Blankfein era “misterioso” Goldman Exec Presente durante l’incontro 1MDB notificato da DOJ

zerohedge.com 8.11.18

La scorsa settimana, il Dipartimento di Giustizia ha archiviato il primo turno di accuse penali relative alla massiccia frode internazionale che era lo scandalo 1MDB.

I pubblici ministeri statunitensi hanno affermato che oltre 4,5 miliardi di dollari sono stati sottratti dal fondo sovrano, creato dal governo dell’ex Primo Ministro caduto in disgrazia, Najib Razak, che alla fine ha portato il fondo del governo a un default su quasi $ 2 miliardi di obbligazioni in valuta locale, brevemente ammaccando il valore del ringgit malese. I detentori di tali obbligazioni stanno ancora lavorando a un accordo di ristrutturazione con il fondo.

Nel frattempo, l’ex capo di Goldman Sachs, Sud-Est asiatico, Tim Leissner si è dichiarato colpevole di accuse di frode e dovrebbe cooperare con le autorità contro altri funzionari più anziani della banca. Uno dei suoi colleghi banchieri, Roger Ng, è stato arrestato dalla polizia malese e dovrebbe essere estradato negli Stati Uniti, anche se come riportato stamattina, Ng sta combattendo contro l’estradizione (per un resoconto completo degli ultimi eventi, vedi questo post ) .

Ciò che forse era ancora più curioso del reclamo del DOJ, è stato il riferimento di un ” funzionario Goldman anziano” che è stato determinante e coinvolto nella creazione di stretti rapporti sia con 1MDB che con il governo Razak, legami che avrebbero permesso a Goldman di emettere 6 miliardi di dollari in tre emissioni in obbligazioni sottoscritte da Goldman che ha compensato $ 600 milioni di commissioni per la banca.

E, come abbiamo aggiunto durante il fine settimana , tutto questo sta accadendo in un momento terribile per Goldman “che ha recentemente subito una transizione di leadership, con l’ex CEO di lunga data Lloyd Blankfein che consegna le redini a John Solomon, che è meglio conosciuto per il chiaro di luna come DJ .

E come l’ampiezza dello scandalo – e la probabilità che i dipendenti più anziani della banca possano aver guardato dall’altra parte ( anche se, per essere sicuri, Blankfein ha ripetutamente negato di avere alcuna conoscenza del ruolo di Goldman) – diventa sempre più evidente, i tempi di Blankfein l’uscita sembra sempre più sospetta.

E ora ora sappiamo perché, perché ora sembra che il nostro riferimento velato che Blankfein possa essere stato il funzionario anziano senza nome di Goldman, fosse in realtà preciso.

In un nuovo rapporto, Bloomberg scrive che anni prima che Goldman Sachs stipulasse accordi obbligazionari ora al centro di sonde di corruzione a livello mondiale, “l’allora amministratore delegato dell’azienda, Lloyd Blankfein, contribuì personalmente a stringere legami con la Malesia e il suo nuovo fondo sovrano.”

Ma, cosa ancora più importante, Blankfein è stato il non meglio identificato “misterioso” dirigente Goldman Sachs di riferimento nei documenti del tribunale statunitense che ha partecipato a un incontro del 2009 con l’ex primo ministro malese, hanno riferito fonti di Bloomberg. E quel che è peggio, l’incontro è stato organizzato con l’aiuto di uomini che ora sono legati al saccheggio successivo del fondo 1MDB, secondo i documenti del tribunale USA non sigillati la scorsa settimana.

L’incontro presso l’hotel Four Seasons di New York è stato organizzato con la partecipazione di due figure chiave dello scandalo 1MDB, l’uomo d’affari malese Jho Low e l’ex partner Goldman Tim Leissner, una persona con conoscenza diretta della questione, che chiedeva di non essere identificata poiché l’informazione non è pubblica.

