La Cina prepara le ritorsioni all’arresto del CFO di Huawei

zerohedge.com7.12.18

Aggiornamento: Reuters ha confermato il precedente rapporto Bloomberg che l’arresto di Wanzhou ha provocato “un intenso dibattito” tra alti funzionari del Partito Comunista su come rispondere.

Secondo un rapporto separato, Huawei ha fatto un “impegno” di 2 miliardi di dollari per affrontare “problemi di sicurezza” sollevati dal governo britannico all’inizio di quest’anno.

Alla domanda se pensa che l’arresto si riverserà nei negoziati commerciali, Larry Kudlow ha dichiarato durante un’intervista post-lavoro sulla CNBC che “ne dubita piuttosto”, aggiungendo che la Cina ha accettato di parlare delle preoccupazioni per la sicurezza (per esempio la Cina pervasiva cyberpionage) sollevato durante la riunione dello scorso fine settimana. Ha anche accennato al fatto che Trump potrebbe essere disposto ad estendere il periodo di 90 giorni previsto per i negoziati, mentre ritiene che le tariffe delle automobili “scenderanno rapidamente”.

  • KUDLOW DICE GLI STATI UNITI È STATO AVVERTIMENTO HUAWEI SULLA VIOLAZIONE DELLE SANZIONI
  • KUDLOW: HUAWEI NON DEVE CEDERSI NEGLI SCAMBI W / CINA
  • KUDLOW DICE HUAWEI È “LA PISTA SEPARATA” DALLE COLLOQUI COMMERCIALI
  • KUDLOW DICE LE TARIFFE PER AUTO CINESI SCENDERANNO RAPIDAMENTE

… E le scorte sparano più in alto.

* * *

Mentre l’oltraggio di Pechino per l’arresto del CFO di Huawei Wanzhou Meng si avvicina al suo arrendersi del venerdì in un tribunale canadese, Bloomberg ha fatto luce su come le notizie sul suo arresto abbiano avuto risonanza con diverse fazioni nella leadership cinese.

Il risultato è che mentre i funzionari incaricati di gestire i negoziati commerciali della Cina ritengono che la Cina non dovrebbe permettere all’arresto di Wanzhou di influenzare i negoziati commerciali, i funzionari della sicurezza nazionale fermano l’arresto è un imbarazzo per il leader cinese Xi Jinping, che secondo quanto riferito non avrebbe avuto alcuna idea la figlia di un’icona del business cinese e di un membro del Partito Comunista era stata arrestata in Canada – e la Cina avrebbe dovuto usare i negoziati commerciali come leva per chiedere la sua liberazione.

I media occidentali hanno riferito che, mentre i funzionari della Casa Bianca e il Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton erano a conoscenza dell’arresto di Wanzhou prima dell’incontro di sabato tra Trump e Xi, il presidente in qualche modo non ne aveva idea.

Ora, BBG riferisce che Xi non aveva idea che uno dei dirigenti più importanti del suo paese fosse stato preso in custodia prima di sedersi con Trump. Questa asimmetria è vista come profondamente imbarazzante per il leader cinese, e molti ritengono che semplicemente lasciare che i negoziati commerciali avanzino come piano sarebbe una capitolazione inconcepibile, in particolare se (come sostengono molti analisti) l’amministrazione Trump intende usare il suo arresto come leva.

Sabrina

Altri ancora credono che l’arresto di Wanzhou sia un “regalo” per Xi, perché dà una copertura ai cinesi per scervellarsi e accusare gli Stati Uniti di usare la guerra commerciale come pretesto per ostacolare l’ascesa della Cina come superpotenza globale. Alla luce dell’arresto di Wanzhou, un simile atteggiamento susciterà probabilmente più simpatia dal resto del mondo.

Mentre la Cina pensa a come rispondere, almeno c’è un lato positivo: aiuta la Cina a sembrare sincera al mondo nel voler risolvere la guerra commerciale. Può dire che sta cercando di risolvere il problema, ma gli Stati Uniti hanno una strategia radicata per tagliare l’ascesa della Cina come potenza globale – un tema che i media statali hanno raccolto venerdì.

