L’Italia lancia il guanto per sfidare l’establishment di Bruxelles

zerohedge.com 19.11.18

Scritto da Arkady Savitsky tramite The Strategic Culture Foundation,

L’UE ha avuto molti problemi a disposizione, poiché i suoi membri, come la Polonia e l’Ungheria, stanno apertamente sfidando l’ordine stabilito. Questa volta è una situazione molto seria, perché Bruxelles sta affrontando la sfida dell’Italia, la terza più grande economia nazionale nella zona euro e l’ottava più grande economia globale in termini di PIL nominale. Ha una popolazione di oltre 60 milioni. È anche un paese europeo e il membro fondatore del blocco.

Il governo italiano  ha respinto  le richieste dell’Ue di rivedere il suo progetto di bilancio per il 2019 che include un deficit del PIL del 2,4%, che potrebbe aumentare pericolosamente il debito pubblico della nazione. La coalizione di governo a Roma, che è composta dalla Lega e dal movimento populista Five Star, ha deciso di aumentare i prestiti in modo che possa finanziare le sue promesse elettorali, come la riduzione dell’età pensionabile e l’aumento dei sussidi.

Il mese scorso la Commissione europea ha affermato che questi obiettivi di spesa erano contrari alle norme dell’UE. Roma è gravata dalla seconda più alta quantità di debito pubblico nella zona euro. Esiste una differenza del 131,8% tra prestiti e produzione economica, ma il governo ritiene che conseguirà una crescita economica sostanziale, mentre le previsioni dell’UE per l’Italia sono piuttosto tetre. Il 13 novembre è stata la scadenza per la presentazione di un progetto di bilancio riveduto. Roma non ha rispettato. Ora la leadership dell’UE la sta minacciando con sanzioni fino a quando non si adeguerà. L’Italia potrebbe essere schiaffeggiata con una multa di 3,4 miliardi di euro.

Il governo italiano prende una posizione indipendente su una moltitudine di problemi. È visto come favorevole alla Russia nelle sue richieste di revocare, o almeno di alleggerire, le sanzioni contro la Federazione Russa. Il primo ministro italiano Giuseppe Conte ritiene che Mosca dovrebbe essere riammessa al G7. Il primo ministro italiano ha visitato Mosca alla fine di ottobre, chiamando la Russia come un giocatore globale fondamentale e invitando Putin a visitare l’Italia. Nonostante le misure punitive imposte dall’UE, il signor Conte ha firmato una serie di accordi commerciali e di investimento. L’anno scorso, il partito di maggioranza parlamentare russo, la Russia unita e la Lega Nord (Lega Nord), un membro della coalizione al potere, hanno firmato un accordo di cooperazione. Il consiglio regionale del Veneto, dove il Vice Primo Ministro Matteo Salvini detiene una posizione di forza, ha riconosciuto la Crimea come parte della Russia nel 2016.

L’Austria è un altro membro dell’UE amico della Russia. Persino il recente “scandalo di spie”, evidentemente messo in scena da forze esterne per rovinare quella relazione bilaterale, non è riuscito a danneggiare quel rapporto. “Siamo un paese che ha buoni contatti con la Russia, siamo orientati al dialogo, non cambierà in futuro”, ha  detto il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, parlando ai giornalisti il ​​14 novembre. Il partito popolare conservatore e l’estrema destra Il Partito della libertà – i membri della coalizione di governo – sono ben disposti nei confronti di Mosca e non sostengono la politica di sanzioni dell’UE.

L’Ungheria è un altro membro dell’UE amico della Russia. Il mese scorso, il Parlamento europeo ha votato l’avvio della procedura di sanzione dell’articolo 7 contro l’Ungheria. Il governo guidato dal primo ministro Victor Orban è stato accusato di mettere a tacere i media, di prendere di mira le ONG e di rimuovere i giudici indipendenti. L’avvio delle procedure previste da tale articolo apre la porta alle sanzioni. L’Ungheria potrebbe essere temporaneamente privata dei diritti di voto dell’UE. In realtà, il paese viene punito per aver rifiutato di accogliere i migranti.

Questa è la seconda volta che sono state avviate le procedure dell’articolo 7. La prima volta è stato l’anno scorso, quando la Commissione europea ha messo in moto questo articolo contro la Polonia per le sue riforme giudiziarie. È richiesto il voto unanime per sospendere i diritti di voto dell’Ungheria e introdurre sanzioni. La mossa sarà probabilmente bloccata dalla Polonia. A sua volta, l’Ungheria ha detto che starebbe a fianco di Varsavia nel caso in cui l’UE avvii le procedure per punirlo. Le due nazioni  sono unite  nei loro sforzi per sostenersi a vicenda e respingere gli sconfinamenti di Bruxelles in un momento in cui il blocco sta attraversando i  momenti più difficili  della sua storia.

Ungheria, Polonia e Russia stanno cercando di attirare l’attenzione dell’Europa sulla minaccia alla democrazia e alla pace emanate dall’Ucraina, un problema che è stato in gran parte messo a tacere dalla leadership dell’UE.

La Slovacchia è un altro stato membro dell’Unione Europea per coltivare ciò che alcuni chiamano “legami speciali” con la Russia. Non è mai stato contento delle sanzioni contro Mosca e lo ha apertamente detto. Il mese scorso, il suo nuovo primo ministro, Peter Pellegrini, ha  invitato l’UE  a rivedere la politica sanzionatoria.

In Grecia è stata organizzata anche una fila diplomatica, ma, come nel caso dell’Austria, potrebbe aver offuscato quei legami storicamente stretti ma non è riuscito a separarli. Cipro è sempre stata amichevole nei confronti di Mosca, ma Nicosia e Atene non sono in grado di proteggere la loro indipendenza, in quanto entrambi sono fortemente indebitati e dipendenti dai prestiti esteri.

La battaglia tra Bruxelles e Roma arriva in un momento in cui l’Europa si prepara per le elezioni del Parlamento europeo nel maggio 2019. Le misure punitive prese dall’UE contro l’Italia porteranno certamente a un crescente sostegno pubblico a quel governo che sta resistendo alle pressioni per per difendere la sua gente. Aumenterà il numero di euroscettici italiani che vinceranno posti. Con così tanti paesi insoddisfatti della leadership dell’UE, è difficile prevedere il risultato. Presto ci saranno altre persone al timone che hanno opinioni abbastanza diverse sui problemi che devono affrontare l’UE, così come sul futuro del blocco.Tutto può cambiare, compreso il rapporto con la Russia e le sanzioni che sono diventate così impopolari e hanno portato molti leader nazionali a sfidare apertamente la saggezza di tale politica imposta da pochi potenti.