Whistleblower coinvolge Deutsche Bank in uno scandalo di riciclaggio di denaro da $ 150 miliardi

zerohedge.com 19.11.18

Proprio quando la Deutsche Bank probabilmente pensava al peggio dei suoi problemi legali (oltre lo scandalo Libor, le vendite di scadenti titoli garantiti da ipoteche, FX e sartiame di metalli preziosi che collettivamente provocavano decine di miliardi di multe legali) erano dietro di esso, il prestatore tedesco in difficoltà è stato inserito più a fondo nel più grande scandalo di riciclaggio di denaro nella storia europea .

Seguendo le segnalazioni nel corso del fine settimana che Deutsche, JPM e Bank of America erano state contattate da investigatori federali sul coinvolgimento delle loro attività bancarie corrispondenti nella compensazione delle transazioni per la filiale estone della Danske Bank, l’informatore che ha contribuito a far saltare il coperchio dello scandalo di Danske per 234 miliardi di dollari testimonianza al parlamento danese che $ 150 miliardi di dollari sono stati liquidati da un grande creditore europeo, fermandosi prima di nominare Deutsche, probabilmente per rispettare le regole di riservatezza che regolano il lavoro del denunciante presso la Danske. Per inciso, come Bloomberg aggiunge citando una “persona familiare”, la banca senza nome è Deutsche Bank.

Deutsche ha continuato a chiarire le transazioni per la filiale estone di Danske fino al 2015, due anni dopo che JPM aveva concluso le sue relazioni bancarie con la filiale estone di Danske per le preoccupazioni di AML. I fondi sospetti hanno attraversato Danske tra il 2007 e il 2015 prima che il più grande istituto di credito della Danimarca chiudesse il proprio portafoglio di non residenti rispetto alle preoccupazioni di AML.

DB

In una revisione interna rilasciata all’inizio di quest’anno, Danske ha ammesso che la maggior parte dei 234 miliardi di dollari in contanti non residenti provenivano da fonti sospette in Russia, Azerbaigian e Moldova. Con l’aiuto delle banche corrispondenti che liquidano il dollaro, Danske convertì i rubli e le altre valute straniere in dollari e la trasferì nel sistema finanziario occidentale. Circa 8 miliardi di dollari di denaro sono stati convertiti tramite “Mirror Trades” legale-benché ombreggiato, in cui un cliente compra e vende un titolo in due valute diverse, in genere per aiutare a riciclare i loro soldi in dollari ed euro (in una strana coincidenza, purtroppo non sorprendente) La scrivania di Deutsche a Mosca è stata coinvolta in uno scandalo commerciale speculare di un paio di anni fa).

Howard Wilkinson , ex dipendente di Danske, ha dichiarato che parte del denaro scorreva attraverso una società commerciale con sede a Londra chiamata Lantana Trade, che si dice abbia legami con la famiglia del presidente russo Vladimir Putin e membri del FSB. Wilkinson dovrebbe testimoniare davanti ai parlamenti danese e dell’UE questa settimana e parlerà anche con gli investigatori statunitensi, secondo il Financial Times . Oltre al DOJ e al SEC, FinCEN ha affermato di essere attivamente interessato al caso Danske.

Wilkinson, che per primo avvertì i dirigenti di Danske a Copenaghen delle attività sospette in Estonia nel 2013 e 2014, alludeva anche a una “grande banca statunitense”, che il Financial Times identificava come JPM.

Il signor Wilkinson ha anche colpito la “grande banca USA 1”, nota per essere JPMorgan Chase, che nel 2013 ha interrotto le sue relazioni bancarie con Danske per le preoccupazioni sul portafoglio non residente in Estonia nel cuore dello scandalo che ha avuto luogo nel 2007. fino al 2015. “Ci mettono sette anni”, ha detto, di quanto tempo ci sono voluti per porre fine alla loro relazione con Danske.

In passato, le banche corrispondenti coinvolte in scandali di riciclaggio di denaro simili a quelli di Danske sono state trattate come involontari involontari dai pubblici ministeri. Ma i passi aggressivi intrapresi dai pubblici ministeri statunitensi (i regolatori di Danimarca, Londra, Estonia e UE stanno anche esaminando lo scandalo) suggeriscono che questo potrebbe essere l’inizio di un giro di vite che potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui le grandi banche internazionali gestiscono i controlli AML attività bancaria corrispondente.

Ciò, a sua volta, potrebbe creare seri problemi per le banche del Baltico, che potrebbero trovarsi effettivamente tagliate fuori dal più ampio sistema finanziario globale, anche se adottano le misure necessarie per rafforzare i loro controlli AML. Secondo i verbali delle riunioni prima riportati dalla FT, i direttori di Danske hanno riconosciuto l’attività sospetta in Estonia, ma nell’aprile 2014 Wilkinson ha detto che era chiaro che la banca non aveva intenzione di agire. In effetti, l’ex amministratore delegato della Danske, Thomas Borgen, che aveva gestito in precedenza le attività internazionali della banca, avrebbe preso provvedimenti per proteggere la filiale estone, che Danske ha assunto durante l’acquisizione della finlandese Sampo Bank.

Ti daremo una ipotesi sul perché:

Danske