È stato questo incontro di alto livello – a cui ha partecipato anche il CEO di Goldman Blankfein – che ha gettato le basi per una relazione che si sarebbe dimostrata estremamente redditizia per la banca d’investimento.

Mentre un portavoce di Goldman ha rifiutato di commentare Bloomberg a nome di Blankfein, la banca ha ripetutamente dichiarato di non sapere nulla di corruzione, e ha semplicemente creduto che i proventi delle vendite di debito sottoscritto “erano per progetti di sviluppo” e poi hanno gettato Leissner sotto l’autobus, accusando il l’ex socio di Goldman per aver nascosto informazioni alla ditta.

Oltre a Goldman, all’adunanza ha partecipato anche l’ormai famigerato Jho Low, un banchiere in gran parte sconosciuto la cui ascesa meteorica era riuscita a coltivare relazioni con alti funzionari governativi malesi, tra cui l’allora primo ministro Najib Razak. E mentre le sontuose abitudini di spesa di Low erano il foraggio tabloid di New York durante il meeting, Bloomberg ha aggiunto che a circa due mesi dall’incontro, Leissner e un altro banchiere Goldman hanno iniziato uno sforzo di anni per portare Low a bordo come cliente, una richiesta che gli addetti all’ottemperanza dell’azienda sono stati costantemente respinti .

È stato il coinvolgimento di Blankfein a mettere in luce la lucrosa relazione della banca con 1MDB e la Malesia? Secondo quanto riferito, il Dipartimento di Giustizia sta esaminando proprio questo. Detto questo, non c’è alcuna indicazione che Blankfein fosse a conoscenza delle valutazioni interne di Low, o conoscesse le identità di tutte le persone presenti all’incontro.

I documenti depositati da un agente dell’FBI a giugno hanno dichiarato che gli elementi di prova a sostegno di Low erano presenti alla riunione. L’agenda per l’incontro del novembre 2009 è stata mappata da Low e includeva un “debriefing” con Najib e i “ragazzi 1MDB” dopo che i dirigenti di Goldman se ne erano andati, i documenti mostrano.

Allo stesso tempo, l’incontro ha offerto a Blankfein la possibilità di parlare con Najib nel suo primo anno da primo ministro, e la visita di Najib a New York ha incluso incontri con altri leader aziendali e investitori statunitensi. Un mese dopo la riunione, la commissione per i titoli della Malesia ha annunciato che Goldman Sachs avrebbe istituito operazioni di consulenza per la gestione dei fondi e la finanza aziendale nella nazione .

Avanti veloce alla scorsa settimana, quando gli Stati Uniti accusarono Low di collaborare con i banchieri Goldman per rubare denaro da 1MDB, e ancora più importante, Leissner si dichiarò colpevole di cospirazione per riciclare denaro e violare la Foreign Corrupt Practices Act pagando tangenti. Inoltre, i guadagni di Goldman dagli accordi sono diventati un punto dolente anche per il nuovo governo malese, che spera di recuperare parte del denaro.

Per quanto riguarda l’ex amministratore delegato di Goldman, come notato sopra, Blankfein, che recentemente è andato in pensione come amministratore delegato della banca ma continua a ricoprire il ruolo di presidente, ha detto in una conferenza a New York la scorsa settimana di non sapere che i dirigenti mancano le bandiere rosse nei rapporti 1MDB. Invece, ha detto, la questione era un problema di alcuni impiegati che schivavano i controlli bancari e mentivano a riguardo.

Certo, sarebbe ingenuo pensare che Leissner sia stato in grado di tirare da solo le corde, non solo in banca, ma anche attraverso il dipartimento di stato americano, per consentire a miliardi di fondi illeciti di fluire attraverso i confini degli Stati Uniti. Per quanto riguarda Blankfein, se il DOJ sta davvero guardando il CEO della banca, allora forse dovrebbe anche guardare al Dipartimento di Stato e al Segretario di Stato che ha presieduto all’epoca molti di questi presunti schemi fraudolenti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...