Addio al Banco di Napoli: la storia del saccheggio del Mezzogiorno

Valerio Papadia napolifanpage.it 6.12.18

VIDEO

https://youmedia.fanpage.it/video/aa/XAa5JeSwRe1Y_cvY#ce=1


NAPOLI – Lo scorso 26 novembre è calato il sipario su una delle pagine più importanti della storia di Napoli e del Mezzogiorno: con l’acquisizione da parte del Gruppo Intesa Sanpaolo, il Banco di Napoli ha definitivamente cessato di esistere. Per anni l’istituto di credito di riferimento della città e del Meridione, e uno dei più importanti del Paese, c’è chi pensa che il Banco di Napoli, e in questo modo le risorse del Sud, sia stato saccheggiato in favore delle banche e delle industrie del Nord. E allora, com’è possibile che un istituto di credito di tale rilevanza sia fallito e, addirittura ormai, sia stato cancellato? Di chi è la colpa della depauperazione della città e del Mezzogiorno? Fanpage.it prova a ripercorrere la storia del Banco di Napoli attraverso le testimonianze di chi ha vissuto almeno gli ultimi 40 anni di storia dell’istituto da protagonista.

“O’ Banco ‘e Napule è l’ideale per rifarsi delle spese, per coprire il disavanzo della finanza piemontese” cantava Eugenio Bennato nel raccontare la storia del brigante Giuseppe Summa, conosciuto come Ninco Nanco, ponendo l’accento sul saccheggio del Sud a beneficio degli interessi del Nord. Istituito nel 1463, dopo oltre 500 anni di storia gloriosa, negli anni Novanta comincia il declino del Banco di Napoli. Nel 1996, l’allora presidente della Banca d’Italia, Carlo Azeglio Ciampi, dichiarò i crediti del Banco di Napoli inesigibili, ma non era vero: il 90 percento di quei crediti venne infatti recuperato, ma non ha importanza. Si decide di vendere, anzi di svendere, il Banco di Napoli alla Banca Nazionale del Lavoro, sull’orlo del fallimento, per 61 miliardi di lire. In poco tempo, BNL rivende il 56 percento dell’istituto di credito napoletano per una cifra pari a 3600 miliardi: il margine di profitto è di quasi il 1000 percento.

“Il Banco di Napoli non muore perché era una banca che non funzionava, muore perché dava fastidio alle banche e alle imprese del Nord” dice Sergio Angrisano, del comitato “Salviamo il Banco di Napoli”. “Il Banco di Napoli era il tappabuchi di tutti i guai che succedevano a Napoli” ricorda Carlo della Ragione, presidente dell’Unione Nazionale fra i pensionati nel Banco di Napoli. “Si facevano prestiti alle piccole e medie imprese del territorio, a prezzi veramente di favore – ricorda ancora Angrisano -. Se a una banca territoriale togli questa facoltà, in favore delle banche del Nord, stai facendo un danno incredibile alle imprese e quindi al territorio”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.