Paradiso Pontevedra: 80.000 abitanti, e neppure un’auto

libreidee.org 21.11.18

«Immaginate per un attimo di uscire di casa e non dover sentire il rumore delle auto, dei clacson, e di potere respirare un aria leggera, pulita. Così, ogni giorno. Se per alcuni potrebbe sembrare un sogno, stare lontano dai rumori e dall’inquinamento, per altri è la quotidianità», scrive Michele Cocchiarella su “Wired”, pensando a Pontevedra, in Galizia, nell’estremo nord-ovest della Spagna, soprannominata “la città senza auto”, grazie a una massiccia politica di pedonalizzazione portata avanti dalle amministrazioni fin dal 1999. Gli effetti di questa scelta, conferma Massimiliano Zocchi su “Coscienze in Rete”, oggi si traducono in benessere di vita per gli abitanti, turismo fiorente, attività commerciali che crescono, così come è in aumento anche la popolazione. Ormai, a Pontevedra, spostarsi in automobile è quasi del tutto proibito. Non si tratta di un piccolo paesino, dove potrebbe sembrare un provvedimento semplice, ma invece è un centro da oltre 80.000 abitanti. La pedonalizzazione è partita dal centro storico, per poi estendersi anche ad aree periferiche, con solo pochi tratti aperti alle auto, dove però il limite di velocità è fissato a 30 chilometri orari. Primo risultato evidente: incidenti stradali calati in modo drastico e zero vittime della strada.

«Il piccolo commercio, che spesso si dice soffra nel caso di aree pedonali, invece qui fiorisce, grazie al continuo passaggio di persone che possono guardare le vetrine senza paura di essere investite, o frastornate dal continuo rumore dei veicoli a Pontevedramotore», aggiunge Zocchi. Anche la popolazione sembra apprezzare il modello, deciso dal sindaco Miguel Anxo Fernandez Lores. «Mentre diverse città della Galizia perdono abitanti, Pontevedra ne riceve, con oltre 10.000 cittadini che hanno deciso di trasferirsi nella città car-free». Tranquillità e aria pulia, resa molto più respirabile dall’assenza delle auto. L’inquinamento derivante dal traffico è sceso del 95%, per un totale di emissioni di CO2 diminuite del 70%, grazie agli spostamenti che avvengono perlopiù in bici o a piedi. «Le dimensioni del centro abitato sicuramente hanno facilitato questo cambiamento, ma ci sarebbero tante città, anche italiane, dove sarebbe possibile attuare politiche simili. Ma si sa, troppo comodo parcheggiare l’auto davanti al negozio che dobbiamo visitare».

Il sindaco Miguel Anxo Fernandez Lores, eletto nel 1999 è giunto al suo quinto mandato, riporta Cocchiarella su “Wired”: non sono mancati i riconoscimenti alla città come l’ultimo nel 2015, il premio internazionale di eccellenza urbana del Center for Active Design a New York. «Il primo cittadino Lores ha guidato una rivoluzione contro le 27.000 auto che percorrevano le strade del centro», riducendo il traffico del 90%. «Solo questo basterebbe per rendersi conto di quanto importanti siano gli effetti di una politica di questo tipo». Ma andando oltre, aggiunge “Wired”, il numero degli incidenti è passato dai 1.203 del 2000 agli appea 484 nel 2014, e il 70% degli spostamenti avviene in bicicletta o a piedi. Non è tutto: ad aiutare turisti e cittadini ci pensano anche due app, “Metrominuto” (che permette di calcolare i tempi di percorrenza a piedi da un posto Miguel Anxo Fernandez Loresall’altro) e “Pasominuto”, in cui sono presenti venti itinerari e dove per le distanze percorse vengono calcolati anche il numero di passi e le calorie bruciate.

L’effetto di questo cambiamento ha colpito anche il commercio locale che non conosce crisi, e c’è stato un incremento degli spazi verdi e delle aree da gioco per bambini. «Vista così, paragonata ad altre molto meno sostenibili, sembra quasi una città lontana dai tempi odierni», aggiunge Cocchiarella. «Certo forse non sarebbe facile pensare a misure simili nelle città con maggiori criticità su determinati profili, ma di sicuro si potrebbe puntare su altre soluzioni in linea con ogni tipo di territorio». Quello che colpisce è che a Pontevedra questo percorso è iniziato quindici anni fa, e oggi ha prodotto risultati che fanno invidia a tanti. «Quando si parla di problemi legati all’inquinamento, sostenibilità, traffico, in alcune città sembra sempre di essere lontani secoli da una svolta», scrive “Wired”. «La differenza è nella volontà di mettere in atto una serie di misure che migliorino la vita di ogni giorno». Da noi, traffico e smog a molti sembrano un’abitudine, un problema di cui si parla solo quando determinati parametri sono oltre la media e quindi scattano le misure immediate. «Troppo spesso si percepisce questo e non gli effetti di una politica lungimirante», osserva ancora “Wired”. «Le idee non mancano, gli esempi pure. Chi vive in posti dove i polmoni sono messi a dure prova, sa cosa significa. E pensare che a Pontevedra tutto è iniziato quindici anni fa: noi a cosa pensavamo?».