite per il mese  dall’inizio della crisi finanziaria,  quando 2.152 venduti nel settembre 2007.

E si può sostenere che le cose stanno precipitando ancora più rapidamente nel nord della California.

Nella zona della Baia di San Francisco, le vendite di case nuove ed esistenti sono diminuite del  19%  a settembre su base annua …

Le vendite di case nella zona della Baia di San Francisco sono in calo da mesi, ma a settembre gli acquirenti si sono ritirati in un modo ancora più grande.

Le vendite di case nuove ed esistenti sono crollate di circa il 19% rispetto a settembre 2017, secondo CoreLogic. Ha segnato il ritmo di vendita più lento di settembre dal 2007 e il doppio del calo annuale registrato ad agosto.

Se sta realmente accadendo una nuova crisi immobiliare  , questi sono esattamente i tipi di numeri che ci aspetteremmo di vedere. Se hai ancora bisogno di qualcosa di più convincente, qui ci sono ancora più angoscianti numeri dal mercato immobiliare californiano  che Mish Shedlock ha recentemente condiviso …

  • Il mercato immobiliare californiano ha registrato il suo più grande calo delle vendite anno su anno da marzo 2014 e si è mantenuto al di sotto del punto di riferimento delle vendite a 400.000 livelli per il secondo mese consecutivo di settembre, indicando che il mercato sta rallentando dal momento che molti potenziali acquirenti mettono in attesa i loro piani di proprietà .
  • Le vendite di case unifamiliari esistenti sono state pari a 382.550 a settembre con un tasso annuo destagionalizzato, in calo del 4,3% da agosto e del 12,4% rispetto a settembre 2017.
  • Il prezzo a casa mediana dello stato di settembre è stato di $ 578.850, in calo del 2,9% da agosto, ma del 4,2% da settembre 2017.
  • Le inserzioni attive in tutto lo stato sono aumentate per il sesto mese consecutivo, aumentando del 20,4 percento rispetto all’anno precedente.
  • L’inventario ha raggiunto il livello più alto in 31 mesi, con l’indice di inventario invenduto che ha raggiunto 4,2 mesi a settembre.
  • Le vendite da inizio anno a settembre sono diminuite del 3,3%.

Naturalmente una cosa simile sta accadendo anche sulla costa orientale. A questo punto, le cose si sono raffreddate così tanto a New York che viene chiamato  “mercato di un acquirente” …

I costosi immobili di New York City sono diventati un “mercato per gli acquirenti”, suggeriscono nuovi dati, caratterizzati da offerte lowball e un aumento del numero di immobili che rimangono sul mercato più a lungo.

Gli ultimi dati di Warburg Realty  mostrano che tra le case dai prezzi più alti, New York City sta vivendo un “grande cambiamento” che riflette un mercato di raffreddamento, il che non si vede da quasi dieci anni.

“Offre il 20% e il 25% al ​​di sotto dei prezzi richiesti, un fenomeno visto per l’ultima volta nel 2009”, ha scritto il fondatore e CEO di Warburg Realty, Frederick W. Peters, nel  rapporto che esamina le condizioni immobiliari della città.

In ultima analisi, non è un mistero come siamo arrivati ​​a questo punto.

Durante l’era di Obama, la Federal Reserve ha spinto i tassi di interesse fino al pavimento per anni, e questo ha fatto sì che “Housing Bubble 2” diventasse ancora più grande della bolla immobiliare originale.

Ora la Federal Reserve ha alzato in modo aggressivo i tassi di interesse, e questo sta facendo scoppiare la bolla che hanno creato in primo luogo.

Quindi se vuoi dare la colpa a qualcuno per questo casino, dai la colpa alla Federal Reserve.   La Federal Reserve ha creato enormi “boom” e “busti” sin da quando è stata creata nel 1913, e si spera che il popolo americano sarà indignato abbastanza dopo questo “giro” successivo per iniziare a chiedere un vero cambiamento.

Ho chiesto l’abolizione della Federal Reserve  per anni , e ci sono molti altri là fuori che vogliono anche tornare a un sistema finanziario di libero mercato.

La storia ha dimostrato che i mercati liberi funzionano molto bene una volta che si tolgono le catene, e come nazione abbiamo un disperato bisogno di ritornare ai valori e ai principi su cui questa nazione è stata fondata.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...