“L’arresto di Huawei dà ai leader cinesi un enorme dono”, ha detto Barry Naughton, professore all’Università della California a San Diego che studia la Cina. “Rende super plausibile la narrativa che hanno cercato di promuovere da sempre: ” Gli Stati Uniti non sopportano la nostra ascesa, non possono sopportare di perdere il loro dominio, non possono trattare nessuno come un pari “.

Ma un fatto saliente è stato concordato da tutte le parti: l’arresto di Wanzhou non promette nulla di buono per una distensione commerciale.

Funzionari preoccupati per l’economia hanno avvertito che un crollo dei colloqui commerciali avrebbe danneggiato la Cina più dell’arresto di Huawei. Trump ha minacciato di aumentare le tariffe fino al 25% di beni cinesi per un valore di $ 200 miliardi se un accordo non viene raggiunto in 90 giorni. Nel caso peggiore di un dazio del 25% su tutti i beni cinesi, la crescita economica del 2019 potrebbe crollare di circa 1,5 punti percentuali al 5 percento, in calo rispetto alle 6,6 previste per quest’anno, secondo Bloomberg Economics.

“La detenzione del CFO di Huawei non è un incidente casuale e getterà un’ombra sui negoziati commerciali, ma entrambe le parti lavoreranno sodo per evitare questa cattiva influenza”, ha detto Wei Jianguo, ex vice ministro del commercio e ora vice presidente del Centro Cina per gli scambi economici internazionali. “La negoziazione tra i gruppi di lavoro cinesi e statunitensi procede senza intoppi, e in realtà è molto meglio di quanto non ci si aspetti al di fuori delle aspettative”.

Perché anche se il presidente Xi decidesse di continuare a negoziare come previsto dall’accordo di sabato, ora dovrà estrarre ancora più concessioni per non apparire impotente. E anche se i funzionari cinesi hanno detto che non si vendicheranno arrestando i dirigenti statunitensi – beh – non daremmo la colpa ai dirigenti statunitensi in Cina per aver afferrato i loro passaporti e aver noleggiato un volo in qualsiasi luogo eccetto la Cina il più rapidamente possibile.

“L’arresto della signora Meng minaccia di rendere impotente la leadership cinese nel garantire la liberazione non solo di un cittadino, ma di un alto dirigente e figlia di una delle icone del business cinese”, ha dichiarato Michael Hirson, direttore Asia dell’Eurasia Group e ex Tesoro degli Stati Uniti Funzionario del Dipartimento. “Il sentimento nazionalista renderà quindi più difficile per Pechino offrire maggiori concessioni a Trump”.

Almeno pubblicamente, la Cina sta tenendo separati i problemi. Giovedì, il portavoce del ministro del commercio Gao Feng ha detto ai giornalisti che la Cina sta attuando accordi raggiunti con gli Stati Uniti su agricoltura, automobili ed energia. “Nei prossimi 90 giorni lavoreremo secondo il chiaro calendario e la road map” per negoziare in aree di reciproco vantaggio, ha affermato.

Poi, venerdì, il portavoce del ministero degli Esteri, Geng Shuang, ha respinto le preoccupazioni che la Cina si sarebbe vendicata contro le compagnie statunitensi.

“La Cina protegge sempre i diritti legali e gli interessi degli stranieri in Cina, ma dovrebbero anche rispettare tutte le leggi e i regolamenti cinesi”, ha detto Geng.

In quella che è forse la più chiara indicazione dell’oltraggio della Cina per l’arresto, i media governativi hanno fatto irruzione contro l’arresto di Meng negli editoriali pubblicati venerdì.

“Ovviamente Washington ricorre a un approccio spregevole del ladro in quanto non può fermare il progresso dei 5G di Huawei nel mercato”, ha detto in un editoriale il citato comunista Global Times.

Il risultato: se gli Stati Uniti cercano di usare l’arresto di Whenzhou come leva, potrebbero finire per uccidere un accordo promettente.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.